Apri il menu principale

Battaglia del Talas

Battaglia del Talas (o del Ṭarāz)
parte della conquista dei territori transoxianici
da parte degli Abbasidi
Battle of Talas.png
Dataluglio 751
LuogoCittà di Taraz nei pressi del fiume Talas (al confine tra l'attuale Kazakistan e l'attuale Kirghizistan)
EsitoNetta vittoria tattica e strategica abbaside
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
40.000 soldati 150.000 secondo le fonti cinesi10.000 soldati cinesi e 20.000 mercenari Qarluq 150.000 secondo le fonti abbaside
Perdite
lievi, secondo le fonti islamiche, ma non quantificate8.000 e numerosi prigionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia del Talas (o del Ṭarāz) è un fatto d'arme che ha lasciato, da un punto di vista di diffusione delle tecnologie e delle culture materiali, una particolare impronta.

La battagliaModifica

Dopo che nel 692 la Cina dei Tang era riuscita ad occupare il territorio del bacino del Tarim, i vicini governatori del Ferghana (regione indispensabile per raggiungere il bacino e, di conseguenza, per ottenere il controllo totale sulla porzione centrasiatica della Via della Seta), sottoposti a continue razzie dai vicini musulmani, chiesero aiuto al Celeste Impero.

Questi inviò il generale coreano Gao Xianzhi (Kao Sien-chih) con un esercito di 30 000 uomini, al fine di occupare la Transoxiana debellando così una volta per tutte la pressione arabo-islamica lungo il confine costituito dal bacino del Tarim. Per fronteggiare l'esercito cinese, i musulmani (quasi tutti persiani) chiamarono in aiuto il governatore di Samarcanda Ziyād ibn Ṣāliḥ al-Khuzaʿī, per conto del califfo di Baghdad Abu Muslim.

Il governatore di Samarcanda giunse nella città di Atlakh con un esercito forte di 50 000 guerrieri, anche se le poco affidabili fonti dell'epoca parlano di addirittura 200 000 fanti. Nonostante la disparità di forze, le due superpotenze militari si scontrarono nei pressi del fiume Talas.

Il fattore cruciale per l'esito dello scontro fu la presenza nell'esercito cinese di 20.000 mercenari turchi Qarluq o Karlouks, i quali durante la battaglia (che si protrasse per 5 giorni) passarono dalla parte dei musulmani e attaccarono alle spalle i Tang sterminandoli.

ConseguenzeModifica

Dopo la disfatta, solo 2 000 dei fanti regolari cinesi furono posti in salvo da Gao Xianzi, mentre il resto dei sopravvissuti cadde in mano musulmana.

Una parte di essi, esperta di sericoltura, fu avviata a Kufa per impiantarvi le prime officine tessili destinate a produrre seta ma un'altra parte ancora era esperta nei processi di fabbricazione della carta, a partire dai cascami vegetali del lino e della canapa.

Per questo scopo il governatore di Samarcanda, il barmecide al-Faḍl b. Yahyā, avviò la costruzione della prima cartiera al di fuori della Cina e poco dopo suo fratello Jaʿfar, a capo dell'amministrazione califfale a Baghdad, fece sorgere nella città nel 794-5 un analogo impianto.

Nel giro di pochi anni molte altre cartiere furono organizzate nella Dār al-Islām, dando modo alla carta di affermarsi progressivamente per numerosi secoli - grazie anche all'ottima sua qualità - anche nei mercati occidentali cristiani, ai danni della più costosa pergamena e del papiro egiziano (qirtāṣ, dal greco khartes), la cui produzione peraltro non finì del tutto. Si deve anche a questo scontro il fatto che gli arabi entrarono in possesso della bussola, che a loro volta introdussero in Europa nel XII secolo.

Dal punto di vista militare, questa disfatta pose fine all'espansione cinese verso l'Occidente, prolungò di un decennio l'influenza tibetana e permise ai musulmani di prendere il controllo della Transoxiana per i successivi quattro secoli. Il controllo di quest'area era economicamente vantaggioso per gli Abbasidi perchè sulla Via della Seta.

Significato storicoModifica

Poco dopo la battaglia di Talas, la ribellione interna di An Lushan (755-63) diede agli arabi l'opportunità di espandersi ulteriormente in Asia centrale mentre l'influenza Tang nella regione si ritirava.[1] I tributari Tang locali passarono quindi all'autorità degli Abbasidi, dei Tibetani o degli Uiguri e l'introduzione dell'Islam fu così facilitata tra i popoli turchi.

Fu la ribellione di An Lushan e non la sconfitta di Talas che pose fine alla presenza cinese Tang in Asia centrale e li costrinse a ritirarsi dallo Xinjiang-Talas non aveva alcuna importanza strategica, perché gli arabi non avanzarono ulteriormente dopo la battaglia.[2][3]

Una piccola minoranza di Karluki si convertì all'Islam dopo la battaglia. La maggior parte dei Karluki non si convertì fino alla metà del X secolo sotto il Sultano Satuq Bughra Khan quando fondarono il Khanato Kharakanide.[4][5][6][7][8] Ciò accadde molto tempo dopo che la dinastia Tang era scomparsa dall'Asia centrale.

Abu l-Abbas al-Saffah, le cui forze erano conosciute dai cinesi come la Black Robed Ta-Shih, spesero le sue ricchezze in guerra. Morì nell'anno 752. Suo fratello che gli succedette come il secondo califfo abbaside Abu Jafar al-Mansur (754-775 d.C.) (A-p'uch'a-fo) aiutò l'imperatore cinese Su Zong Tang dopo aver chiesto aiuto durante la Ribellione di An Lushan nel riconquistare il controllo della sua capitale Chang'an dal perfido comandante, An Lushan, o dai suoi successori della dinastia Yan. Abu Jafar al-Mansur rispose inviando 4000 uomini che aiutarono le truppe Tang a riconquistare la città e furono ben ricompensati dall'Imperatore cinese. Dopo che la ribellione fu repressa, fu loro permesso di stabilirsi definitivamente in Cina, contribuendo alla fondazione delle prime comunità musulmane in Cina. Alcuni di loro sposarono donne cinesi e i loro discendenti diventarono musulmani nativi che mantennero la loro tradizione religiosa e il loro unico modo di vivere.[9][10][11][12][13]

Nel 760, un massacro su vasta scala di ricchi mercanti arabi e persiani avvenne in Cina durante il massacro di Yangzhou, per mano di ribelli cinesi guidati da Tian Shengong. Nell’879, durante il massacro di Guangzhou, da 120.000 a 200.000 mercanti stranieri musulmani arabi, persiani zoroastriani, ebrei e cristiani di Guangzhou furono massacrati dai ribelli cinesi sotto Huang Chao.

La cultura dell'Asia centrale, un tempo un misto di influenze persiane, indiane e cinesi, scomparve sotto le lotte di potere tra gli imperi arabi, cinesi, turchi, tibetani e uiguri.[14] L'Islam crebbe come forza culturale dominante dell'Asia centrale.

Con il declino del buddismo centroasiatico, il buddismo cinese era ormai tagliato fuori dal buddhismo indiano e si sviluppò in una religione indipendente con distinti elementi spirituali. Le tradizioni indigene buddiste come il Buddismo e lo Zen della Terra Pura sono emersi in Cina. La Cina divenne il centro del buddismo dell'Asia orientale, seguendo il canone buddhista cinese, mentre il buddismo si diffuse in Giappone e in Corea dalla Cina.[14]

Tra i primi storici a proclamare l'importanza di questa battaglia fu il grande storico russo dell'Asia centrale musulmana, Wilhelm Barthold, del XX secolo secondo il quale "i primi storici arabi, occuparono la narrazione di eventi che si svolgevano nell'Asia occidentale, non menzionano questa battaglia, ma è indubbiamente di grande importanza nella storia del Turkestan (occidentale) in quanto determina la questione quale delle due civiltà, quella cinese o quella musulmana, dovrebbe predominare nella terra (del Turkestan)."[15]

La perdita di 8.000 truppe nell'impero Tang può essere paragonata a una forza di truppe di oltre 500.000 prima della ribellione di Anshi.[16] Secondo Bartold, per la storia dei primi tre secoli di Islam, al-Tabari era la fonte principale (sopravvissuta nella raccolta di Ibn al Athir), che fu portata giù al 915. È solo in Athir che troviamo un resoconto del conflitto tra arabi e cinesi nel 751. Né Tabari né le prime opere storiche degli Arabi che ci sono pervenute in generale ne fanno menzione; tuttavia, la dichiarazione di Athir è completamente confermata dalla storia cinese della dinastia Tang.[17] In tutte le fonti arabe, gli eventi accaduti nella parte orientale dell'impero sono spesso trattati brevemente[18]. Un altro importante informatore della battaglia sul lato musulmano fu Al-Dhahabi (1274-1348).[19]

La battaglia di Talas non segnò la fine del buddismo o dell'influenza cinese nella regione. I buddisti del Khanato Kara-Khitan sconfissero i musulmani selgiuchidi Turchi e i musulmani Kara-Khanidi Turchi nella battaglia di Qatwan nel 1141, conquistando una grande parte dell'Asia centrale dal Khanato musulmano Kara-Khanide nel XII secolo. I kara-khitani reintrodussero anche il sistema cinese del governo imperiale, dal momento che la Cina era ancora rispettata e stimata nella regione anche tra la popolazione musulmana,[20] e i kara-khitani usavano il cinese come lingua ufficiale principale.[21] I governanti Kara-Khitai furono chiamati "i cinesi" dai musulmani.[22]

Il professor Denis Sinor ha affermato che è stata l'interferenza negli affari interni del Khaganato turco occidentale che ha posto fine alla supremazia cinese in Asia centrale, poiché la distruzione del Khaganato occidentale ha liberato i musulmani dal loro più grande avversario, e non è stata la battaglia di Talas a finire la presenza cinese.[23]

Più tardi durante il regno del Califfo abbaside Harun al-Rashid, gli arabi interruppero la loro alleanza con l'impero tibetano[24] e stabilirono un'alleanza con la Cina dopo aver inviato ambasciatori in Cina nel 789.[25][26]

La fabbricazione della cartaModifica

 
Uno dei cinque principali passaggi nell'antica lavorazione della carta cinese.

La battaglia del Talas fu un evento chiave nella trasmissione tecnologica della fabbricazione della carta. Dopo di essa, ai prigionieri di guerra cinesi esperti fu ordinato di produrre carta a Samarcanda, o almeno così dice la storia.[27] In effetti, la carta di alta qualità era stata conosciuta e trasformata in Asia centrale per secoli; una lettera su carta sopravvive dal quarto secolo a un mercante a Samarcanda, ma la conquista islamica dell'Asia centrale tra la fine del VII e l'inizio dell'VIII secolo ha aperto questa conoscenza per la prima volta a quello che è diventato il mondo musulmano. Entro l'anno 794, la produzione di carta poteva essere effettuata a Baghdad, nell'Iraq moderno. La tecnologia della fabbricazione della carta fu così trasmessa e rivoluzionata al mondo islamico e in seguito all'Occidente europeo[28]. La stessa era un segreto di stato, e solo alcune località e monaci buddisti ne conoscevano la tecnologia. Naturalmente, la carta è stata trasportata per molti chilometri come un prodotto di lusso cinese e, dal momento che è stata scambiata, il reperimento di carta in più punti non è una prova di produzione, ma di utilizzo.

Le conseguenze geopoliticheModifica

A parte il trasferimento di carta, non ci sono prove a supporto di un cambiamento geopolitico o demografico derivante da questa battaglia. In effetti sembra che l'influenza Tang sull'Asia centrale si sia addirittura rafforzata dopo il 751 e che entro il 755 il potere Tang in Asia centrale fosse al suo apice. Molti dei fattori dopo la battaglia erano stati presi in considerazione prima del 751. In primo luogo, i Karluki non erano mai stati in alcun modo contrari ai cinesi dopo la battaglia. Nel 753, il Karluko Yabgu Dunpijia si presentò sotto la colonna di Cheng Qianli e catturò A-Busi, un mercenario cinese tradito dal capo dei Tongluo (Tiele) (che aveva disertato prima nel 743) e ricevette il titolo in tribunale il 22 ottobre.[29] Lo storico cinese musulmano Bai Shouyi scrisse che, inoltre, nello stesso momento in cui nel Talas ebbe luogo la battaglia, il Tang mandò anche un esercito dalla città di Shibao nel Qinghai a Suyab e consolidò il controllo cinese sul Turgesh.

L'espansione cinese in Asia centrale non si fermò dopo la battaglia; il comandante cinese Feng Changqing, che prese il posto a Gao Xianzhi attraverso Wang Zhengjian, praticamente spazzò la regione del Kashmir e catturò Gilgit poco dopo due anni. Persino Tashkent ristabilì il suo status di vassallaggio nel 753, quando il Tang conferì un titolo al suo sovrano. L'influenza cinese ad ovest delle montagne del Pamir non cessò certamente; gli stati centroasiatici sotto il controllo musulmano, come Samarcanda, continuarono a chiedere aiuto al Tang contro gli arabi nonostante Talas e quindi nel 754, tutti e nove i regni del Turkestan occidentale inviarono nuovamente petizioni al Tang per attaccare gli arabi e il Tang continuò rifiutare tali richieste come faceva per decenni. Ferghana, che aveva partecipato alla battaglia in precedenza, si era infatti unita agli aiuti dell'Asia centrale con l'esercito cinese e tramite una convocazione era entrata a Gansu durante la rivolta di An Lushan nel 756.[30]

Bai notò anche che i rapporti tra i cinesi e gli arabi non peggiorarono, poiché gli Abbasidi, come i loro predecessori (dal 652), continuarono a inviare ininterrottamente le ambasciate in Cina dopo la battaglia. Tali visite hanno avuto complessivamente come risultato 13 doni diplomatici tra il 752 e il 798.[31] Neanche tutte le tribù turche della regione si convertirono all'Islam dopo la battaglia: la data della loro conversione di massa all'Islam avvenne molto più tardi, nel X secolo sotto Musa.[32]

NoteModifica

  1. ^ Lewis 2009, p. 158.
  2. ^ Starr 2004 p. 39
  3. ^ Millward 2007 p. 36
  4. ^ Wink 2002 p. 68
  5. ^ Lapidus 2012 p. 230
  6. ^ Esposito 1999 p. 351
  7. ^ Lifchez e Algar 1992 p. 28
  8. ^ Soucek 2000 p. 84
  9. ^ (EN) A. Acharya, R. Gunaratna e W. Pengxin, Ethnic Identity and National Conflict in China, Springer, 21 giugno 2010, ISBN 9780230107878. URL consultato l'8 luglio 2019.
  10. ^ (EN) Joseph Mitsuo Kitagawa, The Religious Traditions of Asia: Religion, History, and Culture, Psychology Press, 2002, ISBN 9780700717620. URL consultato l'8 luglio 2019.
  11. ^ (EN) Charles Patrick Fitzgerald, China: a short cultural history, Praeger, 1961. URL consultato l'8 luglio 2019.
  12. ^ (EN) Everett Jenkins, The Muslim Diaspora: 570-1500, McFarland, 1999, ISBN 9780786404315. URL consultato l'8 luglio 2019.
    «Arab troops were dispatched by Abu Gia-far to China.».
  13. ^ (EN) Stanley Ghosh, Embers in Cathay, Doubleday, 1961. URL consultato l'8 luglio 2019.
    «During the reign of Abbassid Caliph Abu Giafar in the middle of the 8th century, many Arab soldiers evidently settled near the garrisons on the Chinese frontier.».
  14. ^ a b Lewis 2009, p. 159.
  15. ^ Bartold, pp. 180–96
  16. ^ Bai, pp. 219–23
  17. ^ Barthold, pp. 2–3
  18. ^ Barthold, p. 5
  19. ^ Saudi Aramco World : The Battle of Talas, su web.archive.org, 14 luglio 2006. URL consultato l'8 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2006).
  20. ^ Biran 2012 p. 90
  21. ^ Stary p. 114
  22. ^ Biran 2005 p. 93
  23. ^ Sinor 1990 p. 344
  24. ^ Chaliand 2004 p. 32
  25. ^ Bloodworth e Bloodworth 1976 p. 214
  26. ^ Giles 1926 p. 138
  27. ^ Bai, pp. 242–43.
  28. ^ Bloom, Jonathan (2001). Paper Before Print: The History and Impact of Paper in the Islamic World. New Haven: Yale University Press. ISBN 0-300-08955-4.
  29. ^ Xue, pp. 260–81.
  30. ^ Bai, pp. 233–34.
  31. ^ Bai, pp. 239–42.
  32. ^ Embassy of Uzbekistan to the United Kingdom Of Great Britain and Northern Ireland, su web.archive.org, 4 luglio 2008. URL consultato il 9 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2008).

BibliografiaModifica