Bassa Bergamasca

comunità territoriale della provincia di Bergamo
Bassa Bergamasca
Bàsa Bergamasca (in dialetto bergamasco)
Campagna Trevigliese 2.jpg
Paesaggio agricolo della campagna trevigliese
Stati Italia Italia
Regioni Lombardia Lombardia (provincia di Bergamo)
Territorio parte meridionale della provincia di Bergamo
Capoluogo Treviglio
Superficie 600 km²
Abitanti 263 923 (2020)
Densità 439,87 ab./km²
Lingue italiano, bergamasco
Fusi orari UTC+1
Comuni Bassa Bergamasca.png
I comuni della bassa bergamasca divisa dal Serio e dal Fosso Bergamasco
L'ex circondario di Treviglio della provincia di Bergamo comprendeva la bassa bergamasca

La Bassa Bergamasca, (Bàsa in dialetto bergamasco), o Pianura bergamasca è una zona geografica pianeggiante posta a sud della città di Bergamo nell'omonima provincia. Confina con le provincie di Brescia, Cremona e Milano.

È delimitata a nord dalla fascia collinare che si estende ad est ed ovest del capoluogo ivi compreso, a est dal fiume Oglio, a sud dalla provincia di Cremona, a nord ovest dal fiume Brembo e a sud ovest dall'Adda. La parte compresa tra Adda e Brembo fa infatti parte del territorio dell'isola bergamasca.

La zona ha un'economia tipicamente agricola, anche se negli anni del secondo dopoguerra si è assistito ad un incremento della produzione industriale e una vivace attività terziaria.

I comuni non settentrionali della pianura bergamasca fanno parte: 14 della zona 1 della diocesi di Cremona[1] e 5 del decanato di Treviglio dell'Arcidiocesi di Milano[2][3] pertanto solo i comuni settentrionali fanno parte della diocesi di Bergamo, di cui 8 fanno parte dal 1787[4][5][N 1] e Pagazzano dal 1820.[6][N 2]

Estensione territoriale e comuniModifica

Il territorio comprende 46[7][8][9] comuni: Antegnate, Arcene, Arzago d'Adda, Barbata, Bariano, Bolgare, Boltiere, Brignano Gera d'Adda, Calcinate, Calcio, Calvenzano, Canonica d'Adda, Caravaggio, Casirate d'Adda, Castel Rozzone, Cavernago, Ciserano, Cividate al Piano, Cologno al Serio, Cortenuova, Covo, Fara Gera d'Adda, Fara Olivana con Sola, Fontanella, Fornovo San Giovanni, Ghisalba, Isso, Lurano, Martinengo, Misano di Gera d'Adda, Morengo, Mornico al Serio, Mozzanica, Pagazzano, Palosco, Pognano, Pontirolo Nuovo, Pumenengo, Romano di Lombardia, Spirano, Telgate, Torre Pallavicina, Treviglio, Urgnano, Verdellino, Verdello.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Comprende il territorio confinante a sud con il confine amministrativo della provincia di Cremona ed a nord con il confine naturale delle prealpi Bergamasche. Corrisponde alla media pianura, ovvero la fascia dei fontanili, compresa tra Adda ed Oglio ed attraversata dal Serio. Inoltre può essere incluso il territorio del comune di Cassano d'Adda[N 3] sul lato bergamasco dell'Adda stesso, che, pur rientrando nella provincia di Milano, è linguisticamente bergamasco.

IdrologiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Fosso bergamasco e Rogge della Bassa Bergamasca.

Il territorio è attraversato da ovest a est dal fosso bergamasco, un tempo segnava il confine tra il Ducato di Milano e la Repubblica di Venezia. Numerosi canali secondari, tra cui le rogge Moschetta e Vignola nel comune di Treviglio, si diramano da esso o nelle sue vicinanze.

SismologiaModifica

Dal punto di vista sismico presenta un rischio molto basso e distribuito in modo uniforme sul territorio. La zona è stata infatti quasi interamente classificata come zona 4 (bassa sismicità) dalla protezione civile nazionale.[10] I Comuni di Calcinate, Ghisalba, Martinengo, Mornico al Serio e Urgnano sono in zona 3, mentre Calcio è in zona 2.[10]

Dopo il terremoto in Emilia vi è una crescente attenzione per i comuni di Calcio, Fontanella, Pumenengo e Torre Pallavicina, posti nella parte orientale del territorio e quindi più esposti al rischio sismico.[11]

ClimaModifica

Il clima della Bassa Bergamasca è quello tipico della pianura Padana: le estati sono lunghe e umide ciò aumenta ancor più la sensazione di calore venendosi a creare l'afa, mentre l'inverno è freddo, con frequenti nebbie.

StoriaModifica

AntichitàModifica

OriginiModifica

I primi nuclei abitativi Celto-Liguri si insediarono sul territorio bergamasco nel II-III millennio a.C. penetrando dalle regioni di Reno e Danubio.[12] Il comune di Calcinate, di origine celtica, risale al III secolo a.C..[12]

RomaniModifica

I Romani conquistarono il territorio bergamasco nel 197 a.C. facendone un distretto ai confini dell'impero d’importanza sia strategica che commerciale.[12]

Fu posta in atto la centuriazione, suddividendo la campagna in poderi di eguale estensione disposti a scacchiera.[12] La presenza del dominio romano è stata rintracciata in molti comuni della bassa bergamasca; nei toponimi, con resti archeologici e con le tracce della centuriazione.[12]

Di origine romana sono: Antegnate, Calcio, Cavernago, Cividate, Cortenuova, Fornovo San Giovanni, Ghisalba, Mornico al Serio, Palosco, Pontirolo (odierne Pontirolo Nuovo e Canonica d'Adda), Telgate, Torre Pallavicina.[12]

MedioevoModifica

Invasioni barbariche e longobardiModifica

La fine dell’impero romano d'occidente avviò il periodo delle invasioni barbariche con invasioni di Visigoti ed Unni prima, e poi di Alemanni e Ostrogoti.[12] Infine vennero i Longobardi di Alboino, che tra 568 e 569 calarono sul territorio, insediandosi.[12] Bergamo divenne sede di uno dei più importanti ducati settentrionali del regno d’Italia, nella bassa furono fondate le Fare: Fara Gera d'Adda e Fara Olivana fondate da nuclei di guerrieri ma anche altri centri quali Martinengo e Pumenengo.[12]

I Longobardi riorganizzarono il territorio cittadino nel sistema curtense, diviso in curtis.[12]

Periodo comunaleModifica

Tra XI e XII secolo, le campagne della bassa goderono di una marcata fase di crescita, si formarono strutture produttive e le cascine a corte che diventeranno i tratti tipici del paesaggio rurale.[12]

Il periodo comunale vide Bergamo e i paesi della bassa bergamasca al centro di numerose dispute tra le opposte fazioni guelfe e ghibelline, che spesso degeneravano in cruenti scontri: a tal riguardo sorsero numerose fortificazioni difensive in tutti i territori comunali.[12]

I territori della bassa bergamasca orientale sono stati anche palcoscenico di numerose battaglie, come la battaglia di Cortenuova, tra Federico II e la Lega lombarda,[12] mentre quelli della bassa bergamasca occidentale delle battaglia di Caravaggio, del sacco di Treviglio il giorno prima della battaglia di Agnadello e la stessa città fu risparmiata dalle truppe francesi nel 1522 dal miracolo della Madonna delle lacrime.

Di epoca carolingia è il comune di Barbata, mentre Romano è di epoca comunale.[12]

Età modernaModifica

I Mille della bassa bergamasca

Tra i mille della bassa bergamasca abbiamo:

  1. Francesco Buttinoni (Treviglio, 16 giugno 1828), residente a Isso, fittabile
  2. Luigi Bonacina (Martinengo, 13 giugno 1841 - Milano, 20 ottobre 1864), morto all'Ospedale Fate Bene Fratelli di Milano
  3. Giovanni Battista Boschetti (Covo, 19 agosto 1842), farmacista
  4. Angelo Giuseppe Cattaneo (Antegnate, 3 aprile 1842 - Tagliuno, 7 agosto 1867)
  5. Luigi Alberto Colombi (Misano di Gera d'Adda, 24 agosto 1839 - Crema, 1870), medico
  6. Giovanni Defendi (Lurano, 3 ottobre 1834), portinaio
  7. Carlo Donati (Treviglio, 1835 - Milano, 4 gennaio 1865)
  8. Giovanni Antonio Esposito Merli Deluviani (Treviglio, 9 luglio 1839), scrivano
  9. Emilio Gritti (Cologno al Serio, 2 dicembre 1843), tenente nel regio esercito
  10. Giovanni Maggi (Treviglio, 2 novembre 1841), meccanico
  11. Pietro Samuele Marchesi (Covo, 5 luglio 1836 - Golasecca, 22 luglio 1871)
  12. Stefano Giuliano Messaggi (Milano, 21 maggio 1840 - Custoza, 24 giugno 1866), luogotenente nei granatieri, era di famiglia trevigliese morì durante la battaglia di Custoza, pluridecorato.
  13. Mansueto Ramponi (Canonica d'Adda, 22 dicembre 1838), operaio
  14. Giovanni Saranga (Calcio, 7 agosto 1837 - Fontanella, 4 gennaio 1882), residente ad Antegnate
  15. Carlo Scotti (Verdello, 30 giugno 1837), notaio, ha vissuto a Treviglio

I territori della bassa bergamasca orientale che si trovavano nelle terre di confine, furono sottomessi a Milano e a Venezia, tra la pace di Ferrara del 1428 e quella di Lodi del 1454.[12] Siccome questi borghi fortificati, risultavano strategici per la difesa sia della terraferma veneziana che di Milano, ricevevano un trattamento privilegiato, rispetto al resto del territorio, potendosi rapportare direttamente col Doge o col Duca, senza passare attraverso gli istituti locali, di tradizione comunale.[12] Romano e Martinengo, per ogni affare si rivolgevano al potere centrale, e godevano di notevoli esenzioni e favori.[12] Parimenti Treviglio nel lato occidentale era terra separata del Ducato di Milano ed esigeva il traverso cioè il pagamento per tutte le merci in transito. Vantava un'estesa rete di canalizzazione dal 1300 di cui approfittava deviando anche le acque dei comuni posti più ad ovest che crearono in epoca successiva una propria rete autonoma.

La dominazione veneta durò fino al 1797, anno nel quale vi subentrò la repubblica Cisalpina unificando nel 1798 al dipartimento del Serio i due lati del fosso bergamasco che aveva diviso tra Calciana nella repubblica di Venezia a est e Gera d'Adda nel ducato di Milano a ovest.[12]

Con la promulgazione della costituzione della prima repubblica Cisalpina, termina l’esperienza di autogoverno cittadino della repubblica Bergamasca e il territorio viene a dipendere direttamente da Milano.[12]

Epoca contemporaneaModifica

Con il Congresso di Vienna, nel 1815, fu ripristinata la dominazione austriaca che pose in essere nuove strutture amministrative non dissimili da quelli precedenti l'epoca napoleonica.[12]

Nel 1859 la provincia bergamasca, entrò a fare parte del regno di Sardegna per divenire nel 1861 regno d'Italia.[12]

Alla spedizione dei Mille avevano preso parte una quindicina di residenti nella bassa bergamasca, tra cui sei della sola Treviglio, meno del capoluogo ma molto più alto che nel resto del paese.

Da quel momento i comuni della bassa bergamasca hanno visto la progressiva trasformazione del territorio, divenendo con il secondo dopoguerra maggiormente industrializzati e col volgere del secolo centri di servizi.[12]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Abbiamo diverse tipologie di chiese:[13]

BasilicheModifica

ChieseModifica

Conventi e monasteriModifica

ParrocchialiModifica

SantuariModifica

AltroModifica

Architetture civiliModifica

Architetture militariModifica

SocietàModifica

Lingua e dialettiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto bergamasco e Dialetto lombardo orientale.

Il bergamasco è un dialetto lombardo: in particolare appartiene al gruppo dei dialetti lombardo orientali, insieme al bresciano, all'alto mantovano, al cremasco o alto cremonese[14] e al trentino occidentale; e differisce dal dialetto bergamasco del nord per la maggiore presenza di termini di origine bresciana, milanese, o in misura minore cremonese.

ReligioneModifica

La religione maggiormente praticata è quella cattolica; gli stranieri invece sono in prevalenza sikh, musulmani e induisti. Sul territorio esistono anche diversi nuclei di Testimoni di Geova: nel comune di Treviglio sorge un centro di ritrovo e preghiera per fedeli di quest'ultimo credo, che attrae persone anche dalle province vicine.

CattolicesimoModifica

ParrocchieModifica

Attualmente, oltre ai capoluoghi dei vari comuni che compongono il territorio, sono sede di parrocchia anche alcune altre località o frazioni. Esse sono:

  • Zona Nord di Treviglio (comprende anche la frazione Battaglie);
  • Zona Est di Treviglio o quartiere del Conventino;
  • Zona Nord-est di Treviglio o quartiere di San Zeno;
  • Frazione Geromina di Treviglio (comprende anche la frazione Castel Cerreto).

CulturaModifica

Patrimoni dell'umanità UNESCOModifica

Il villaggio operaio di Crespi d'Adda frazione del comune di Capriate San Gervasio per il suo rilievo architettonico fu inserito nel 1995 tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. In origine il territorio su cui sorse Crespi e il villaggio stesso per i primi anni dopo la sua realizzazione (fine ottocento) fece parte del comune di Canonica d'Adda da cui si separò in seguito per evidenti problemi logistici (es. funerali) anche per interessamento della famiglia Crespi stessa e del comune di Capriate. Attualmente comunque si trova nelle immediate vicinanze del territorio della Bassa Bergamasca, pur facendo parte dell'Isola bergamasca.

Geografia antropicaModifica

UrbanisticaModifica

La Bassa è caratterizzata da una vasta pianura, territorio che permette lo sviluppo di numerose aziende agricole. Le colture tipiche sono il granoturco e il frumento. La pianura è molto fertile grazie alla risorsa naturale dei fontanili e all'opera dell'uomo che ha scavato fossi e canali per distribuire in modo più uniforme l'acqua.

La costruzione tipica della zona è la cascina, alcune risalenti al tardo XIX secolo. Le città più antiche sono di origine romana, ma la maggior parte dei paesi è di origine medievale, visibili da caratteristiche comuni: un centro cittadino, costituito dalla piazza, solitamente di fronte alla parrocchia. Le vie si irradiano uniformemente dalla piazza centrale. All'esterno della città ci sono le cascine, circondate a loro volta da ettari di terreno.

EconomiaModifica

Il comprensorio bassa bergamasca rappresenta un'area caratterizzata da forti trasformazioni socio-economiche che negli ultimi 20 anni stanno comportando modifiche radicali del territorio, che sta passando da forte vocazione industriale/artigianale a maggiore diversificazione produttiva: permangono industria e artigianato, ma compare anche la valorizzazione di produzioni agricole tipiche - melone di calvenzano, salame bergamasco e mozzarella di bufala.

Infrastrutture e trasportiModifica

Tranvie storiche

Tra le tranvie storiche avevamo: la Bergamo-Soncino, la Fornaci-Treviglio-Caravaggio, la Monza-Trezzo-Bergamo e la Lodi-Treviglio-Bergamo.

StradeModifica

Il territorio è attraversato dalla autostrada Brescia Milano A35 Brebemi con 5 caselli Calcio, Romano di Lombardia, Bariano, Caravaggio e Treviglio; dalle strade statali: 11, 42, 472, 498, 525, 591 e dalle strade provinciali: 98, 103, 104, 105, 122, 184, e 185.

Tra le più importanti opere in corso di progettazione abbiamo l'interconnessione Pedemontana BreBeMi, la quale partirà da Osio Sotto, per terminare nel comune di Treviglio.

AutostradeModifica

I caselli autostradali nel territorio sono:

È in fase progettuale il Raccordo tra BreBemi e Pedemontana, cioè un tratto autostradale tra Treviglio e Bergamo, di cui si occupa Autostrade Bergamasche S.p.A..

