Apri il menu principale
Basilica di Sant'Ubaldo
187GubbioSUbaldo.jpg
La facciata e il chiostro
StatoItalia Italia
RegioneUmbria Umbria
LocalitàGubbio
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareSant'Ubaldo
Diocesi Gubbio
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1513
Sito webSito ufficiale

Coordinate: 43°21′22.28″N 12°35′05.78″E / 43.35619°N 12.58494°E43.35619; 12.58494

La basilica di Sant'Ubaldo è un luogo di culto cattolico situato a Gubbio, sul monte Ingino, avente la dignità di santuario e dal luglio 1919 quella di basilica minore.[1]

La basilica custodisce il corpo del santo patrono di Gubbio, sant'Ubaldo, da cui prende nome.

Indice

StoriaModifica

La basilica fu edificata su una preesistente piccola chiesa dedicata a sant'Ubaldo e sulla pieve di San Gervasio e Protasio. I lavori iniziarono nel 1513, con il sostegno delle duchesse di Urbino, Elisabetta ed Eleonora Gonzaga, e di papa Giulio II. La chiesa fu affidata ai canonici regolari lateranensi, ordine a cui era appartenuto il santo.

Dal 1786 la basilica fu retta da padri passionisti, fino alle soppressioni napoleoniche, e in seguito dai frati minori riformati; dal 2013 i sacerdoti diocesani hanno la custodia della basilica.

DescrizioneModifica

 
L'altare maggiore neogotico con l'urna del Santo
 
Facciata esterna
 
L'interno negli anni cinquanta
 
I ceri nella chiesa

L'esterno del santuario è sobrio; alla sommità di una ampia scala, un portale introduce all'interno, dove si apre un ampio chiostro in laterizi, con arcate e volte a crociera, nelle cui lunette si intravedono i resti di affreschi cinquecenteschi. I pilastri accanto all'ingresso della chiesa presentano un basamento in marmo palombino, con alcuni bassorilievi raffiguranti gli stemmi dei Montefeltro e del comune di Gubbio e il Cristogramma.[2]

Cinque porte introducono alla chiesa; le tre centrali presentano i portali in pietra serena scolpita e i battenti originali in legno intagliato. L'interno è suddiviso in cinque navate, dominate dall'altare maggiore realizzato nel 1884, in stile neogotico con decorazioni a finto mosaico. Nella parte superiore dell'altare sono collocate otto piccole statue raffiguranti santi legati alla città, e al di sopra è posta l'urna in cui è custodito il corpo intatto di sant'Ubaldo. Nella chiesa sono esposte anche le urne precedenti, una risalente al XIII secolo, l'altra al XVIII.

La chiesa è illuminata da finestroni con vetrate istoriate con le Storie della vita di sant'Ubaldo, realizzate nel 1922[3]. Alle pareti, alcuni dipinti a olio su tela, tra cui la Trasfigurazione e Santi, di Giovanni Maria Baldassini del 1585, Il Battesimo di Gesù (1599 ca.) di Felice Damiani, la Madonna col Bambino in gloria tra i Santi Ubaldo e Giovanni Battista di Salvio Savini (1610), Sant'Agostino consegna la regola del suo Ordine (1619) di Avanzino Nucci e Sant'Orsola (1655-57) di Francesco Allegrini[4].

Nella basilica sono riposti durante l'anno i ceri, le tradizionali strutture un tempo in cera, poi dal Cinquecento in legno. In occasione della festa dei ceri in onore del patrono, la prima domenica di maggio vengono trasferiti in città ed esposti nel Palazzo dei Consoli, indi il 15 maggio, con la corsa, sono portati in processione attraverso Gubbio e poi, lungo la salita al monte Igino, fino al santuario.[5]

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • AA.VV., Umbria, Touring Club Italiano, Milano 1999.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica