Batman Forever

film del 1995 diretto da Joel Schumacher
Batman Forever
BatmanForever ValKilmer.png
Batman (Val Kilmer) nel covo dell'Enigmista
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1995
Durata121 min
Rapporto1,85:1
Generefantastico, azione, avventura
RegiaJoel Schumacher
SoggettoLee Batchler, Janet Scott Batchler (basato sui personaggi di Batman creati da Bob Kane e pubblicati da DC Comics)
SceneggiaturaLee Batchler, Janet Scott Batchler, Akiva Goldsman
ProduttoreTim Burton, Peter MacGregor-Scott
Produttore esecutivoBenjamin Melniker, Michael E. Uslan
Casa di produzioneWarner Bros., Polygram Filmed Entertainment
Distribuzione in italianoWarner Bros. Italia
FotografiaStephen Goldblatt
MontaggioDennis Virkler
Effetti specialiJohn Dykstra
MusicheElliot Goldenthal
ScenografiaBarbara Ling
CostumiBob Ringwood, Ingrid Ferrin
TruccoRick Baker
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Batman Forever è un film del 1995, diretto da Joel Schumacher.

È il terzo capitolo della saga dedicata all'Uomo Pipistrello dopo Batman e Batman - Il ritorno diretti da Tim Burton (anche se nel film non vi è alcun riferimento alle due pellicole precedenti), e viene seguito da Batman & Robin sempre diretto da Joel Schumacher.

Il film ha ricevuto diverse critiche per l'assenza di Burton alla regia, ma ha comunque riscosso un grande successo di pubblico e ottenuto tre nomination agli Oscar: miglior fotografia, miglior sonoro e miglior montaggio sonoro.

In Italia è uscito al cinema il 6 ottobre 1995 distribuito dalla Warner Bros. Italia, in seguito a un'anteprima estiva il 12 agosto.[1][2][3]

TramaModifica

Il supereroe Batman (in realtà il filantropo Bruce Wayne), difensore della città di Gotham City, è chiamato dal commissario della polizia James Gordon ad affrontare il supercriminale Due Facce (ossessionato dal dualismo Bene-Male), nuova identità dell'ex procuratore distrettuale Harvey Dent, impazzito dopo essere stato sfigurato dal boss mafioso Salvatore Maroni, che gli ha schizzato dell'acido sul volto mentre veniva processato, rimanendo con il lato sinistro della faccia rosso e mostruoso. Il supercriminale è convinto che sia stato il suo vecchio alleato Batman a crearlo, e prova a ucciderlo mentre questi tenta di catturarlo durante una rapina a una banca, ma entrambi falliscono.

Il giorno seguente Bruce ispeziona la sua azienda, le Wayne Enterprises, e incontra il suo geniale ma folle dipendente Edward Nygma, che ha inventato il "Box", un dispositivo per manipolare le attività cerebrali in modo da consentire, teoricamente, una migliore visione dei programmi televisivi. Bruce rifiuta di finanziare il progetto, che potrebbe avere pericolosi effetti collaterali, facendo infuriare Edward. Quella sera Nygma, rimasto fino a tardi nei laboratori delle Wayne Enterprises, sequestra il suo collega Fred Stickley e lo usa come cavia mentre Nigma si sottopone al suo stesso Box e con esso s'impossessa dell'intelletto di Stickley, diventando superintelligente. Ucciso Stickley buttandolo dal palazzo, in modo da farlo sembrare un suicidio, Nygma torna a casa sua e guarda in TV uno spettacolo circense al quale sta assistendo dal vivo anche Bruce in compagnia della sua nuova fidanzata, l'attraente dottoressa Chase Meridian, una nota psicologa chiamata dalla polizia come consulente per affrontare Due Facce.

Durante la pausa dello spettacolo, però, irrompe nel circo proprio Due Facce che, avendo intuito che Batman è in realtà uno dei ricchi individui presenti al prestigioso show, minaccia di far esplodere una bomba nel tendone se il supereroe non si farà avanti.

Bruce confessa il suo segreto ma Due Facce non lo sente, per la confusione e per essere impegnato a tenere d'occhio "I Grayson Flight", una famiglia di acrobati che stava assalendo i suoi scagnozzi. A colpi di mitra Due Facce, prima di andarsene, rompe i cavi ai quali si erano aggrappati la famiglia Grayson, uccidendoli mentre il loro figlio minore, Richard "Dick" Grayson, era riuscito a far rotolare l'esplosivo fuori dal circo.

Bruce decide di prendere in custodia Dick, ospitandolo al Castello Wayne. La tragedia del ragazzo fa tornare in mente a Bruce dell'orribile omicidio dei suoi genitori da parte del giovane gangster Jack Napier e del suo terrore-fascino nei confronti dei pipistrelli.

Intanto, Edward Nygma, diventato più capace dopo l'esperimento del Box, diventa il supercriminale con il nome dell'Enigmista, e si coalizza con Due Facce. I due malviventi iniziano a compiere rapine per consentire a Edward di creare la "Nygma Tech", un'azienda che produce in serie il Box, in modo da permettergli di accumulare abbastanza sapienza da intuire la vera identità di Batman così che Due Facce possa finalmente ucciderlo dopo aver messo a nudo i suoi segreti.

Frattanto Dick scopre il segreto del suo tutore, e aiutato dal maggiordomo Alfred Pennyworth, decide di divenire Robin, un supereroe agile come un pettirosso e assetato di vendetta nei confronti di Due Facce.

Durante un convegno organizzato da Nygma per presentare al pubblico la versione migliorata del suo articolo, irrompe Due Facce, stanco di attendere le mosse del suo complice, che minaccia di morte i presenti in modo da attirare Batman, per poi venire assalito da Batman, il quale perde quasi la vita nello scontro seguente, ma viene salvato da Robin.

Tornato a casa Bruce ha un diverbio con Dick, che non approva la sua scelta di impedirgli di affiancarlo nella lotta contro il crimine, e il ragazzo decide infine di andarsene dopo che Bruce, rendendosi conto che è rimasto da sempre solo, decide di non essere più Batman. Il breve tempo trascorso da Bruce testando il Box durante il convegno è stato sufficiente a Enigmista e Due Facce per scoprire la sua identità segreta, e i due supercriminali decidono immediatamente di passare all'azione.

La notte di Halloween invita Chase al suo maniero per rivelarle la sua doppia vita, come essersi deciso a combattere il crimine dopo che, da bambino, vide i suoi genitori assassinati a colpi di pistola da un rapinatore di strada, ma proprio in quel momento irrompono i due supercriminali. Mentre Bruce e Chase tentano disperatamente di sfuggire agli uomini di Due Facce, l'Enigmista distrugge parzialmente la Batcaverna, per poi scappare insieme al suo complice e alla prigioniera dottoressa Meridian.

Interpretando correttamente i buffi indovinelli ricevuti per posta dall'Enigmista, Bruce scopre l'identità del suo misterioso avversario e il suo nascondiglio, l'isola artificiale sulla quale ha sede la Nygma Tech, e decide di recarvisi in compagnia di Dick nei panni di Robin, che ha deciso di tornare per aiutarlo, ricevendo stavolta l'approvazione del suo mentore.

I due supereroi si mettono in marcia verso il covo dei malviventi, e nonostante la distruzione dei loro Batveicoli, riescono a raggiungere l'isola. Mentre Batman tenta di penetrare nella base operativa dell'Enigmista, Robin si scontra con Due Facce, ma si rifiuta di ucciderlo come voleva inizialmente, affermando che preferisce vederlo dietro le sbarre. Il criminale approfitta della pietà di Robin per catturarlo, e lo rinchiude insieme a Chase. Giunto nella base dei criminali, Batman si trova faccia a faccia con l'Enigmista, ansioso di ottenere la risposta alla domanda che da tempo si pone: «Come possono Bruce Wayne e Batman coesistere?».

Batman si trova a decidere se salvare Robin o Chase, agganciati sopra un profondissimo pozzo dal letto di lance, ma riesce a salvare entrambi dalla morte e a sconfiggere l'Enigmista, dimostrandogli di essere sia Bruce Wayne che Batman, non per costrizione, ma perché così ha scelto. Due Facce allora intende eliminare i suoi avversari a colpi di pistola in bilico sul pozzo della trappola, ma prima di sparare decide di affidarsi alla sua moneta, che scaglia in aria. Tuttavia, nello stesso istante Batman lancia in aria un sacchetto di monete identiche a quella del criminale che, cercando di trovare l'originale, scivola e cade nell'abisso.

Impazzito e deformato a causa della perdita dell'intelligenza che aveva rubato, Edward Nygma viene catturato da Batman e ricoverato nel manicomio criminale di Arkham, dove trascorre il resto delle sue giornate delirando e affermando di essere Batman in piena pazzia. Risolto il caso, Chase deve alla fine partire da Gotham City, promettendo a Bruce di mantenere il suo segreto.

ProduzioneModifica

Sviluppo, pre-produzione e selezione attoriModifica

A fronte delle numerose polemiche scatenate da Batman - Il ritorno, nel 1993 la Warner Bros. decise di non proseguire il sodalizio con il regista Tim Burton, e di intraprendere una strada meno cupa e più commerciale con il terzo film della saga. Ciò nonostante, Burton rimase coinvolto in veste di produttore e scelse gli sceneggiatori Lee Batchler e Janet Scott Batchler, prima di passare il testimone al nuovo regista Joel Schumacher e dedicarsi a tempo pieno alla regia di Ed Wood per la Touchstone Pictures.[4][5] Schumacher propose inizialmente di adattare il fumetto Batman: Anno uno di Frank Miller, ma l'idea fu accantonata dallo studio cinematografico in quanto non interessato alla realizzazione di un prequel. Il regista decise quindi di ingaggiare Akiva Goldsman per scrivere una nuova stesura della sceneggiatura, basandosi su quanto scritto in precedenza dai coniugi Batchler. Peter Macgregor-Scott, già responsabile di successi come Trappola in alto mare e Il fuggitivo per la Warner, venne assunto come produttore de facto del progetto con il mandato di renderlo appetibile per la 'generazione MTV', e di sfruttarne appieno le possibilità di merchandising.[6]

 
Nel luglio del 1994 Val Kilmer viene scelto come nuovo interprete di Batman

Questa volta, ad affrontare l'Uomo Pipistrello sarebbero stati l'Enigmista e Due Facce (il cui alter ego Harvey Dent fu interpretato da Billy Dee Williams nel primo film del 1989), ruoli che vennero affidati rispettivamente a Jim Carrey, reduce dell'enorme successo di Ace Ventura - L'acchiappanimali, e al premio Oscar Tommy Lee Jones, che aveva appena collaborato con Schumacher per il thriller legale Il cliente. In un primo momento, anche Robin Williams aveva espresso interesse per il ruolo ottenuto da Carrey. Jones, invece, dapprima restio a partecipare, si convinse ad accettare l'offerta citando tra le motivazioni la grande passione di suo figlio Austin per i fumetti. Inoltre, dopo due tentativi falliti lo studio era ansioso di introdurre finalmente nel nuovo film, ora ufficialmente intitolato Batman Forever, il giovane aiutante del protagonista Dick Grayson alias Robin. Per il ruolo furono presi in considerazione gli attori emergenti più promettenti di Hollywood, tra cui Leonardo DiCaprio, prima di affidarlo a Chris O'Donnell.[7][8]

Michael Keaton, interprete di Batman nelle due precedenti pellicole, era in trattative per tornare a vestirne i panni, ma a soli due mesi dalle riprese decise di rifiutare l'offerta, dichiarandosi a disagio con il tono scanzonato voluto da Joel Schumacher e insoddisfatto dalla sceneggiatura.[9] Il regista si dimostrò comprensivo, affermando che "non tutti hanno voglia di interpretare supereroi in eterno. Persino Sean Connery ha lasciato il ruolo di James Bond".[10] Nel giro di una settimana fu trovato un sostituto: Val Kilmer, allora trentaquattrenne, al momento della chiamata si trovava in una grotta di pipistrelli in Africa.[11] A convincere Schumacher di tale scelta fu la sua interpretazione di Doc Holliday in Tombstone. Il co-creatore del personaggio Bob Kane approvò la decisione: "Michael Keaton fece un lavoro straordinario e non posso che elogiarlo, ma Val è più affascinante e lo supera in prestanza fisica. Somiglia di più al Bruce Wayne che disegnavo io".[12] Furono valutati come eredi al mantello anche Daniel Day-Lewis, Ralph Fiennes e William Baldwin.[13]

