Apri il menu principale

Il barroccio (regionalmente anche biroccio,[1] dal latino birotium o bi- roteus "a due ruote") è un veicolo a due ruote, utilizzato principalmente per trasportare oggetti.[2] L'evoluzione di tale mezzo di trasporto è il calesse.

UtilizzoModifica

Si tratta di un classico veicolo a trazione animale per il trasporto di cose, che trovò largo impiego fino ai primi del Novecento, quando prese il sopravvento la locomozione meccanica. Il biroccio (o "barroccio") era utilizzato in Europa soprattutto in ambito agricolo, ed il termine con cui esso era designato è declinato anche nelle lingue tedesca ("birutsche") e francese ("broutte"). Carri del tutto analoghi sono ancor oggi diffusi in ogni continente.

NoteModifica

  1. ^ Biroccio, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011, Treccani.it – Vocabolario Treccani on line.
  2. ^ Barroccio, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011, Treccani.it – Vocabolario Treccani on line.

BibliografiaModifica

  • Glauco Luchetti, Il biroccio marchigiano, Editore Giannini, 1967
  • Lucia Felicetti, Una passeggiata in biroccio: feste e costumanze della campagna fermana, Servizio beni e attività culturali, con il contributo della provincia di Ascoli Piceno, 1997

Voci correlateModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti