Apri il menu principale

Basilica di Sant'Anastasia al Palatino

Basilica di Sant'Anastasia al Palatino
Sant'Anastasia - Roma - facciata - Panairjdde.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareAnastasia di Sirmio
Diocesi Roma
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneXVII secolo
Sito web

Coordinate: 41°53′17.05″N 12°29′03.08″E / 41.888069°N 12.484189°E41.888069; 12.484189

Interno

La basilica di Sant'Anastasia è un luogo di culto cattolico del centro di Roma, posto alle pendici del Palatino. Ha la dignità di basilica minore.[1] Funge inoltre da chiesa nazionale per la comunità Ghanese di Roma e per la comunità Indiana di rito siro-malabarese.

StoriaModifica

Costruita nei primi decenni del IV secolo (325-326?), sorge su preesistenti architetture romane variamente stratificate adiacenti alla recinzione esterna del Circo Massimo (tabernae e costruzioni private che sorgevano lungo una strada alle pendici sudoccidentali del Palatino). In seguito fu dedicata a sant'Anastasia di Sirmio (281-304), donna romana, martire sotto Diocleziano. Già negli atti del sinodo del 499 la chiesa risulta registrata con il titulus Anastasiae.

La Basilica è collegata dalla tradizione alla predicazione di san Girolamo (IV sec.) - che probabilmente vi ha risieduto e portato dalla Terra Santa importanti reliquie, ancora custodite - e di san Leone Magno (V sec.).

La chiesa fu restaurata diverse volte: da papa Damaso I (366-383), papa Ilario (461-468), papa Giovanni VII (705-707), papa Leone III (795-816), e papa Gregorio IV (827-844). La chiesa moderna deve le sue forme a papa Urbano VIII Barberini, che ne ordinò il restauro nel 1636. Ulteriori restauri furono ordinati nel XIX secolo da papa Pio VII e papa Pio IX.

Fino al Settecento è stata il punto di partenza della processione penitenziale presieduta dal Papa il mercoledì delle Ceneri, e che terminava alla basilica di Santa Sabina dove veniva celebrata la prima messa stazionale della quaresima.

DescrizioneModifica

Dipinti interni e il San Giovanni nel deserto di Pier Francesco MolaModifica

Qui è conservata la tela di Pier Francesco Mola con San Giovanni Battista nel deserto del 1658 circa. La chiesa conserva al suo interno una gran quantità di tele di Lazzaro Baldi (e collaboratori) ed uno splendido dipinto di Francesco Trevisani raffigurante san Turibio. Nel transetto di sinistra si trova la tomba monumentale del filologo e cardinale Angelo Mai, opera dello scultore neoclassico Giovanni Maria Benzoni.

Celebrazione del Giubileo del 2000Modifica

In occasione della Giornata mondiale della gioventù tenutasi a Roma nel corso del Giubileo del 2000 in questa chiesa è stata allestita una immensa sacrestia, in cui furono custodite 700.000 particole di cui decine di migliaia sono state consumate nelle celebrazioni che si sono tenute nel Circo Massimo.

Celebrazione dell'Adorazione eucaristica perpetuaModifica

Sant'Anastasia è stata la prima chiesa a Roma a praticare l'Adorazione eucaristica perpetua, iniziata il 2 marzo 2001.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Alessandra Cerrito, Contributo allo studio del titulus Anastasiae in Federico Guidobaldi, Olof Brandt e Philippe Pergola (a cura di), Marmoribus vestita. Miscellanea in onore di Federico Guidobaldi, Studi di antichità cristiana 63, Città del Vaticano, Pontificio Istituto di archeologia cristiana, 2011. ISBN 978-88-85991-53-8
  • Giovan Battista Fidanza (2010). Le vicende artistiche della chiesa di Sant'Anastasia al Palatino nel Seicento: una verifica con la Visita Apostolica del 1727. Bollettino d'Arte 6: pp. 123–144. ISSN 0391-9854 (WC · ACNP)
  • Andrea Carandini e Daniela Bruno, La casa di Augusto. Dai "Lupercalia" al Natale, Bari, Laterza, 2008. ISBN 88-420-8641-X.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4599677-5