FerrovieModifica

Per quanto riguarda il trasporto ferroviario, il territorio è attraversato dalle linee Milano-Venezia, Treviglio-Bergamo e Treviglio-Cremona. Treviglio e Caravaggio sono dotate entrambe di due stazioni. Per la prima città, esse sono Treviglio, sulla Milano-Venezia e che funge da capolinea per le linee dirette a Bergamo e a Cremona, e Treviglio Ovest, che si trova sulla Treviglio-Bergamo. Per quanto riguarda Caravaggio, le due stazioni sono: Caravaggio, sulla Treviglio-Cremona, e Vidalengo, sulla Milano-Venezia.

Sulla Milano-Venezia sono presenti anche le stazioni di Romano, di Morengo-Bariano e di Calcio. Sulla Treviglio-Bergamo sono presenti quella di Arcene e quella di Verdello.

Sono quattro i ponti ferroviari presenti nel territorio della Bassa, tutti situati sulla Milano-Venezia: due sull'Adda, uno sul Serio ed uno sull'Oglio.

Aeroporti e portiModifica

Scali di una certa importanza e prossimi alla Bassa Bergamasca sono quelli di:

ben collegati sia dal punto di vista nazionale che internazionale.

I porti fluviali più vicini sono quelli nella parte inferiore del fiume Adda.

SportModifica

CalcioModifica

Serie AModifica

Tra i calciatori più significativi abbiamo Giacinto Facchetti, originario di Treviglio,[15] unico capitano della nazionale italiana a vincere l'europeo e l'allenatore e calciatore Giovanni Trapattoni dal lato paterno è originario di Barbata.[16] Quale capitano, per due partite, Riccardo Montolivo cresciuto a Caravaggio.

Tra i calciatori in nazionale abbiamo anche: Giuseppe Casari di Martinengo, mentre tra gli allenatori Luigi Tentorio di Telgate.

A Zingonia ha ufficialmente sede col centro sportivo Bortolotti la società calcistica Atalanta.[17]

Serie DModifica

EccellenzaModifica

NoteModifica

Annotazioni
  1. ^ Prima Morengo faceva parte della diocesi di Cremona, mentre Arcene, Boltiere, Ciserano, Lurano, Pognano, Verdellino e Verdello dell'arcidiocesi di Milano
  2. ^ Pagazzano faceva parte della diocesi di Pavia come exclave
  3. ^ in particolare le frazioni di Cascate, Cascine San Pietro e Taranta
Fonti
  1. ^ Zona 1, su diocesidicremona.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  2. ^ Treviglio, Decanato in grande trasformazione, su chiesadimilano.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  3. ^ Decanato di Treviglio, 1972 - [1989], su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  4. ^ parrocchia del Santissimo Salvatore 1787 - [1989], su lombardiabeniculturali.it, 20 aprile 2020.
  5. ^ vicariato foraneo di Verdello 1598 - 1979, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  6. ^ parrocchia dei Santi Nazario e Celso martiri 1820 - [1989], su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  7. ^ Elenco dei comuni della Bassa Bergamasca, su paesi.bergamo.it. URL consultato il 16 aprile 2020.
  8. ^ i 20 comuni del territorio, su bassabergamascaorientale.it. URL consultato il 16 aprile 2020.
  9. ^ chi siamo, su prolocotreviglio.it, 16 aprile 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  10. ^ a b rischio per Provincia (PDF), su protezionecivile.it. URL consultato il 13 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2009).
  11. ^ articolo sismicità nella bassa sull'eco di bergamo, in Eco di Bergamo, 13 novembre 2013. URL consultato il 16 aprile 2020.
  12. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Storia, su bassabergamascaorientale.it. URL consultato il 3 maggio 2020.
  13. ^ punti di interesse, su bassabergamascaorientale.it. URL consultato il 16 aprile 2020.
  14. ^ Claudio Beretta, Dialetto di Crema (fenomeni fonetici), in Parlate e dialetti della Lombardia. Lessico comparato, Mondadori, 2003, pp. 30-32, ISBN 9788804514756.
  15. ^ Facchetti e l’Inter, tutto iniziò 60 anni fa: provini con Milan e Atalanta, alla fine…, su fcinter1908.it. URL consultato il 4 maggio 2020.
  16. ^ Il Trap cittadino onorario di Barbata «Sono davvero commosso» - Video, in eco di bergamo. URL consultato il 4 maggio 2020.
  17. ^ centro Bortolotti, su atalanta.it. URL consultato il 4 maggio 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio