Apri il menu principale
Basketball Champions League
BCL logo.png
SportBasketball pictogram.svg Pallacanestro
Tiposquadre di club
FederazioneFIBA Europe
ContinenteEuropa
OrganizzatoreBasketball Champions League SA
TitoloCampione d’Europa FIBA
Cadenzaannuale
Aperturaottobre
Partecipanti32 squadre
Sito InternetBasketball Champions League
Storia
Fondazione2016
DetentoreVirtus Bologna
Ultima edizioneBasketball Champions League 2018-2019
Edizione in corsoBasketball Champions League 2019-2020

La Basketball Champions League è la principale competizione europea per club di pallacanestro organizzata dalla FIBA Europe e la terza competizione europea per importanza dietro a Eurolega ed Eurocup.

StoriaModifica

La competizione venne fondata il 21 marzo 2016 dopo i tentativi infruttosi da parte della FIBA Europe e di Euroleague Basketball, di trovare un accordo per organizzare il massimo torneo europeo di pallacanestro per club.[1]

Viene organizzata da Basketball Champions League SA, una entità giuridica con sede in Svizzera partecipata al 50% dalla FIBA ed il restante 50% dalle leghe di Belgio, Francia, Germania, Grecia, Israele, Italia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca e Turchia.

FormatoModifica

Alla stagione regolare partecipano 32 club, 24 qualificati direttamente e 8 a seguito dei turni preliminari. Ci sono 4 gironi da otto squadre e club della stessa nazione non possono incontrarsi in questa fase. Dopo essersi confrontate in partite di andata e ritorno le prime quattro di ogni girone accedono ai play off, mentre la quinta e la sesta partecipano alla FIBA Europe Cup.

Ottavi e quarti di finale si giocano con partite di andata e ritorno: in questa fase del torneo, dunque, per via dello scontro strutturato sugli ottanta minuti complessivi, è ammesso il pareggio quale risultato conclusivo della gara (senza quindi lo svolgimento dei supplementari), poiché l'elemento discriminante per la qualificazione è la differenza canestri tra andata e ritorno. Se questa, al termine del match di ritorno, fosse pari a 0, si procederebbe al supplementare per sancire chi avanza alla fase successiva. Le quattro squadre vincitrici dei quarti di finale disputano le final four a gara unica in una sede prestabilita.

La stagione regolare di solito si gioca tra ottobre e gennaio, con i play off che partono in febbraio. Le Final Four, invece, si giocano normalmente tra la fine di aprile e l'inizio di maggio.

Composizione delle squadreModifica

Nella prima edizione non vi erano delle limitazioni nella composizione delle rose, dalla seconda invece ogni squadra è obbligata a portare a referto almeno quattro cestisti di formazione nazionale, cinque se si utilizzano più di dieci giocatori. Sono considerati di formazione nazionale tutti quei giocatori che, tra i dodici ed i venti anni, hanno disputato almeno tre stagioni nella federazione di riferimento.

Squadre partecipantiModifica

Le squadre partecipano alla competizione in base al piazzamento ottenuto nei rispettivi campionati nazionali secondo una graduatoria stabilita dalla FIBA, che inoltre si è riservata la possibilità di distribuire un massimo di 4 inviti.

Albo d'oroModifica

Anno Finale 1º/2º posto Finale 3º/4º posto
Campione Punteggio Secondo posto Terzo posto Punteggio Quarto posto
2016-2017  
Canarias
63-59  
Bandırma B.İ.K.
 
Monaco
91-77  
Reyer Venezia
2017-2018  
AEK Atene
100-94  
Monaco
 
Murcia
85-74  
BSG Ludwigsburg
2018-2019  
Virtus Bologna
73-61  
Canarias
 
Anversa
72-58  
Brose Bamberg

PremiModifica

TrofeoModifica

Il trofeo è alto 65 cm e realizzato in argento sterling con placcature in oro, dal peso di 8 kg. Progettato dal Radiant Studios e realizzato dalla Thomas Lyte, ha la forma di una retina che alla sommità crea l'effetto di una corona.[2]

Montepremi in euroModifica

Stagione Vincitore Finalista Terza Quarta Quarti Ottavi Gironi Totale
2016-2017 500.000 260.000 240.000 220.000 160.000 120.000 100.000 5.220.000
2017-2018 1.000.000 400.000 200.000 140.000 100.000 70.000 50.000 3.500.000

NoteModifica

  1. ^ Scontro FIBA-EUROLEGA: Le tappe dello scontro, su basketnet.it. URL consultato il 30 giugno 2016.
  2. ^ Makers of the Basketball Champions League Trophy, su thomaslyte.com. URL consultato l'11 aprile 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica