Battaglia di Hanoi (1946)

Battaglia di Hanoi
parte della Guerra d'Indocina
Vietnamese soldier holding the Lunge Mine at Hàng Đậu Street on December 1946.jpg
Un soldato vietnamita regge una Lunge AT-mine sulla Hàng Đậu Street di Hanoi nel dicembre 1946
Data19 dicembre 1946-18 febbraio 1947
LuogoHanoi, Indocina francese
EsitoRitirata dei Viet Minh
Schieramenti
Comandanti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

il 19 dicembre 1946, soldati dei Viet Minh detonarono degli esplosivi ad Hanoi, e la conseguente battaglia conosciuta Battaglia di Hanoi segnò lo scoppio della Guerra d'Indocina.

StoriaModifica

Gli esplosivi, impostati alle ore 20:03 della sera, erano stati fatti passare di nascosto dalle guardie francesi e fatti esplodere nella centrale elettrica della città. La risultante esplosione fece piombare Hanoi nel buio più totale, e in tutta la città le forze dei Viet Minh cominciarono ad attaccare le posizioni militari francesi e le case francesi. Le truppe francesi sopravvissute, allertate da spie amiche, ripresero gradualmente la superiorità numerica. L'artiglieria francese comincio a bersagliare la città, e le forze francesi cominciarono a setacciare casa per casa per trovare i capi dei Viet Minh.

Ho Chi Minh che al momento era febbricitante e il generale Võ Nguyên Giáp ordinarono a tutti soldati di "Stare uniti, di andare in battaglia, di distruggere gli invasori e di salvare la nazione". L'eventuale superiorità francese di potenza di fuoco forzò i Viet Minh alla ritirata sulle montagne a 80 miglia a nord di Hanoi. I francesi impiegarono 60 giorni per prendere il controllo della città, il che permise alle forze nemiche di evacuare tutti i loro uffici insieme alle loro truppe scelte. Dopo aver espulso i Viet Minh dalla città, i francesi pretesero la resa di tutte le forze nemiche, che rifiutarono. Gli Stati Uniti allarmati dall'incidente, inviarono il loro diplomatico Abbow Low Moffat in una missione speciale a Saigon per negoziare un referendum, dopo il rifiuto dell'offerta da parte dei Viet Minh il diplomatico non vide altra scelta che abbandonare l'area.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica