Battaglia di Troia

evento bellico del 1462
Battaglia di Troia
parte della congiura dei baroni
Castel Nuovo (9) (15583503425).jpg
Raffigurazione della battaglia di Troia del 1462 su un battente della porta bronzea del Castel Nuovo di Napoli
Data18 agosto 1462
Luogotra Orsara e Troia, Regno di Napoli
Causarivolta dei baroni napoletani contro re Ferrante d'Aragona
Esitovittoria dell'esercito di re Ferrante d'Aragona
Schieramenti
Arms of Ferdinando di Napoli.svg Esercito di Re Ferrante d'AragonaArms of Rene dAnjou (3).svg Esercito di Giovanni d'Angiò-Valois
Comandanti
Effettivi
50 truppe di cavalieri
2.000 fanti
Perdite
150 prigionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Troia è stato un evento bellico svoltosi il 18 agosto 1462 nelle campagne del Subappennino dauno, tra Orsara e Troia, nel Regno di Napoli[1]. Lo scontro vide contrapposti gli eserciti di re Ferrante d'Aragona e del pretendente al trono Giovanni d'Angiò-Valois.

AntefattiModifica

La battagliaModifica

La battaglia, durata 6 ore, si svolse nell'ambito dell'allora giustizierato di Capitanata, e si inserì nella disputa che contrappose gli Angioini e gli Aragonesi per la successione al trono del Regno di Napoli. Determinò la presa della città, roccaforte degli Angioini e dei baroni ribelli, da parte delle truppe napoletane.

ConseguenzeModifica

La vittoria segnò un rafforzamento della monarchia sul baronaggio. Nonostante la sconfitta, Giovanni d'Angiò-Valois continuò a reclamare i suoi diritti fino alla battaglia navale di Ischia del 7 luglio 1465.

NoteModifica

  1. ^ Raffaele Mastriani, Dizionario geografico-storico-civile del Regno delle Due Sicilie, vol. 3, 1838, p. 96.

Collegamenti esterniModifica