Basildon

capoluogo dell'omonimo distretto non metropolitano inglese
Basildon
parrocchia civile
Basildon – Veduta
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
RegioneEst
ConteaFlag of Essex.svg Essex
DistrettoBasildon
Territorio
Coordinate51°34′N 0°29′E / 51.566667°N 0.483333°E51.566667; 0.483333 (Basildon)Coordinate: 51°34′N 0°29′E / 51.566667°N 0.483333°E51.566667; 0.483333 (Basildon)
Abitanti107 123 (2011)
Altre informazioni
Cod. postaleSS13 - SS16
Prefisso01268
Fuso orarioUTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Basildon
Basildon
Sito istituzionale

Basildon è una città di circa 100.000 abitanti nella contea dell'Essex meridionale, nell'Inghilterra sud-orientale (Regno Unito), a circa 43 km a est di Londra.

StoriaModifica

La prima menzione di Basildon è contenuta nel Domesday Book come 'Belesduna'.[1] il nome 'Basildon' potrebbe derivare dall'antico nome proprio anglo-sassone 'Boerthal' e dal termine 'dun', che significava collina.[2] Il nome ha subito diverse variazioni nei secoli, essendo riportato nei documenti come Berdlesdon, Batlesdon e Belesduna.[2]

Fino alla fine degli anni '40 del XX secolo la cittadina era costituita da 4 villaggi agricoli (Laindon/Langdon Hills, Lee Chapel, Pitsea e Vange). Dopo la fine della seconda guerra mondiale fu inserita nelle "New Town"[1][3] destinate a essere ricostruite ex novo per accogliere in maniera ordinata e organica i residenti dei quartieri di Londra più fatiscenti e sovraffollati.[4]

All'inizio degli anni '60 Basildon comprendeva 10 quartieri: Pitsea, Laindon, Langdon Hills, Vange, Lee Chapel South, Lee Chapel North, Fryerns, Ghyllgrove, Barstable e Kingswood.

Nel marzo del 1964 erano state completate circa 12.000 abitazioni di cui 1.240 per iniziativa privata. Lo sviluppo continuò negli anni '70 con il completamento e l'apertura di una sala cinematografica (1971), di un ospedale (1973) e della stazione ferroviaria (1974).[4]

Negli anni '80 e '90 sono stati realizzati un centro commerciale (l'Eastgate indoor shopping centre) e un centro divertimenti (il Festival Leisure Park).[5]

Nel 1999 Basildon ha festeggiato il suo cinquantesimo anniversario ricevendo la visita della regina Elisabetta e del Duca di Edimburgo che hanno inaugurato la nuova torre nella St. Martin's Square.

Basildon è la città in cui si formò il famoso gruppo rock dei Depeche Mode.

EconomiaModifica

Basildon ha un settore industriale piuttosto sviluppato. Durante la costruzione delle New Town, il governò sussidiò le aziende che avessero deciso di aprirvi stabilimenti. Tra le società coinvolte ci furono Ford Motor Company che aprì nel 1964, Carreras Tobacco Company, la cui manifattura fu attiva dal 1959 al 1984, l'industria cosmetica Yardley of London tra il 1966 e il 1998, Gordon's Gin tra il 1984 e il 1998 nonché GEC-Marconi, ancora attiva come Leonardo MW.

Le aree industriali sono situate a Laindon, Cranes Farm Road e Burnt Mills. Cranes Farm Road, in precedenza Ford, è attualmente sede produttiva di trattori della CNH. Nel 2015 è stato aperto un centro di consegna di Amazon su Christopher Martin Road.[6]

Un centro di elaborazione dati della società di trading IntercontinentalExchange è situato a Gardiners Lane dove in precedenza c'era una fabbrica di attrezzature antincendio di Johnson Controls.[7][8]

Nel 2017, Costa Coffee ha aperto una torrefazione della capacità annua massima di 45.000 tonnellate, ritenuta la maggiore d'Europa.[9]

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

 
Schema delle 'Mayne' roads

Le due strade principali da Londra a Southend, la A13 e la A127, passano a sud e a nord della città e sono importanti vie di trasporto agevolmente collegate all'autostrada M25 e al resto della rete. La A13 dà accesso alle località di Pitsea e Vange, la A127 al centro città e a Laindon.

All'interno dell'area urbana ci sono sei strade principali collegate alla A13 e alla A127, ognuna include 'mayne' nel proprio nome: Nether Mayne, Upper Mayne, South Mayne, Broadmayne, e West Mayne.

FerrovieModifica

Il primo servizio ferroviario iniziò nella seconda metà del XIX secolo verso Pitsea (1856) e Laindon (1888), ma rimase piuttosto limitato per essere rafforzato solo con lo sviluppo del piano delle New Towns.

La città possiede tre stazioni sulla linea tra Londra e Tilbury/Southend: Pitsea, Basildon e Laindon, tutte operate dalla compagnia c2c con treni da Fenchurch Street a Southend/Shoeburyness; i treni da Basildon a Laindon transitano via Upminster. Le linee sono utilizzate soprattutto dai pendolari che si spostano quotidianamente a Londra.[10]

BusModifica

La maggior parte delle corse è gestita dalla First Essex e collega Basildon a Billericay, Wickford e altre località vicine. le restanti corse sono operate da Stephensons of Essex e NIBS Buses.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ National Archive Summary Record for Basildon, nationalarchives.gov.uk, November 2006. URL consultato l'8 novembre 2006.
  2. ^ a b The History, Basildon. URL consultato il 6 agosto 2009.
  3. ^ New Towns Act 1946
  4. ^ a b Basildon New Town Story, su basildon.com. URL consultato il 30 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2013).
  5. ^ Basildon Festival Leisure Park
  6. ^ (EN) New Amazon delivery base in Basildon will create more than 200 new jobs, su Echo. URL consultato il 21 marzo 2017.
  7. ^ York's Basildon factory to be closed down in restructuring, su Modern Building Services, 15 ottobre 2005. URL consultato il 21 agosto 2015.
  8. ^ Wall Street Back up Centre Could Close – Evening Echo p.22 April 2011, su echo-news.co.uk. URL consultato il 21 agosto 2015.
  9. ^ (EN) Costa to serve up 2bn cups of coffee a year with Europe's biggest roastery, in The Telegraph.
  10. ^ Commuting in London CIS 2014-11 - GLA Intelligence p.July 2014 (PDF), su londondatastore-upload.s3.amazonaws.com. URL consultato il 26 novembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN139805906 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2005006082
  Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Regno Unito