Apri il menu principale

Bartolomeo II Martinengo

nobile italiano

Bartolomeo Martinengo di Villagana (1425Brescia, 1471) è stato un nobile italiano.

Stemma dei Martinengo

BiografiaModifica

Figlio di Bartolomeo I Martinengo, alla morte del quale la Repubblica di Venezia decise di dare in premio il territorio di Villachiara e con titolo ereditario.

Nel 1449 Bartolomeo II acquisto le proprietà di Ventura de Oldradis e successivamente 10 anni dopo acquisto anche le proprietà appartenenti alla famiglia Gritti, diventando così proprietario unico del feudo di Villagana.

Bartolomeo II sposò Agnolina Avogadro, appartenente alla nobile famiglia bresciana degli Avogadro. Dal matrimonio non ebbe figli, ma ebbe un figlio naturale, Vittore I nato da una relazione con la sorella di un suo compagno d'armi.

Muove nel 1471 a Brescia, probabilmente presso il palazzo Martinengo in contrada delle Cossere, lasciò parte dei suoi beni al duomo di Brescia, ed al figlio Vittore I al quale ordina di ampliare e ricostruire la chiesa di Santa Chiara a Villanuova e di erigere nella chiesa di San Francesco a Brescia una tompa per la famiglia.[1]

NoteModifica

  1. ^ BookReader - Biblioteca Digitale della Lombardia, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Voci correlateModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie