Apri il menu principale

Battaglia di Aleppo

Battaglia di Aleppo
parte della guerra civile siriana
Battle of Aleppo.jpg
In senso orario:
Un carro armato distrutto in strada, gli edifici di Piazza Saadallah al-Jabiri dopo i bombardamenti di Aleppo dell'ottobre 2012, abitanti in fila per il cibo, un soldato dell'Esercito siriano libero cammina tra le macerie
Data19 luglio 2012 - 22 dicembre 2016
LuogoAleppo, Siria
EsitoVittoria delle forze governative siriane e dei loro alleati
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
1000 miliziani esercito siriano libero. 20.000 miliziani tra al nusra e formazioni jihadiste minori e isis50.000 soldati siriani
5000-10.000 tra hezbollah, consiglieri Iraniani e Russi e milizie sciite pachistane, irachene, yemenite e afghane.
Sconosciuti
Perdite
31.275 morti complessivi (in tutta la provincia)
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Aleppo[4] è un episodio della guerra civile siriana, una delle più lunghe e sanguinose battaglie di tutta la guerra.

Iniziata il 19 luglio 2012, e ritenuta molto importante dalle organizzazioni e gruppi armati nella guerra civile siriana,[5] ha portato alla divisione della città in due parti controllate rispettivamente dal governo (Aleppo Ovest) e dai ribelli (Aleppo Est), e si è trasformata sostanzialmente in una guerra di posizione con vari tentativi di avanzamento da ambo le parti. Nella seconda metà del 2016, le forze governative hanno posto sotto assedio la parte est, riconquistandola interamente nella seconda metà di dicembre.

Le azioni di guerriglia e guerra di posizione e i bombardamenti massicci sugli edifici, in quattro anni di scontri, hanno devastato la città e per l'altissimo numero di morti, stimato in almeno 31.000, la battaglia di Aleppo è diventata nota come la "madre delle battaglie" e la città stessa è diventata la "Stalingrado di Siria".

L'offensiva ribelle (2012)Modifica

L'attacco dei ribelli e l'ingresso nella cittàModifica

Il 19 luglio 2012, dai villaggi intorno alla città i ribelli attaccano Aleppo nel quartiere di Ṣalāḥ al-Dīn[6], a sud-ovest e nei quartieri di Haydariyya e Sakhur[7], a nord-est, aprendo due fronti di combattimento. La strategia ha successo e in 3 giorni i combattimenti raggiungono le aree centrali della città[8].

Il 24 luglio l'ESL e i gruppi islamisti scatenano l'offensiva decisiva per il controllo del centro storico. Si registrano scontri anche nell'antico suk e intorno alla cittadella.

La reazione del governo sirianoModifica

La reazione del governo è inizialmente rallentata dalla maggiore attenzione rivolta alla situazione a Damasco, ma vengono inviati 10 000 uomini spostati dalla costa e, soprattutto, l'aeronautica militare siriana[9]. Anche le file dei ribelli vengono ingrossate da 2.000 combattenti provenienti dal nord della Siria[10].

Il 28 luglio l'esercito siriano riesce a scatenare una prima controffensiva concentrata sul quartiere di Ṣalāḥ al-Dīn, ove si concentra la maggior parte dei miliziani[11]. L'offensiva è imponente ed utilizza carri armati, aerei, elicotteri e artiglieria pesante[12]. Tuttavia i ribelli riescono a resistere al primo impatto e, contemporaneamente, avanzano nel centro storico, riuscendo ad unire i due fronti aperti da sud-ovest e nord-est[13].

A fine giornata l'attacco è considerato respinto[14]. Inoltre sono riportate alcune diserzioni da parte di carristi dell'esercito siriano[15], che permette ai ribelli di ottenere armamento pesante.

L'intervento dell'ESLModifica

Gli scontri interessano tutta la città e, a inizio agosto, l'ESL ottiene una vittoria strategica fondamentale: viene conquistata la cittadina di Anadan, a nord di Aleppo, il che comporta il controllo della strada principale che proviene dal nord del paese, già in mano all'opposizione[16]. I ribelli si garantiscono una importante via di approvvigionamento[17].

Grazie ai carri armati e ai rifornimenti, l'ESL dilaga in città e riesce a ottenere il controllo di gran parte dei distretti nella direttrice sud-ovest nord-est[18].

Tuttavia tra il 3 e il 5 agosto l'offensiva ribelle entra in una fase di stallo e fallisce nel tentativo di conquistare i distretti a nord di Ṣalāḥ al-Dīn[19]. Soprattutto grazie all'uso martellante dell'aeronautica militare siriana, l'esercito regolare riesce a bloccare l'iniziativa dei miliziani, ne uccide il leader e distrugge alcuni centri di comando dei ribelli[20][21].