Rene Russo era in lizza per interpretare la psichiatra Chase Meridian al fianco di Keaton (erano precedentemente candidate anche Robin Wright, Jeanne Tripplehorn e Linda Hamilton), ma fu ritenuta troppo matura per spalleggiare Kilmer e il ruolo andò a Nicole Kidman.[7][10] Per mantenere un senso di familiarità, nonostante il nuovo taglio più 'pop', furono invitati a tornare nel cast Michael Gough e Pat Hingle, interpreti di Alfred Pennyworth e del Commissario James Gordon. Drew Barrymore e Debi Mazar furono scritturate per interpretare Sugar e Spice, le provocanti assistenti di Due Facce, ciascuna rappresentativa di un diverso lato della sua doppia personalità.

RipreseModifica

Le riprese del film si svolsero nell'arco di 107 giorni ed ebbero inizio il 21 settembre 1994 a New York, spostandosi successivamente a Los Angeles.[14] Nel primo giorno di lavorazione furono bloccati cinque isolati di Wall Street per permettere di girare una scena con la Batmobile. A differenza dei due precedent film, girati quasi interamente in backlot e teatri di posa, questa volta la troupe si avvalse maggiormente delle location cittadine, rivestite per l'occasione dalla scenografa Barbara Ling.

Bob Kane (co-creatore di Batman) fu una presenza costante sul set. Racconta Schumacher: "Veniva a trovarci almeno due volte a settimana. Senza dubbio ha apprezzato le belle donne".[15]

Schumacher ebbe problemi lavorando con Kilmer, descrivendolo come "infantile e impossibile", riportando che litigava con vari membri della troupe e si rifiutò di parlare al regista per due settimane dopo che lo redarguì per i suoi comportamenti.[16] Schumacher menzionò anche Tommy Lee Jones come fonte di problemi: «Jim Carrey era un gentleman e Tommy Lee Jones si sentiva minacciato da lui. Io sono stufo di difendere attori privilegiati e strapagati, spero di non lavorare mai più con loro.».[17] Carrey stava così antipatico a Tommy Lee Jones che, durante le riprese, cercava assolutamente di evitarlo, rifiutandosi persino di sedersi accanto a lui per la pausa pranzo.[18]

DesignModifica

La nuova versione di Gotham City, sgargiante e fumettosa, fu disegnata da Barbara Ling. Per volere del regista si distacca completamente dalle versioni precedenti, e trae ispirazione dai fumetti di Batman degli anni '40 e '50 e dall'architettura della New York anni '30, ma immersa nei neon della luminosa Tokyo odierna.

"Fumettoso" fu la parola chiave che influenzò tutti i dipartimenti coinvolti durante la lavorazione. "Joel voleva che sembrasse letteralmente un fumetto", spiega Stephen Goldblatt, direttore della fotografia. "Appena vide i colori sgargianti e le pose omoerotiche fu felice come non mai".[19]

 
I costumi di scena dell'Enigmista e di Batman.

Lo conferma anche il costumista Bob Ringwood, qui al suo terzo Bat-film dopo i primi due di Tim Burton: "Lo studio voleva che i costumi fossero più 'cartooneschi', che avessero un aspetto più in linea con i fumetti. In generale, c'era il desiderio di creare qualcosa di più leggero e colorato". Ringwood e la squadra cominciarono i lavori convinti che il costume dell'Uomo Pipistrello sarebbe stato indossato ancora una volta dall'attore delle precedenti pellicole: "Abbiamo perso circa sette settimane a creare i costumi per Michael Keaton, e [in seguito al suo abbandono] abbiamo dovuto rifare tutto da zero a causa delle sostanziali differenze di corporatura tra Michael e Val Kilmer".[20] Il nuovo costume fu realizzato in un lattice molto leggero, che permise a Kilmer una maggiore mobilità durante le scene d'azione[21].

Per la nuova Batmobile venne inizialmente contattato il noto designer di Alien H.R. Giger, ma le sue idee furono scartate perché ritenute troppo eccentriche e sinistre. Invece, il veicolo presente nelle pellicola fu disegnato da Barbara Ling, e la realizzazione affidata all'azienda TransFX Inc., qui al loro primo incarico importante. Furono costruiti due modelli, uno per le scene statiche e l'altro per le riprese in corsa.[22][23][19]

MusicheModifica

Elliot Goldenthal fu incaricato di comporre la colonna sonora, e gli fu consigliato di non ascoltare le musiche dei primi due film (composte da Danny Elfman) per non rimanerne influenzato, così da creare pezzi differenti[24].

DistribuzioneModifica

L'anteprima mondiale di Batman Forever fu tenuta il 9 giugno 1995 presso il Mann Village Theatre di Los Angeles, in presenza dei realizzatori e del cast. Il film uscì negli Stati Uniti il 16 giugno dello stesso anno, distribuito in 2.842 sale cinematografiche. In Italia fu proiettato in anteprima in città selezionate il 12 agosto, prima dell'uscita ufficiale in circa duecento sale il 6 ottobre.

Home mediaModifica

La VHS italiana del film uscì nel marzo del 1996, edita da Warner Home Video.[25] Inoltre, fu tra i primi titoli Warner a uscire in DVD nel 1997, in un'edizione priva di contenuti speciali. Soltanto nel 2005, in occasione dell'uscita di Batman Begins, la major decise di lanciare sul mercato una edizione speciale a due dischi, provvista di nuovi riversamenti audio/video e un ricco pacchetto di contenuti speciali, che comprende:

  • Commento del regista Joel Schumacher
  • Scene inedite
  • Perché Batman Forever?: Come hanno fatto un nuovo regista e un cast rinnovato a creare una nuova visione dei classici buoni e cattivi di Gotham
  • La realizzazione
  • Dietro le quinte - Fuori dall'ombra: La scenografia, I vari volti di Gotham City, Le acrobazie, Gli effetti speciali, La musica.
  • Kiss from a Rose: video musicale di Seal.
  • I buoni e i cattivi: i profili dei protagonisti
  • Trailer

Seguirono le edizioni Blu-ray Disc, nel 2009, che presenta il film in HD, e Ultra HD Blu-ray, nel 2019, per la quale la pellicola è stata restaurata in 4K e fu preparato un nuovo missaggio audio della traccia originale in Dolby Atmos-TrueHD. Entrambe le edizioni ripropongono i contenuti speciali sopra citati.

Edizione italianaModifica

Il doppiaggio italiano è stato curato dalla Angriservices Edizioni presso gli studi della International Recording, con la direzione di Renzo Stacchi.

L'ultimo indovinello dell'Enigmista dice "siamo cinque piccole cose di uso quotidiano, ci trovi tutte quante in un campo da tennis". La soluzione sono le vocali, che in inglese sono presenti in "a tennis court'", e in italiano diventa "un campo da tennis".

Quando Dick sceglie di chiamarsi Robin, tra i possibili nomi che propone a Bruce c'è anche "Cavaliere alato" (errata traduzione di "Knight Wing"), che nella versione originale è Nightwing, ovvero il nome che sceglierà una volta abbandonato il ruolo di spalla di Batman nei fumetti DC

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Il film ha ricevuto critiche e recensioni miste: sul sito Rotten Tomatoes il film ha chiuso con il 44% di recensioni positive[26], mentre su Internet Movie Database ha raggiunto la media del voto di 5.4/10[27].

Parte della critica e dei fan non ha infatti gradito la svolta "commerciale" e tutta "azione" e "neon" operato da Joel Schumacher alla saga; Peter Travers ha commentato: "Con Batman Forever la saga non ha ancora perso la linfa. Quest'estate non c'è nessun'altra macchina dei divertimenti capace di regalarvi così tante sorprese.", ma ha criticato l'approccio "più commerciale" al film rispetto ai due precedenti capitoli: "La sceneggiatura non riesce a cogliere il dolore del personaggio dovuto alla perdita dei suoi genitori come aveva fatto Tim Burton"[28].

Brian Lowry del Variety ha dichiarato: "Una delle cose più discutibili è l'aggiunta di capezzoli sul costume di gomma aderente di Batman. Che gli è saltato in mente ad Alfred? Inoltre, molta della computer grafica impiegata per realizzare Gotham City è palesemente finta. La colonna sonora di Elliot Goldenthal, sebbene sia funzionale, non riesce a raggiungere i fasti di quella composta da Danny Elfman per i primi due film[29]. James Berandelli ha espresso una critica molto positiva sul film: "È più leggero, più luminoso, più divertente, più veloce e molto più colorato di prima"[30].

Roger Ebert ha valutato il film 2,5 stelle su 4, dichiarando che «Il film è una enorme gomma da masticare per gli occhi. I bambini più piccoli saranno in grado di digerirlo con più facilità rispetto al precedente Batman - Il ritorno dove il divieto ai minori di 13 anni non accompagnati sembrava uno scherzo.»[31]. Critiche positive andarono su Val Kilmer che mostrò maggior carisma (infatti è divenuto l'attore che impersonifica Batman preferito di Bob Kane[32]), ma in questa pellicola l'attenzione viene catturata dall'energetica interpretazione di Jim Carrey, che in un articolo del Washington Post viene definita "una combinazione tra Fred Astaire e Caligola".

IncassiModifica

Batman Forever ha riscosso un grande successo commerciale. Uscito negli Stati Uniti il 16 giugno 1995 e distribuito in 2.842 sale, ha debuttato al primo posto del botteghino, registrando un incasso di 52,78 milioni di dollari nel weekend di apertura.[33] Fu il più alto incasso raggiunto da un film nei primi tre giorni di programmazione dell'anno.[34] A fine corsa, il film ha raggiunto un incasso di 184,03 milioni di dollari in madrepatria e un totale di 336,53 milioni in tutto il mondo[33] (superando i risultati del precedente Batman - Il ritorno[35]), diventando così il secondo film di maggiore incasso dell'anno negli Stati Uniti (dopo Toy Story - Il mondo dei giocattoli), e posizionandosi al sesto posto nella classifica degli incassi mondiali del 1995[34].

In Italia il film fu distribuito in circa duecento copie il 6 ottobre 1995 e incassò 2 miliardi 900 milioni di lire nei primi tre giorni di programmazione, assicurandosi il primo posto in classifica.[36] Divenne il ventiduesimo maggiore incasso della stagione cinematografica 1995-96.[37]

RiconoscimentiModifica

Colonna sonoraModifica

Nella colonna sonora sono inclusi successi come Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me degli U2 e Kiss from a Rose di Seal, che ricevettero entrambi una nomination per gli MTV Movie Awards. Kiss From a Rose (il cui video è stato diretto dallo stesso Joel Schumacher) raggiunse il primo posto nella classifica americana, vincendo poi tre Grammy come miglior performance pop maschile, miglior disco e miglior canzone.[38]

TracceModifica

  1. U2Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me – 4:47
  2. PJ HarveyOne Time Too Many – 2:52
  3. BrandyWhere Are You Now? – 3:58
  4. SealKiss from a Rose – 3:38
  5. Massive Attack & Tracey ThornThe Hunter Gets Captured By The Game (Smokey Robinson cover) – 4:07
  6. Eddi ReaderNobody Lives Without Love – 5:05
  7. Mazzy StarTell Me Now – 4:18
  8. The OffspringSmash It Up (The Damned cover) – 3:27
  9. Nick CaveThere Is A Light – 4:24
  10. Method ManThe Riddler – 3:31
  11. Michael HutchenceThe Passenger (Iggy Pop cover) – 4:38
  12. The DevlinsCrossing The River – 4:45
  13. Sunny Day Real Estate8 – 5:27
  14. The Flaming LipsBad Days – 4:40

