Apri il menu principale
Base navale di Tolone
(FR) Port militaire de Toulon
Rade toulon.jpg
Panorama del porto di Tolone
Ubicazione
Stato attualeFrancia Francia
RegioneProvenza-Alpi-Costa Azzurra Provenza-Alpi-Costa Azzurra
CittàTolone
Coordinate43°07′10″N 5°54′59″E / 43.119444°N 5.916389°E43.119444; 5.916389Coordinate: 43°07′10″N 5°54′59″E / 43.119444°N 5.916389°E43.119444; 5.916389
Mappa di localizzazione: Francia
Base navale di Tolone
Informazioni generali
Tipobase navale e arsenale
Condizione attualeattiva
Proprietario attualeArmée française
Informazioni militari
UtilizzatoreCivil and Naval Ensign of France.svg Marine nationale
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Panorama del porto di Tolone

La base navale di Tolone, situata nell'omonima città della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, è tuttora la più importante base navale della Marine nationale, la marina militare della Repubblica francese; la seconda base è la quella di Brest. La base, in particolare, ospita la portaerei Charles de Gaulle, le BPC Mistral e gli SSN Rubis; oltre il 60% del tonnellaggio della flotta francese è basato a Tolone. A Tolone ha inoltre sede una delle tre prefetture marittime francesi, la Préfecture maritime de la Méditerranée; il prefetto marittimo è anche il comandante in capo per il Mediterraneo (CECMED).

StoriaModifica

La storia moderna del porto, inizia quando Luigi XII costruì la fortezza Tour royale a protezione di Tolone nel 1514. Nel 1599 furono costruiti arsenale navale e un cantiere navale. Il piccolo porto per riparare la Veille Darse fu costruito nel 1604-1610 per proteggere le navi dal vento e dal mare. Il cantiere navale fu notevolmente ampliato dal Cardinale Richelieu, che desiderava trasformare la Francia in una potenza navale del Mediterraneo. Nel 1680, Jean-Baptiste Colbert, Segretario di Stato della Marina e Controllore delle Finanze del re Luigi XIV, iniziò a costruire un porto molto più grande, chiamato Dava Vauban o Darse Neuve, e dei cantieri navali, progettati dal suo commissario per le fortificazioni, Vauban.

Nel 1697, Vauban costruì le imponenti corderie: un edificio progettato per la produzione delle corde. Le corderie, ancora esistenti, larghe 20 m e lunghe 320 m, sono state costruite in modo tale che le corde potessero essere allungate per tutta la lunghezza dell'edificio mentre erano attorcigliate. La manodopera per la costruzione delle corde era fornita dai detenuti della prigione adiacente, che camminavano in un enorme tapis roulant. Un cancello trionfale (ora Museo della Marina) fu aggiunto all'Arsenale nel 1738.

Il porto dell'Arsenale fu ampliato ulteriormente nel XIX e nel XX secolo. La costruzione dell'arsenale del Mourillon all'inizio del XVIII secolo fu un ampliamento del principale arsenale di Tolone sulla costa orientale della rada. Fino al XX secolo questa estensione conteneva i magazzini per il legname da usare per costruire la Marina francese. A partire dalla fine del XIX secolo, questo cantiere navale costruì le prime fregate francesi in acciaio e i primi moderni sottomarini.

Invece di unirsi alle forze francesi libere nel Nord Africa ed evitare la cattura da parte dei tedeschi, la flotta francese con base a Tolone si arrese il 27 novembre 1942 per ordine dell'ammiragliato francese. Durante il XX secolo l'arsenale di Mourillon era dedicato principalmente all'attività sottomarina come base di sottomarini francesi fino al 1940, poi a quella tedesca dal 1940 al 1945, poi al cantiere navale e al siluro dopo il 1945. L'Arsenale fu gravemente danneggiato dai bombardamenti alleati nella Seconda Guerra Mondiale, ma da allora è stato ricostruito e modernizzato. Ha undici bacini di carenaggio per la riparazione della nave, dei quali i due più grandi misurano 422 per 40 metri. L'Arsenale è ancora il principale porto militare della Francia, il porto di base della portaerei Charles de Gaulle, dello squadrone sottomarino d'attacco della Francia, e delle altre navi della flotta francese del Mediterraneo.

L'Arsenale non è aperto al pubblico, ma il Museo Navale al suo ingresso ha una notevole collezione di enormi modelli di navi del XVIII secolo, usati per addestrare l'erede al trono in arte marinara, così come altri cimeli navali. La costruzione delle Corderie può essere visitata accanto alla strada vicina. I tour in barca partono regolarmente dal lungomare e permettono ai visitatori di osservare le navi della flotta francese.

DescrizioneModifica

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • (FR) Le suicide de la flotte française à Toulon de Henri Noguères, Éditions "J'ai lu leur aventure" n° A120/121
  • (FR) Toulon, l'arsenal et la ville, Paris : Musée national de la Marine, 2012

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica