Apri il menu principale

Barbara Salutati (... – post 1544) è stata una cantante italiana, vissuta nel XVI secolo a Firenze alla corte dei Medici. A lei Niccolò Machiavelli dedicò dei versi chiamandola Bárbera.

Indice

BiografiaModifica

Sposatasi con Pietro Landi morto in seguito ad un'epidemia di peste, di lei si innamorò Niccolò Machiavelli, ma venne allontanato dalla città per svolgere diverse missioni diplomatiche. Attorno al 1525 venne ritratta da Domenico Puligo, come ci attesta Vasari: "Ritrasse anco in un quadro la Barbara Fiorentina in quel tempo famosa, bellissima cortigiana e molto amata da molti, non meno che per la bellezza per le sue buone creanze, e particolarmente per essere bonissima musica e cantare divinamente". Diciassette anni dopo la morte di Machiavelli, ormai vedova di Tommaso Raffacani e trasferitasi a Roma, scrivendo il 5 di luglio del 1544 a Lorenzo Ridolfi, ricordava l'«amore» da lei portato «alla buona memoria di Niccolò Machiavelli» [1]

NoteModifica

  1. ^ Roberto Ridolfi, Machiavelli e una lettera della Barbera, in "Rivista Storica degli Archivi Toscani", vol.1 (1929), pagg.202– 203.

BibliografiaModifica

  • Dizionario delle grandi figure femminili, in Historia n.264 febbraio 1980 a cura di M.Rivieccio Zaniboni, ed. Cino del Duca.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica