Bartolomeo di Capua

giurista italiano
Bartolomeo di Capua
Signore di Capua
Stemma
Trattamento Signore
Altri titoli Gran Protonotario del Regno di Napoli
Logoteta del Regno di Napoli
Nascita Capua, 24 agosto 1248
Morte Napoli, 1328
Dinastia Di Capua
Padre Andrea di Capua
Madre Giovanna ?
Coniugi Mattia di Franco
Margherita dell'Oria
Figli Andrea
Giovanni
Giovanna
Religione Cattolicesimo

Bartolomeo di Capua (Capua, 24 agosto 1248Napoli, 1328) è stato un nobile e giurista italiano.

Fu signore di Altavilla Irpina, Cancello ed Arnone, Capua, Castel Morrone, Conca della Campania, Marcianise, Molinara, Presenzano, Riccia, Roseto Valfortore, Sant'Antimo, Trentola Ducenta e Vairano Patenora, logoteta e gran protonotario del Regno di Napoli.

BiografiaModifica

Bartolomeo di Capua, figlio di Andrea, fu uno dei più importanti giuristi del XIII e XIV secolo. Studiò giurisprudenza all'Università di Napoli, dove si laureò ed insegnò. Fu giureconsulto e consigliere politico del Re del Regno di Napoli Carlo II d'Angiò. Ebbe un importante ruolo, storicamente documentato, nell'elezione di Papa Celestino V. Sempre fedele alla casata dei d'Angiò, ricoprendo un cursus honorum, che lo vide protagonista come politico e giurista nelle più importanti vicende del suo tempo, fu sepolto nel duomo di Napoli. Dando prova delle sue profonde cognizioni giuridiche, espose con abilità e dialettica i diritti di Roberto d'Angiò, terzogenito del Re Carlo II, ottenendo per questi l'investitura del Regno.

A lui il teologo suo contemporaneo Dimalduccio da Forlì dedicò il libro De resurrectione mortuorum.

DiscendenzaModifica

Bartolomeo di Capua si sposò prima con Mattia di Franco, che gli diede due figli, Andrea e Giovanni, e una figlia, Giovanna, e poi con Margherita dell'Oria, da cui non ebbe figli.

OpereModifica

Autore di numerose e importanti opere, molte delle quali andate perdute ma richiamate in molte fonti, di lui si ricordano le glosse, il Tractatus de appretio sive forma super appretio, nonché diversi scritti teologici.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88756467 · ISNI (EN0000 0000 7139 2065 · SBN IT\ICCU\BVEV\025195 · GND (DE100937373 · BNE (ESXX4824010 (data) · BAV ADV10862124 · CERL cnp00165582 · WorldCat Identities (ENviaf-88756467