Opere derivateModifica

NoteModifica

  1. ^ l'Unità - Archivio storico, su archivio.unita.news. URL consultato l'8 maggio 2020.
  2. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato l'8 maggio 2020.
  3. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato l'8 maggio 2020.
  4. ^ (EN) 'BATMAN 3'!, su EW.com. URL consultato l'8 maggio 2020.
  5. ^ - Batman-Online.com, su www.batman-online.com. URL consultato l'8 maggio 2020.
  6. ^   Shadows of the Bat: The Cinematic Saga of the Dark Knight-Reinventing a Hero (DVD), Warner Bros., 2005.
  7. ^ a b (EN) Cast announcement for Batman Forever, su EW.com. URL consultato l'8 maggio 2020.
  8. ^ (EN) Why Tommy Lee Jones Joined Batman Forever, su EW.com. URL consultato l'8 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Michael Keaton Turned Down 'Batman Forever': The Script 'Sucked', su EW.com. URL consultato l'8 maggio 2020.
  10. ^ a b (EN) Val Kilmer takes over Batman Forever, su EW.com. URL consultato l'8 maggio 2020.
  11. ^ (EN) Val Kilmer Has an Intriguing Take on Batman's Undying Popularity, su Movieweb, 7 maggio 2020. URL consultato l'8 maggio 2020.
  12. ^ (EN) Magazine article: Comics Scene Presents Batman and Other Dark Heroes Part 1, su 1995batman.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  13. ^ BATMAN-ON-FILM.COM - William Baldwin Talks Batman And "JUSTICE LEAGUE: CRISIS ON TWO EARTHS" (12.16.09), su web.archive.org, 20 dicembre 2009. URL consultato l'8 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2009).
  14. ^ (EN) 1995 Batman.com, su 1995batman.com. URL consultato l'8 maggio 2020.
  15. ^ (EN) 'Batman Forever': The Story Behind the Surprise Hit "Nobody Really Wanted", su The Hollywood Reporter. URL consultato il 10 maggio 2020.
  16. ^ Rebecca Ascher-Walsh, Psycho Kilmer, in Entertainment Weekly, 31 maggio 1995. URL consultato l'11 novembre 2008.
  17. ^ Benjamin Svetkey, Holy Happy Set!, Entertainment Weekly, 12 luglio 1996.
  18. ^ Picture jim-carrey-10 « Attori vs Attori: star hollywoodiane odiate dai propri colleghi. La gallery | Best Movie, su Best Movie. URL consultato il 15 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  19. ^ a b (EN) 'Batman Forever': The Story Behind the Surprise Hit "Nobody Really Wanted", su The Hollywood Reporter. URL consultato il 10 maggio 2020.
  20. ^ (EN) Magazine article: Starlog's Sci-Fi Explorer #8, su 1995batman.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  21. ^   The Many Faces of Gotham City (DVD), Warner Bros., 2005.
  22. ^   Out of the Shadows: The Production Design of Batman Forever (DVD), Warner Bros., 2005.
  23. ^ Batmobiles 1995, su www.batmobilehistory.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  24. ^   Scoring Forever: The Music of Batman Forever (DVD), Warner Bros., 2005.
  25. ^ La Stampa - Consultazione Archivio, su www.archiviolastampa.it. URL consultato l'8 maggio 2020.
  26. ^ Batman Forever, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 16 agosto 2008.
  27. ^ Batman Forever (1995): Reviews, su Metacritic, CBS Interactive. URL consultato il 16 agosto 2008.
  28. ^ Peter Travers, Batman Forever, in Rolling Stone, 8 dicembre 2000. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2008).
  29. ^ Brian Lowry, Batman Forever, in Variety, 14 giugno 1995. URL consultato il 16 agosto 2008.
  30. ^ James Berardinelli, Batman Forever, in ReelViews, 16 giugno 1995. URL consultato il 17 agosto 2008.
  31. ^ Roger Ebert, Batman Forever, Chicago Sun-Times. URL consultato il 17 agosto 2008.
  32. ^ Mick LaSalle, Batman Forever Goes On and On, in San Francisco Chronicle, 16 giugno 1995. URL consultato il 17 agosto 2008.
  33. ^ a b Batman Forever, su Box Office Mojo. URL consultato il 16 agosto 2008.
  34. ^ a b 1995 Domestic Grosses, su Box Office Mojo. URL consultato il 16 agosto 2008.
  35. ^ Batman Battle, su Box Office Mojo. URL consultato il 16 agosto 2008.
  36. ^ l'Unità - Archivio storico, su archivio.unita.news. URL consultato l'8 maggio 2020.
  37. ^ Hit Parade Italia - Classifica Film 1995 - 1996, su www.hitparadeitalia.it. URL consultato l'8 maggio 2020.
  38. ^ 37th Grammy Awards, su Internet Movie Database. URL consultato il 16 agosto 2008.
  39. ^ Batman Forever (Paperback), su Amazon. URL consultato il 17 agosto 2008.
  40. ^ Batman Forever: The Novelization, su Amazon. URL consultato il 17 agosto 2008.
  41. ^ Batman Forever: The Official Comic Adaptation of Motion Picture, su Amazon. URL consultato il 17 agosto 2008.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN223082058 · GND (DE7531461-7 · BNF (FRcb16768759z (data)