Apri il menu principale

Bara (genere narrativo)

genere narrativo

Bara (蔷薇? lett. "rosa"), noto anche come Men's Love (メンズラブ Menzu Rabu?), è un termine del gergo giapponese utilizzato per indicare un genere d'arte che si concentra sul desiderio e l'amore tra maschi, creato da e per uomini gay adulti: è il vero e proprio manga dedicato ai gay. Ebbe il suo preludio nei primi anni sessanta del XX secolo con le riviste fetish gay di contenuto artistico (immagini fotografiche, ritratti, dipinti).

Oltre al bara manga, chiamato anche GEI-Comi (ゲイコミ? lett. "gay comics") esistono anche un certo numero di videogiochi bara, così come romanzi e memorie autobiografiche. Risulta esser per lo più un fenomeno esclusivamente giapponese, con una limitata esposizione nel mondo occidentale soprattutto attraverso opere derivanti da fumetti: anche se incontra ancora qualche difficoltà a trovar editori in Europa, è stato già descritto come la prossima grande ondata porn-soft proveniente dal Sol Levante.[1]

Esso può variare sia per trama che per stile visivo, ma mantiene caratteristiche tipiche della cultura gay, quali l'alternanza tra personaggi maschili palestrati e depilati (Beefcake, o in alternativa kuma ( lett. "orso"?). Il bara ha di solito contenuti accentuatamente per adulti (inclusa violenza e storie di sfruttamento) e, rispetto al più classico romanticismo gay descritto dallo yaoi, ha spesso temi più realistici legati alla contemporaneità ed in parte anche autobiografici, in quanto va a scavare ed approfondire la natura del tabù nei riguardi dell'omosessualità che ancora esiste ed è ben presente all'interno della moderna società nipponica.

I commentatori anglosassoni si riferiscono spesso ancora al bara come fosse un sinonimo di yaoi, ma quest'ultimo è creato da e per donne con caratteristiche idealizzate prese dal bishōnen; e a volte conformantesi alla formula normativa eterosessuale che vuole in ogni caso un carattere maschile dominante (seme) ed uno femminile sottomesso (uke).[2] Al contrario invece il bara è a tutti gli effetti un sottogenere dello hentai ed assomiglia molto come impostazione ai fumetti seinen piuttosto che a quelli rivolti ad un pubblico femminile (shōjo, josei).

TerminologiaModifica

Il termine, in relazione a creazioni artistiche rivolte a uomini adulti omosessuali, ha la sua origine nel 1961: difatti una raccolta di fotografie fatte appositamente per esser vendute come libro da collezione è stato intitolato Bara kei ("Ordeal by roses" in inglese). Il fotografo era Eikoh Hosoe, mentre il fotografato in pose seminude da dandy decadente era il raffinato scrittore Yukio Mishima.[3]

Il termine è stato poi rafforzato dalla rivista Barazoku (蔷薇族? "tribù rosa") fondata nel 1971; si tratta della prima rivista ufficialmente gay asiatica ad esser venduta in librerie tradizionali (non di nascosto, quindi aperta ad un pubblico generalizzato)[4]. Infine bara-eiga (film rosa) è stato utilizzato a partir dagli anni '80 per descrivere il cinema espressamente a tematica gay.[5][6]

StoriaModifica

Il Giappone ha una storia omosessuale, in particolare pederastica, rappresentata dalle opere dell'arte erotica Shunga. Tuttavia, Gengoroh Tagame distingue tra una definizione culturale della sessualità proveniente dall'antica tradizione (molto spesso ai limiti della pedofilia) e quella sessualità molto più personale e innata, che ha trovato la sua maggior legittimità proprio nel moderno omoerotismo[7].

Seguendo il saggio critico approfondito di Tagame, la storia della moderna arte erotica gay in Giappone può esser ricondotta ad una rivista fetish uscita tra il 1960 e il 1974, Fuzokukitan. Anche se conteneva in parte eterosessualità e lesbismo, a differenza dei suoi concorrenti editoriali comincio ad aver via via sempre più contenuti ed articoli riguardanti il mondo gay, utilizzando l'arte erotica maschile molto più e più frequentemente di altre pubblicazioni. Anche artisti occidentali come George Quaintance e Tom of Finland sono stati illustrati in Fuzokukitan; inoltre diversi storici artisti bara fecero il loro debutto proprio nelle pagine di questa rivista.[7]

Anche alla fotografia omoerotica è stato accreditato un notevole contributo al successivo sviluppo del genere bara; ma è con la seconda generazione di artisti (quella operante tra la metà degli anni '80 e la metà dei '90) che scompare il dolore e la sofferenza generalizzata dalla narrazione bara, spostando anche l'attenzione delle fantasie del pubblico gay dalla bellezza spirituale dei samurai a quella molto più fisica ed immediata dei corpi degli sportivi o dei gangster.[7]

Successivamente le principali riviste gay, pur continuando a pubblicare storie classiche, iniziarono anche ad introdur questioni supplementari con articoli d'interesse più quotidiano, quali i diritti civili e le sfilate dell'orgoglio omosessuale (Gay pride), eventi correlati alla diffusione e prevenzione dell'AIDS.[7] Tutto questo pur continuando a mantener intatta e maggioritaria l'attenzione sulla fiction, sulla moda maschile e la fotografia erotica. Nei primi anni '90 la rivista Adon ha tentato di spostar parzialmente l'attenzione verso uno stile di vita più impegnato politicamente e lontano dal modo più superficiale d'intender il divertimento (discoteca, incontri, moda etc) più tipica delle riviste gay dell'epoca; eliminando anche i caratteri più pornografici e riducendo le sezioni fotografiche e narrative.[8]. Questo cambiamento però non ottenne il successo sperato e la rivista fu costretta a chiudere nel 1996[9]. Barazoku cessò invece le pubblicazioni nel 2004[4][10]

Nonostante queste storiche pubblicazioni abbiano definitivamente chiuso, oggi in Giappone ci sono molti più artisti e riviste gay disponibili in commercio rispetto agli anni '90[7]

Manga baraModifica

Il manga bara, conosciuto anche come GEI Comi, è a tutt'oggi un genere molto di nicchia in Giappone rispetto ad esempio allo yaoi,[11] anche se alcuni lavori son già stati tradotti in inglese.[12] ed alcune delle opere di Gengoroh Tagame sian state tradotte in francese[11][13].

Autori e pubblicazioniModifica

A tutt'oggi Gengoroh Tagame è considerato il creatore più influente di manga gay in Giappone; la maggior parte dei suoi primi lavori son apparsi su riviste gay e di solito avevano trame che comprendevano BDSM, tortura, stupro ed abusi sessuali in genere. Le sue illustrazioni di uomini muscolosi e pelosi sono state viste come catalizzatrici per un cambiamento nella moda tra gli uomini gay a Tokyo dopo il lancio di G-men nel 1995, lontano dagli stili filo-androgini dello yaoi e dirigendo una nuova tendenza volta alla rappresentazione di personaggi molto più mascolini e virili.[14] Il lavoro di Tagame è stato però criticato da altri come semplice "teatrino sadomaso" a causa della sua violenza e mancanza di trame più complesse.[14]. Altri ben noti artisti bara sono Takeshi Matsu, Inako Matsumoto, Mentaiko e Tsukasa Matsuzaki.[15]

Prima degli anni 2000 sedi principali per la pubblicazione di manga gay erano riviste e periodici, prima fra tutti Barazoku nata nel 1971; raramente contenevano storie a puntate. Sin dalla metà degli anni '90 la maggior parte delle storie erano semplice pornografia, con scarsa attenzione alla caratterizzazione dei personaggi o alla trama, e anche i racconti più lunghi erano in genere scarsamente sviluppati[16].

Barazoku conteneva a volte "alcune storie ben articolate che potrebbero esser meglio descritte ome erotiche piuttosto che porno", mentre i manga presenti in G-men erano più inesorabilmente propensi alla più sfacciata espressione sessuale, con pochissima attenzione alla cura del soggetto.[17] Gran parte dei primi lavori di Tagame è stato pubblicato in G-men, fondata nel 1994 per soddisfare le fantasie di uomini gay che preferivano il genere "macho", in contrapposizione al più elegante yaoi d'ispirazione e stile più popolare per tutti gli anni '80[18]. In qualità di rivista d'interesse generale per gli uomini gay G-men include manga, così come storie in prosa e materiale editoriale e fotografico; acquisendo così un pubblico stabile ed affezionato e venendo a presentar un'immagine meglio definita dell'ideale erotico omosessuale[19]. Il lavoro di Tagame ebbe un'importante influenza anche sullo stile di G-men; è stato inoltre uno dei primi periodici ad editare collezioni di manga in tankōbon

Con l'inizio degli anni '90 s'è verificata una sempre maggior attenzione da parte dei media nei confronti delle questioni LGBT in Giappone, abbinata ad un forte incremento della produzione di opere scritte da autori gay dichiarati: attirando anche lettrici che preferivano una tipologia fisica più maschile rispetto allo shōnen'ai e allo shōjo. Tali opere ondeggiano tra il bara vero e proprio e il gachi muchi.

Alcuni editori e negozi online hanno vaste sezioni pubblicitarie in lingua inglese, cercando in tal modo attivamente i lettori stranieri[20]. Uno dei primi portali online appositamente creati per portare alla conoscenza del pubblico i bara e a crear pagine in lingua inglese per inseguir acquirenti stranieri è stato lo Shoppers Arcobaleno, il quale vendeva sia manga gay che dojinshi.[15]

In Spagna han cominciato a tradurre e pubblicare bara a partire dal 2008[21][22]

CaratteristicheModifica

La messa in commercio sempre più frequente di antologie bara ha promosso lo sviluppo di storie serializzate, anche se il tipo di storia più comune rimane ancora il singolo capitolo. Il manga Bara ha di solito uomini muscolosi come protagonisti, ma v'è comunque una varietà di personaggi; anche se nella tipologia corporea non s'avvicinano mai alla effeminata scioltezza comune nello yaoi.

Anche se alcune di queste storie contengono rappresentazioni meno idealizzate e più realistiche della vita reale degli uomini gay (partecipazione alle parate del gay pride, questione relative al matrimonio omosessuale, il coming out, riproduzioni molto realistiche della sessualità etc) è stato notato che spesso viene ancora data più enfasi alle questioni relative al sesso piuttosto che alla costruzione seria di un rapporto duraturo[16].

Le storie presenti fino alla metà degli anni '90 presentavano generalmente relazioni di lavoro o potere basate sulla differenza d'età tra i due protagonisti, ed in cui il personaggio d'età superiore utilizza quello più giovane suo subordinato per scopi eminentemente sessuali.[23]

Le tematiche riguardanti il BDSM o la sessualità violenta son comuni in questo materiale destinato ad esser pubblicato sotto l'etichetta vietato ai minori[14][23]: la critica osserva poi correttamente tutti quei temi per cui gli uomini gay esprimono fastidio o disappunto perché presenti nei manga yaoi, ovvero lo stupro, la misoginia e l'assenza d'uno stile occidentale identitario gay, sono e rimangono ben presenti anche nel GEI Comi[14].

Tra i manga più recenti che mirano ad esser pubblicati in antologie gay, le storie vengono ad invertire il vecchio luogo comune del più anziano che fa la corte al più giovane: difatti s'iniziano a mostrar giovani dinamici e perfettamente sicuri di sé che perseguono una politica di vera e propria "aggressione sessuale" nei confronti di colleghi di lavoro più grandi, spesso barbuti e più bassi di statura.[24]. Esattamente come nello yaoi, il meno alto viene spesso presentato come timido, riluttante o insicuro della propria sessualità. Infine il sesso non consensuale, costretto, e le implicazioni sadomaso sono temi ancora comuni e ben presenti[25], anche se continuano ad esser molto popolari le storie basate su una trama sentimentale[26].

Altri mediaModifica

A partire dagli anni '90, con la sempre maggior conoscenza ed approfondimento delle questioni LGBT, s'è venuta a creare sempre più un'attenzione a questi temi e alla loro realizzabilità commerciale: vi sono stati a tal proposito tutta una serie di romanzi scritti da autori maschi gay che si occupano di omosessualità in maniera del tutto realistica, molto spesso autobiografica[6]. Tra gli autori più degni di nota possiamo certamente citare Hisao Hiruma, Koji Nishino e Ryosuke Hashiguchi[6]; una serie di opere di quest'ultimo sono state anche trasformate in film, tra cui A Touch of Fever e Hush!.

BL GameModifica

Un certo numero di videogiochi che utilizzano intrecci narrativi bara sono stati prodotti in questi ultimi anni in Giappone per un pubblico adulto maschile omosessuale; anche se per la maggior parte di questi, che possiamo tranquillamente definire Eroge, si tratta di dojinshi amatoriali non in commercio.

A differenza dei giochi yaoi prodotti da grandi e stimate società, i pochi giochi commerciali bara sono stati sviluppati e prodotti da piccole aziende indipendenti: in genere si tratta di visual novels o versioni dei giochi d'abilità come il pachinko.

Bara e yaoiModifica

Lo yaoi è un altro genere giapponese in cui si trovano presenti temi narrativi riguardanti rapporti di coppia omosessuali. Il genere emerse per la primissima volta attorno al 1970 da un ramo dei manga shōjo destinati alle ragazze.[6], ed è ancora oggi per lo più commercializzato esclusivamente ad adolescenti femmine o giovani donne (nonostante vi sia anche una minoranza di lettori di sesso maschile).

I creatori ed appassionati BL stanno ben attenti a distinguere il genere yaoi da quello bara, creato esclusivamente da e per uomini gay.[27][28]. Lo yaoi s'è diffuso presto oltre i confini nazionali: sono disponibili oggi sia yaoi tradotti che creati in altre lingue in molti paesi asiatici e occidentali. Caratteristica peculiare dei personaggi dei manga yaoi è quella che non tendono automaticamente ad identificarsi come gay o bisessuali; non vi è cioè un momento di coscienza od autoconsapevolezza sociale[29][30][31].

Lo yaoi è stato criticato perché darebbe rappresentazioni stereotipate dei suoi personaggi[14][32][33][34] oltre a non affrontare mai seriamente le questioni civili omosessuali.[32][35]

L'omofobia, quando viene presentata come un problema riguardante tutti[36], è spesso utilizzata come dispositivo narrativo per aumentare la drammaticità della situazione che va a crearsi tra i personaggi[37] oppure ancora per dimostrar l'autentica purezza dell'amore dei protagonisti[32]. La critica di Matt Thorn ha suggerito che siccome lo yaoi è una narrazione essenzialmente sentimentale-romantica (pur non mancando scene sessuali abbastanza esplicite), appesantirla con forti temi a sfondo e contenuto politico finirebbe semplicemente per snaturarne il significato, oltre che spegner l'interesse dei lettori[38]. I critici affermano poi che il genere sfida l'eteronormatività tramite il tema Bishōnen, ovvero la rappresentazione di bei ragazzi, raffinati e delicati, amanti delle cose belle e un po' dandy, che sono ancora fuori dagli schemi classici eterosessuali[39][40], e Grossman ha notato come i giapponesi si trovino molto più a loro agio nell'affrontar i temi LGBT all'interno del contesto "protettivo" della scrittura manga[41].

Il bara da questo punto di vista è molto più autentico, in quanto descrive vere e proprie relazioni omosessuali maschili, senza l'etichettatura fatta dallo yaoi tra tipologia maschile (seme) e femminile (uke); che continua ad esser una delle fantasie e descrizioni più comuni all'interno del manga yaoi rivolto a donne. In confronto allo yaoi, ad esempio, è del tutto improbabile che nel bara si possano verificare scene di "pianto incontrollabile" o lunghe pause introspettive, essendo più propenso a mostrar personaggi molto atletici, muscolosi e villosi, o anche leggermente in sovrappeso[42] Rispetto al manga gay, lo yaoi mostra invece molta più attenzione nel costruir innanzitutto una forte caratterizzazione psicologica dei personaggi protagonisti, prima che si possan verificar scene sessuali[16]

Gachi MuchiModifica

Recentemente è stato introdotto in Giappone un sottogenere di BL, il cosiddetto Gachi muchi (da gacchiri-muscoloso e muchimuchi-cicciotello)[43], che offre nelle sue rappresentazioni tipologie fisiche più maschili, creato da artisti gay. Anche se la sua commercializzazione è riservata ancora per lo più alle donne[43] attrae sempre più anche un ampio pubblico maschile gay.[26]. Anche se questo tipo di materiale è stato denominato Bara tra i fans di lingua inglese[20][44] esso non è equivalente alla definizione corretta del GEI Comi (anche se v'è una notevole sovrapposizione di autori e stili artistici, che fan così incrociae i due generi). Prima dello sviluppo del Gachi muchi, le più vaste sovrapposizioni tra autori bara e yaoi s'è verificata nelle pubblicazioni a tema BDSM[25], ad esempio nella rivista antologica gay Zettai Reido[14]. Diverse autrici yaoi che s'eran impegnate in temi BDSM sono state reclutate per contribuire a creare storie in antologie Bara su questioni specifiche[25].

NoteModifica

  1. ^ Butcher, Christopher Queer love manga style
  2. ^ Linderström, Jenny Boys' Love: En studie av maskuliniteter och maktrelationer i yaoi manga
  3. ^ Jonathan D. Mackintosh, Itō Bungaku and the Solidarity of the Rose Tribes [Barazoku]: Stirrings of Homo Solidarity in Early 1970s Japan, in Intersections: Gender, History and Culture in the Asian Context, nº 12, gennaio 2006, p. note 1, ISSN 1440-9151 (WC · ACNP). URL consultato il 17 luglio 2009.
  4. ^ a b Leo Lewis e Tim Teeman, Voice of gay Japan falls silent after 30 years in the pink, London, TimesOnline, 12 ottobre 2004. URL consultato il 1º settembre 2009.
  5. ^ Mark McLelland, Male homosexuality in modern Japan, Routledge, 2000, p. 35, ISBN 0-7007-1300-X.
  6. ^ a b c d George E. Haggerty, Encyclopedia of Gay Histories and Cultures, Taylor & Francis, 2000, p. 494, ISBN 978-0-8153-1880-4.
  7. ^ a b c d e Look Inside: Gay Erotic Art in Japan Vol. 1: Artists From the Time of the Birth of Gay Magazines, Compiled by Tagame Gengoroh, Potto Shuppan. URL consultato l'8 settembre 2009.
  8. ^ Wim Lunsing, Japan: Finding its way?, in Barry D. Adam, Jan Willem Duyvendak, and André Krouwel (a cura di), The global emergence of gay and lesbian politics: national imprints of a worldwide movement, Temple University Press, 1999, pp. 293–325, ISBN 1-56639-645-X.
  9. ^ Mark McLelland, Male homosexuality in modern Japan, Routledge, 2000, p. 128, ISBN 0-7007-1300-X.
  10. ^ Shukan Asahi, Iconic gay magazine has revolving door installed in financial closet, Mainichi Japan (via The Mainichi Daily News), 20 aprile 2007. URL consultato il 1º settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2007).
  11. ^ a b Dirk Deppey, A Comics Reader's Guide to Manga Scanlations, The Comics Journal. URL consultato l'11 luglio 2007.
  12. ^ Jason Thompson, Manga: The Complete Guide, Del Rey, 2007, p. 414, ISBN 0-345-48590-4.
  13. ^ (FR) FICHE AUTEUR - Gengoroh Tagame[collegamento interrotto], H&O Editions. URL consultato il 28 agosto 2009.
  14. ^ a b c d e f Lunsing, Wim. Yaoi Ronsō: Discussing Depictions of Male Homosexuality in Japanese Girls' Comics, Gay Comics and Gay Pornography Intersections: Gender, History and Culture in the Asian Context Issue 12, January 2006 Accessed 12 August 2008.
  15. ^ a b Menslove Sales Stats, GGYMeta, 8 dicembre 2008. URL consultato l'8 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2008).
  16. ^ a b c Mark McLelland, Male homosexuality in modern Japan, Routledge, 2000, p. 136, ISBN 0-7007-1300-X.
  17. ^ Mark McLelland, Male homosexuality in modern Japan, Routledge, 2000, pp. 135–6, ISBN 0-7007-1300-X.
  18. ^ Mark McLelland, Male homosexuality in modern Japan, Routledge, 2000, pp. 139–140, ISBN 0-7007-1300-X.
  19. ^ Mark McLelland, Male homosexuality in modern Japan, Routledge, 2000, p. 140, ISBN 0-7007-1300-X.
  20. ^ a b GloBL and Gay Comics - Chicks On Anime, Anime News Network, 25 novembre 2008. URL consultato l'8 settembre 2009.
  21. ^ La Cúpula: Artist: Jiraiya Archiviato il 26 aprile 2011 in Internet Archive.
  22. ^ La Cúpula: Details: La casa de los herejes Archiviato il 13 luglio 2011 in Internet Archive.
  23. ^ a b Mark McLelland, Male homosexuality in modern Japan, Routledge, 2000, pp. 159–160, ISBN 0-7007-1300-X.
  24. ^ Simona, Simona's BL Research Lab: Boys Love for the Boys, Akibanana, 5 giugno 2009. URL consultato il 29 agosto 2009.
  25. ^ a b c Simona, Simona's BL Research Lab: Reibun Ike, Hyogo Kijima, Inaki Matsumoto, Akibanana, 13 maggio 2009. URL consultato il 29 agosto 2009.
  26. ^ a b Tina Anderson, That Damn Bara Article!, Guns, Guys & Yaoi, date unknown. URL consultato il 4/5/09 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2009).
  27. ^ Wilson, Brent; Toku, Masami. "Boys' Love", Yaoi, and Art Education: Issues of Power and Pedagogy 2003
  28. ^ Sueen Noh, Reading YAOI Comics: An Analysis of Korean Girls’ Fandom (PDF), su moongsil.com, 2002 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  29. ^ Mark McLelland, Why are Japanese Girls' Comics full of Boys Bonking?, in Refractory: A Journal of Entertainment Media, vol. 10, 4 dicembre 2006, ISSN 14474905 (WC · ACNP).
  30. ^ Lees, Sharon (June 2006). "Yaoi and Boys Love" Archiviato il 2 gennaio 2016 in Internet Archive.. Akiba Angels.
  31. ^ Interview: Erica Friedman, su Manga, About.com. URL consultato il 6 marzo 2008.
  32. ^ a b c Vincent, Keith (2007) "A Japanese Electra and her Queer Progeny" Mechademia 2 pp.64-79
  33. ^ Linderström, Jenny Boys' Love: En studie av maskuliniteter och maktrelationer i yaoi manga
  34. ^ Keller, Katherine Seme and Uke? Make Me Puke Sequential Tart February 2008
  35. ^ Sueen Noh, Reading Yaoi Comics: An Analysis of Korean Girls' Fandom (PDF), su moongsil.com, 2002 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  36. ^ Masaki, Lyle. (6 January 2008) "Yowie!": The Stateside appeal of boy-meets-boy Yaoi comics AfterElton.com
  37. ^ Brenner, Robyn Romance by Any Other Name Archiviato il 7 giugno 2011 in Internet Archive.
  38. ^ Thorn, Matthew. (2004) "Girls And Women Getting Out Of Hand: The Pleasure And Politics Of Japan's Amateur Comics Community." pp. 169–86, In Fanning the Flames: Fans and Consumer Culture in Contemporary Japan, William W. Kelly, ed., State University of New York Press. ISBN 0791460320. Retrieved 12 August 2008.
  39. ^ Welker, James. 2006. "Beautiful, Borrowed, and Bent: 'Boys' Love' as Girls' Love in Shôjo Manga' Signs: Journal of Women in Culture and Society vol. 31, no. 3. page 843. DOI10.1086/498987
  40. ^ Wood, Andrea. (Spring 2006). "Straight" Women, Queer Texts: Boy-Love Manga and the Rise of a Global Counterpublic. WSQ: Women's Studies Quarterly, 34 (1/2), pp. 394–414.
  41. ^ Japanese Film, su glbtq.com. URL consultato il 29 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2009).
  42. ^ Valeriano Elfodiluce, L'ALTRA FACCIA DEI MANGA GAY, Gay.it, 12 aprile 2004. URL consultato il 30 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2011).
  43. ^ a b WeeklyAkibaWords: Gachi Muchi (ガチムチ), WeeklyAkibaWords, 27 febbraio 2009. URL consultato il 4/5/09 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2009).
  44. ^ How To Find Bara In English, Yaoi 911, 7 settembre 2008. URL consultato l'8 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2009).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Bara, su The Visual Novel Database.