Apri il menu principale
Battaglia di Arausio
parte delle guerre cimbriche
Cimbrians and Teutons - it.png
Mappa delle invasioni di Cimbri e Teutoni
Data105 a.C.
LuogoArausio, l'odierna Orange
EsitoVittoria dei Cimbri
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
19 legioni romane c.a 90.000 fanti e 10.000 cavalieri>200.000 uomini
Perdite
>100.000 uomini25.000/30.000 uomini
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Arausio fu combattuta il 6 ottobre 105 a.C. nell'odierna città francese di Orange, in Provenza, fra le legioni di Roma e le tribù nomadi di alcuni popoli germanici, Cimbri e Teutoni, i più numerosi, accompagnati dagli Ambroni e Tigurini.

L'esercito romano era comandato dal console Gneo Mallio Massimo, un homo novus, e dal proconsole per la Gallia Quinto Servilio Cepione che era stato console l'anno precedente ed esponente dell'aristocrazia. Questa differenza di status generò mancanza di coordinazione e dissidi tra il console e il suo subordinato e portò a una pesante sconfitta per i Romani, che persero quasi tutti gli effettivi sul campo. Ciò aprì le porte della Gallia Narbonense e dell'Italia ai Teutoni e ai Cimbri; questa sconfitta verrà poi vendicata da Gaio Mario nelle successive celebri battaglie contro questi due popoli (battaglia di Aquae Sextiae e battaglia dei Campi Raudii).

Alla sconfitta di Cepione è legata una tradizione semi-leggendaria, che la vorrebbe causata dal suo furto sacrilego dell'Aurum Tolosanum (l'Oro di Tolosa), il presunto bottino proveniente dal santuario di Apollo a Delfi, saccheggiato durante la spedizione celtica in Grecia.

Cicerone nel De natura deorum cita il modo di dire "aurum habet Tolosanum" per intendere quelle disgrazie che derivano dal guadagno tratto in modo empio.

Voci correlateModifica