Bastone

pezzo di legno longilineo più o meno lavorato
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando bastone inteso come i caratteri tipografici senza grazie, vedi Caratteri tipografici senza grazie.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati della parola al plurale, vedi bastoni.

Un bastone è un pezzo di legno più o meno lavorato di forma allungata. Usato dall'uomo da tempo immemorabile come appoggio o arma bianca.

Bastone da pastore
Louis Pascal di Henri de Toulouse-Lautrec, 1891.

Come aiuto per camminareModifica

Nel suo impiego più comune, il bastone è usato per appoggiarsi mentre si cammina. Si parla quindi di bastone da passeggio. Se dotato di una lama nascosta abbiamo il bastone animato. Nel caso di utilizzo in montagna si parla di bastone da montagna. Se si tratta di un bastone ferrato, è munito di pomo e di puntale per assicurare un migliore appoggio. Spesso i ciechi mentre camminano utilizzano il cosiddetto bastone bianco per percepire ed evitare gli ostacoli.

Nello sportModifica

Viene impiegato anche in alcuni sport per colpire e per eseguire esercizi ginnici. Ad esempio: bastone da hockey su ghiaccio, mazza da baseball, bastone da golf.

Come simbolo di comandoModifica

Il bastone è utilizzato anche come scettro, come simbolo di comando e guida: bastone del comando, bastone da feldmaresciallo, bastone pastorale. Questa accezione deriva dall'utilizzo del vincastro da parte dei pastore per guidare e proteggere il gregge.

Come armaModifica

 
Bastone nelle arti marziali.

Il bastone era un'arma bianca più civile delle spade semplicemente perché non era affilato e non veniva usato per uccidere un avversario, ma piuttosto per stordirlo. Il bastone può essere di 2 tipi: il bastone singolo e il bastone doppio. Il bastone singolo o anche detto manganello era usato per stordire e per sedare le rivolte mentre il bastone doppio era più che altro una sorta di oggetto da torneo. I giapponesi e sono due esempi di bastoni da combattimento.

Arti marziali di bastone italianeModifica

Tra i maestri di scherma italiani che hanno insegnato la scherma di bastone e scritto trattati al riguardo spiccano Fiore dei Liberi col suo "Flos duellatorum" (1409)[1] e Filippo Vadi con il "De arte gladiatoria dimicandi" (1482-1484).

Trattati italiani di scherma con bastoneModifica

  • Alla fine del Cinquecento e nel primo deccennio del secolo seguente, si ritrovano ancora notizie di una scherma di bastone lungo: nell'opera si Cesare Pagano, "La teorica di tutte le sorti delle armi a piedi, ne' contrasti della schermmia". Napoli, 1609 (Il giuoco del bastone, con fatti i suoi trattamenti; disciplina nuova, et non mai dichiarata dalle penne degli armiggeri scrittori: né pur conosciuta infino a questa ora dagli armeggianti stessi).[2]
  • Altro trattato è un trattato di Giuseppe Cerri "Trattato teorico-pratico della scherma di bastone. Col modo di difendersi contro varie altre armi sia di punta che di taglio". Milano, 1854.[3]
  • Pietro Monti riferisce nel suo trattato "Exercitiorum atque artis militaris". Milano 1509, nel libro secondo:[4]
  • Istruzione per la scherma di sciabola-bajonetta e bastone. Anonimo. Cuneo, 1853
  • "Istruzione per la scherma di bastone ad uso dei bersaglieri". Anonimo. Livorno 1864
  • "Guida pel maestro di scherma a bastone", Francesco Cajol. Torino 1865[5]
  • "Trattato teorico-pratico per la scherma col bastone", Giuseppe Benedetti. Piacenza 1874[6]
  • "La scherma ... del bastone a due mani", Alberto Falciarli. Pisa 1870[7]
  • "Istruzione per la scherma col bastone", Anonimo. Roma 1876
  • "Trattato teorico pratico per la scherma col bastone", Giovanni Ravetti. Torino 1877[8]
  • "Giuoco ginnico schermistico di bastone", Giovanni Ceselli. Livorno 1902[9]
  • "Il giuoco ginnico di bastone nei miei 29 anni di lavoro", Giovanni Ceselli. Livorno 1931[10]
  • "Nozioni teorico-pratiche… e difesa col bastone", Paolo Porceddu. Roma 1942[11]
  • "Trattato di scherma col bastone da passeggio", Giannino Martinelli. Milano 1908[12]

Come strumentoModifica

Come esempi di unità e strumenti di misura abbiamo il bastone di Giacobbe e le pertiche.

I bastoni da conteggio venivano utilizzati come supporto per memorizzare dei dati da ricordare.

NoteModifica

  1. ^ "Flos duellatorumm" Fiore dei Liberi. Ferrara, 1409.
  2. ^ Cesare Pagano, La teorica di tutte le sorti delle armi a piedi, ne' contrasti della schermmia. Napoli 1609
  3. ^ Giuseppe Cerri "Trattato teorico-pratico della scherma di bastone. Col modo di difendersi contro varie altre armi sia di punta che di taglio". Milano, 1854
  4. ^ "Exercitiorutn atque artis militaris". Milano 1509, Pietro Monti nel libro secondo
  5. ^ "Guida pel maestro di scherma a bastone", Francesco Cajol. Torino 1865
  6. ^ "Trattato teorico-pratico per la scherma col bastone", Giuseppe Benedetti.
  7. ^ La scherma ... del bastone a due mani, Alberto Falciarli
  8. ^ Trattato teorico pratico per la scherma col bastone, Giovanni Ravetti. Torino 1877
  9. ^ "Giuoco ginnico schermistico di bastone", Giovanni Ceselli. Livorno 1902
  10. ^ "Il giuoco ginnico di bastone nei miei 29 anni di lavoro", Giovanni Ceselli. Livorno 1931
  11. ^ "Nozioni teorico-pratiche… e difesa col bastone", Paolo Porceddu. Roma 1942
  12. ^ Trattato di scherma col bastone da passeggio, Giannino Martinelli. Milano 1908

BibliografiaModifica

  • Umili eroi del Risorgimento italiano, Ettore Socci. Gangemi Editore spa - Всего страниц: 194
  • Discorso sulla torpedine recitato nell'adunanza annuale della Societa regale di Londra nel giorno 30 Novembre 1774. Dal cavaliere Giovanni Pringle ... pubblicato ... nell'anno 1775. Tradotto in italiano. 1776 - Всего страниц: 28
  • L'Italia dello sport, Touring Editore, 2004 - Всего страниц: 280

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 8610