Barbara Gonzaga

nobile
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la nobile italiana del XVI secolo, vedi Barbara Gonzaga (1482-1558).
Barbara Gonzaga
Andrea Mantegna - The Court of Gonzaga (detail) - WGA14005.jpg
Barbara Gonzaga (Andrea Mantegna, Camera degli Sposi, Mantova)
Duchessa consorte di Württemberg
Stemma
In carica 1474 –
1493
Predecessore Mechthilde del Palatinato
Successore Elisabetta di Brandeburgo
Nascita Mantova, 11 dicembre 1455
Morte Böblingen, 30 maggio 1503
Luogo di sepoltura chiesa di San Giovanni Battista, Kirchheim unter Teck
Dinastia Gonzaga
Padre Ludovico III Gonzaga
Madre Barbara di Brandeburgo
Consorte Eberardo V di Württemberg
Figli Barbara
Marchesato di Mantova
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg

Gianfrancesco
Figli
Ludovico III
Federico I
Francesco II
Figli
Federico II
Figli
Modifica

Barbara Gonzaga (Mantova, 11 dicembre 1455Böblingen, 30 maggio 1503) fu una nobile mantovana e duchessa consorte del Württemberg.

BiografiaModifica

Barbara detta "Barbarina"[1][2] era figlia di Ludovico III Gonzaga, marchese di Mantova dal 1444 al 1478, e di Barbara di Brandeburgo. Suo nonno materno era Giovanni l'Alchimista, erede dell'elettore del Brandeburgo Federico I.

Il 12 aprile 1474 a Mantova venne data in sposa a Eberardo V di Württemberg detto "il Barbuto", che era succeduto nel 1459 al fratello Ludovico II di Württemberg-Urach, conte di Württemberg-Urach[3]. Con queste nozze si consolidò la vocazione filogermanica, imperante all'epoca nella corte mantovana in quanto sostenuta dalla Marchesa Barbara, artefice altresì delle nozze tra il figlio ed erede Federico con la principessa bavarese Margherita. Nel mese di Luglio Barbara abbandonò per sempre la corte di Mantova, trasferendosi nella sua nuova patria.

Con il matrimonio, Barbara divenne quindi contessa consorte di Württemberg-Urach e risiedette nel castello di Urach. Successivamente, grazie al trattato di Münsingen del 1482 che riuniva le due contee di Württemberg-Stoccarda e Württemberg-Urach, divenne nel 1495 la prima duchessa consorte di Württemberg.

Barbara non riuscì però a dare un erede maschio al ducato di Württemberg. In ventidue anni di matrimonio infatti mise al mondo soltanto una bambina, morta in fasce. Oltre tutto, la duchessa non riuscì mai ad ambientarsi in Württemberg, la cui corte appariva arretrata se confrontata con quella mantovana. Nel corso della sua vita Barbara sperò quindi di poter far ritorno nella sua città natale, ricongiungendosi alla propria famiglia. Ma questa speranza rimase sempre irrealizzata, anche dopo la morte del marito nel 1496. Tuttavia, fu proprio Barbara ad introdurre nel Ducato, grazie all'influenza da lei esercitata sul consorte, la cultura rinascimentale italiana. Difatti Eberardo divenne un entusiasta ammiratore della cultura italiana, proprio a seguito dell'ispirazione fornitagli dalla moglie.

Quando Eberardo morì, a Tubinga il 25 febbraio 1496, al ducato succedette suo nipote Eberardo II. Barbara fu sepolta nella chiesa del convento domenicano di Kirchheim unter Teck. Durante la demolizione del convento nel 1537, i suoi resti vennero però dispersi.[4]

DiscendenzaModifica

Barbara ed Eberardo ebbero una bambina:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Francesco I Gonzaga Ludovico II Gonzaga  
 
Alda d'Este  
Gianfrancesco Gonzaga  
Margherita Malatesta Galeotto I Malatesta  
 
Gentile da Varano  
Ludovico III Gonzaga  
Malatesta IV Malatesta Pandolfo II Malatesta  
 
Paola Orsini  
Paola Malatesta  
Elisabetta da Varano Rodolfo II Da Varano  
 
Camilla Chiavelli  
Barbara Gonzaga  
Federico I di Brandeburgo Federico V di Norimberga  
 
Elisabetta di Meissen  
Giovanni l'Alchimista  
Elisabetta di Baviera-Landshut Federico di Baviera-Landshut  
 
Maddalena Visconti  
Barbara di Brandeburgo  
Rodolfo III di Sassonia-Wittenberg Venceslao I di Sassonia-Wittenberg  
 
Cecilia da Carrara  
Barbara di Sassonia-Wittenberg  
Anna di Meissen Baldassarre di Turingia  
 
Margherita di Norimberga  
 

NoteModifica

  1. ^ Le nozze di Barbarina (PDF), su lnx.societapalazzoducalemantova.it. URL consultato l'8 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014).
  2. ^ Le nozze di Barbarina (PDF), su lnx.societapalazzoducalemantova.it. URL consultato l'8 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014).
  3. ^ Schloesser-Magazin: New Palace Stuttgart > History > Famous Persons
  4. ^ Un riposo senza pace: Barbara Gonzaga nel convento delle domenicane a Kirchheim., su landesarchiv-bw.de. URL consultato il 27 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2014).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN60940102 · ISNI (EN0000 0000 5491 1062 · LCCN (ENn2004095743 · GND (DE124505775 · CERL cnp00581250 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004095743