Il contrattacco governativo e lo stalloModifica

Il 7 agosto scoppiano degli scontri intorno alla cittadella di Aleppo e le truppe governative riescono parzialmente ad accerchiare i ribelli[22]. Il giorno seguente l'esercito tenta una nuova offensiva per controllare il quartiere-chiave di Ṣalāḥ al-Dīn. I ribelli soffrono, oltre ai bombardamenti aerei e dell'artiglieria pesante, anche della mancanza di munizioni. Così l'esercito riesce ad entrare nel quartiere e costringe i miliziani a una fuga precipitosa[23].

Il 9 agosto il quartiere viene definitivamente conquistato dall'esercito attuando un rastrellamento casa per casa e ricorrendo pesantemente alle milizie Shabiha.[24] Per tutto agosto si registrano scontri isolati in tutta la città, ma senza nessun avanzamento di rilievo[25][26][27].

L'assedio e la definitiva vittoria dei governativi (2016)Modifica

 
L'accerchiamento governativo della città di Aleppo (nel riquadro) e le altre offensive dei curdi e dei ribelli filo-turchi nel nord della provincia di Aleppo

Ad Aleppo, le truppe governative avanzanti da nord e da sud riescono infine il 27 luglio a ricongiungersi ad ovest del quartiere curdo di Sheikh Maqsoud, isolando e ponendo sotto assedio la parte est di Aleppo ancora in mano ai ribelli dell'FSA, Ahrar al-Sham e al-Nusra.[28] La Russia e il governo siriano dichiarano quindi l'apertura di "corridoi umanitari" per evacuare dalle zone della città sotto controllo ribelle i civili (circa 250.000) e i combattenti disposti ad arrendersi,[29].[30] Il 31 luglio però le milizie ribelli, dopo aver fatto affluire numerosi rinforzi dalle provincie di Idlib e Aleppo, lanciano un'offensiva a sud-ovest della metropoli.[31] Il 6 agosto, i miliziani riescono a conquistare alcune roccaforti governative, riaprendo così uno stretto corridoio verso la parte orientale della città e tagliando la via di rifornimento governativa dalla Siria centrale alla parte occidentale di Aleppo.[32] Nei giorni seguenti fonti governative annunciano comunque la messa in sicurezza della "Strada Castello", ex arteria di collegamento per i ribelli; in questo modo l'esercito può riaprire le comunicazioni tra Aleppo ovest e il resto dei propri territori. Aleppo est rimane invece sostanzialmente assediata, visto che il corridoio aperto dai ribelli viene incessantemente bersagliato dalle artiglierie e dai bombardieri russi e siriani.

Intanto a nord-est di Aleppo il 12 agosto, dopo due mesi di assedio, le milizie curde, con il sostegno dell'aviazione statunitense, conquistano definitivamente la città di Manbij, occupata dai ribelli anti-Assad nel luglio 2012 e poi in mano allo Stato Islamico dal gennaio 2014.

 
L'offensiva dei ribelli appoggiati dalle forze turche (in verde) contro l'ISIS (in grigio) e i curdi (in giallo)

Nel nord della provincia il 24 agosto miliziani ribelli attaccano dalla Turchia, con il sostegno di artiglieria, carri armati e truppe speciali turche, la città frontaliera di Jarabulus, occupata dalla Stato Islamico, conquistandola in poche ore. L'operazione, denominata Scudo dell'Eufrate, ha l'obiettivo primario di espellere i miliziani dell'ISIS dalla frontiera turca ed impedire la riunificazione del cantone di Afrin con i restanti territori curdi. Occupata Jarabulus infatti i ribelli filo-turchi avanzano verso sud, entrando in conflitto con le forze curde e spingendosi fino a 12 Km da Manbij. Nel frattempo, occupata la città frontaliera di al-Rai il 18 agosto, i ribelli della regione di Azaz riescono a ricongiungersi il 4 settembre con gli alleati penetrati a Jarabulus, completando così la conquista dell'ultimo tratto di frontiera ancora in mano all'ISIS.[33][34]

Alla periferia sud-ovest di Aleppo, nonostante un attacco diversivo dei ribelli nel nord di Hama, il 4 settembre l'esercito siriano ed alleati riescono a riconquistare il villaggio di Qarassi e l'importante base militare di Ramousah, persa ai primi di agosto. Aleppo est, rimasta comunque virtualmente assediata, viene quindi di nuovo interamente accerchiata.[35] Nei giorni seguenti i ribelli riprendo Qarassi e bloccano l'avanzata su Khan Tuman; l'esercito comunque, riconquistando le aree urbane attorno alla base militare, riesce a rimettere in sicurezza e a riaprire al traffico la sua principale via di collegamento per Aleppo ovest.

Dal 12 settembre il fronte di Aleppo entra in stasi per l'entrata in vigore di una tregua, siglata con il contributo di Russia e Stati Uniti.[36] Tuttavia, a causa di una crisi diplomatica scoppiata a seguito di un raid aereo accidentale della coalizione a guida USA sulle posizioni siriane a Deir Ezzor[37], Mosca e Damasco annunciano il 19 settembre la fine dei colloqui, la ripresa delle ostilità e l'inizio di una vasta offensiva per riprendere definitivamente il controllo della metropoli. Negli ultimi giorni di settembre infatti le truppe governative riconquistano importanti posizioni, in mano ai ribelli da ben tre anni, nella zona nord della sacca, tra cui il campo di Handarat e l'ex ospedale al-Kindi, e nella città vecchia.[38]

Il 28 ottobre i ribelli lanciano invece una nuova e massiccia offensiva ad ovest di Aleppo, nel tentativo di rompere l'assedio alla parte est[39], nonostante ciò l'esercito avanza inaspettatamente a nord-est della città riconquistano alcuni villaggi, aree rurali e una ex base di fanteria nella campagna a nord del distretto industriale di Shaykh Najjar, approfittando di una generale ritirata dell'ISIS dalla regione. L'attacco dei ribelli a sud-ovest di Aleppo ottiene nel frattempo scarsi successi, venendo completamente respinto dai governativi che, entro i primi giorni di novembre, completano la riconquista di tutte le aree perse a seguito della prima offensiva di fine luglio, tra cui la zona residenziale 1070 e la scuola militare di Hikmah.[40]

Riconquista governativa della parte nord di Aleppo est, 15 nov.-6 dic.

Nella seconda metà del mese i governativi riprendono l'offensiva per riconquistare Aleppo est. L'esercito siriano ed alleati avanzano rapidamente e tra il 26 e il 27 novembre causano un primo collasso delle difese ribelli, riconquistando importanti distretti, caduti nell'estate del 2012, tra cui quelli di Hanano, Jabal Badro e al-Sakhur e riuscendo infine a separare la sacca in due parti. Il 28 novembre la parte settentrionale di Aleppo est (circa un terzo del territorio controllato dai ribelli) viene completamente riconquistata dai governativi (mentre una parte del territorio perso dai ribelli, adiacente al quartiere curdo di Sheikh Maqsoud, viene occupato dall'YPG). Più di diecimila civili fuggono dai combattimenti, mettendosi in salvo nelle aree di Aleppo ovest sotto il controllo del governo, nel quartiere curdo o nelle rimanenti parti di Aleppo est controllate ancora dai ribelli.[41] In una nuova offensiva tra il 2 e il 4 dicembre, l'esercito siriano avanza in profondità ad ovest dell'aeroporto internazionale, riconquistando vari distretti e giungendo a circa 1 Km dalle linee amiche presso la Cittadella. L'area in mano ai ribelli viene così ridotta al 50% circa del territorio da loro precedentemente controllato.[42] Per evitare un secondo accerchiamento, il 7 dicembre i ribelli abbandonano le loro ultime posizioni ad est e a nord della Cittadella.

 
Offensiva governativa finale ad Aleppo

Il 12 dicembre l'esercito riconquista i distretti di Bustan Al-Qasr e di Sheikh Saeed, considerati tra le maggiori roccaforti dell'opposizione. La sacca ribelle viene così ridotta circa al 5% del territorio iniziale. Mentre continua il deflusso dei civili, in fuga dalle zona ancora occupate, anche centinaia di ribelli decidono di deporre le armi e consegnarsi alle forze governative. Solo alcune unità optano per una resistenza ad oltranza presso i loro ultimi bastioni nei distretti di Sakkari e di Al Ansari Sharki. Il 15 dicembre, con la mediazione di Russia e Turchia, viene raggiunto un accordo per la resa degli ultimi combattenti e il loro trasferimento, assieme a parte della popolazione civile, verso Idlib, con l'evacuazione, allo stesso tempo, dei civili assediati dai ribelli nelle cittadine governative di Fuah e Kafrayah.[43] La sera del 22 dicembre, a seguito della partenza dell'ultimo convoglio di ribelli e familiari, viene annunciata dalle forze armate siriane la totale riconquista della città di Aleppo, ad esclusione del quartiere curdo di Sheikh Maqsoud. Dopo quattro anni e cinque mesi di combattimenti, la seconda città più importante della Siria torna così sotto il completo controllo del governo del presidente Assad.[44]

NoteModifica

  1. ^ Chi è Qasem Soleimani, Gli Occhi della Guerra, 2 agosto 2018
  2. ^ "Fresh clashes rock Damascus". Nine O clock. Archived from the original on 1 October 2015. Retrieved 30 September 2015..
  3. ^ "Barrel bombings cause mass evacuation in east Aleppo". Al-Monitor. Archived from the original on 24 October 2014. Retrieved 24 October 2014...
  4. ^ Syrian rebels fight Assad troops in Aleppo | World news | theguardian.com
  5. ^ Fears about the 'mother of all battles' for Aleppo - ABC News (Australian Broadcasting Corporation)
  6. ^ Fierce fighting in Syria's Aleppo:activists | News , Middle East | THE DAILY STAR
  7. ^ "For the first time we feel Aleppo has turned into a battle zone," a housewife in Aleppo says. - Al Jazeera Blogs
  8. ^ BBC News - Battle for Aleppo: Syrians react
  9. ^ Syria crisis: US fears Aleppo 'massacre' - Friday 27 July 2012 | World news | theguardian.com
  10. ^ Syrian forces gather for Aleppo assault | World news | theguardian.com
  11. ^ Syrian army launches Aleppo counter-offensive, activists say, su now.mmedia.me. URL consultato il 23 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2013).
  12. ^ Top Stories
  13. ^ 'Tragedy brewing' as Syria launches Aleppo assault | News.com.au
  14. ^ Syrian rebels survive regime onslaught in Aleppo - Yahoo News
  15. ^ Syria: Battle for Aleppo - Sunday 29 July | World news | theguardian.com
  16. ^ Syrian rebels seize strategic checkpoint between Aleppo and Turkey, according to rebel officer - Al Jazeera Blogs
  17. ^ Rebels use tanks to attack air base - thenews.com.pk Archiviato il 5 agosto 2012 in Internet Archive.
  18. ^ Ambushes and air strikes as Syrian regime fight rebels street-by-street to gain possession of Aleppo - Middle East - World - The Independent
  19. ^ http://www.sbs.com.au/news/article/1677344/'Violence-rages'-in-Syria-after-UN-vote Archiviato il 30 dicembre 2012 in Archive.is.
  20. ^ Cookies must be enabled. | The Australian
  21. ^ http://www.post-gazette.com/world/2012/08/07/Fighting-Grows-More-Intense-in-Syria-s-Largest-City/stories/201208070243
  22. ^ Top Stories
  23. ^ Special report: Hundreds of rebel fighters leave Aleppo after relentless shelling by regime forces - Middle East - World - The Independent
  24. ^ Syrian rebels carve paths through buildings to avoid snipers | Reuters
  25. ^ Syria: clashes near airport in contested Aleppo - Yahoo News
  26. ^ Copia archiviata, su english.alarabiya.net. URL consultato il 2 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2012).
  27. ^ Copia archiviata, su sana.sy. URL consultato il 30 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2012).
  28. ^ Syrian army says cut off all supply routes into east Aleppo, in Reuters.
  29. ^ Russia says starts humanitarian operation in Syria's Aleppo, in Reuters.
  30. ^ Scores of families leave besieged Aleppo under Russia-Damascus plan, in Reuters.
  31. ^ Rebels launch major assault to try to break Aleppo siege, in Reuters.
  32. ^ Who Is Laying Siege to Whom in Aleppo?, 8 agosto 2016.
  33. ^ Turkish forces deepen push into Syria, draw U.S. rebuke over their target, in Reuters, 29 agosto 2016.
  34. ^ Turkish tanks roll into Syria, opening new line of attack, in Reuters, 4 agosto 2016.
  35. ^ Siege of eastern Aleppo resumes as Syrian government re-takes army site, in reuters, 4 settembre 2016.
  36. ^ Syria truce largely holds as aid preparations begin, in Reuters, 13 settemnre 2016.
  37. ^ Sputnik, Coalizione USA attacca l'esercito siriano, ne approfitta il Daesh, su it.sputniknews.com. URL consultato il 17 settembre 2016.
  38. ^ Syrian army, rebels wage fierce battles in Aleppo, in reuters, 30 settembre 2016.
  39. ^ Syrian rebels launch Aleppo counter-attack to break siege, in Reuters, 29 ottobre 2016.
  40. ^ Syrian army says takes Aleppo area, rebels say battle continues, in Reuters, 8 novembre 2016.
  41. ^ (EN) Syrian government drives rebels from swath of Aleppo, in Reuters, 29 novembre 2016.
  42. ^ Aleppo siege: Syria rebels lose 50% of territory, in BBC News.
  43. ^ Aleppo endgame nears as evacuation resumes, in Reuters.
  44. ^ Syrian army announces victory in Aleppo in boost for Assad, in Reuters.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica