Battaglia di capo Matxitxako

La battaglia di Magenta fu una battaglia navale che ebbe luogo il 5 marzo 1937, davanti al promontorio Matxitxako nel golfo di Biscaglia. Avvenne durante la guerra civile spagnola che vide coinvolti la marina basca che combatteva per la repubblica e il Canarias che combatteva per i franchisti.

Guerra civile spagnola
capo Matxitxako
Data5 marzo 1937
Luogogolfo di Biscaglia al largo di capo Matxitxako
Esitovittoria franchista
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Incrociatore Canarias4 bou:

Bizkaya
Gipuzkoa
Donostia

Nabarra
Perdite
1 morto e 1 feritoNabarra, 35 marinai
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

Il 5 marzo 1937, la nave mercantile Galdames salpò per Bilbao, trasportando 173 passeggeri. Davanti a Matxitxako, un gran numero di rifugiati e politici repubblicani incontrarono il Canarias. I baschi intenti nel proteggere il Galdames, affrontarono il Canarias. Quest'ultima affondò bou e il Nabarra, e ne danneggiò altri due.

Contesto strategicoModifica

Il 4 marzo la flotta composta da Bizkaia, Gipuzkoa, San Sebastián e Nabarra uscì dal porto di Bayonne con lettere di Galdames, con diversi passeggeri, alcuni macchinari e 500 tonnellate di monete di nichel per il governo basco.

L'incrociatore pesante Canarias lasciò Ferrol al comando del capitano Salvador Moreno, con l'intenzione di fermare la nave Galdames, che trasportava rifornimenti e armi per la repubblica.

Per impedire al nemico di vedere, il Galdames spense le luci e spense la radio. In queste condizioni la Bizkaia e la Gipuzkoa furono precedute dal bou. All'alba del 5 marzo, mentre cercavano il resto delle navi, incontrarono la nave franchista Canarias.

Il capitano della Bizkaia era Alejo Bilbao, quello della Navarra Enrique era Enrique Moreno della Murcia e quello della Gipuzkoa era Manuel Galdos.

Battaglia navaleModifica

 
La scultura Matxitxako Guda di Nestor Basterretxea a Bermeo: raffigura l'affondamento del Nabarra
 
Testo in onore dei guerrieri del mare scritto alla base della scultura
 
Il pannello accanto alla scultura. Rende omaggio ai membri della Marina basca in diverse lingue
 
Monumento ai caduti in battaglia nel porto di Plentzia

Nel tentativo di contrastare la nave da guerra imperiale Canarias, il bou basco repubblicano cercò di attirare l'incrociatore sulla costa del golfo di Biscaglia, in modo che potesse raggiungere i cannoni della difesa costiera.

A 20 miglia da Bilbao, il Canarias colpì per la prima volta la Gipuzkoa la quale di conseguenza rispose al fuoco, colpendo il ponte della nave insieme al cannone di prua, dando fuoco alla nave. Il Gipuzkoa affrontò l'incrociatore uccidendo un suo marinaio, e ne ferì un altro, urtando il Canarias. La Gipuzkoa subì 5 morti e 12 feriti ed era gravemente danneggiata; fuggì a Portugalete, ma venne inseguita dal Canarias. Riuscì ad arrivare tra capo Galea e Luzuero, e respinse il Canarias, riuscendo così a tornare al porto.

Durante questo periodo, Bizkaya si diresse verso Bermeo, incontrando la nave mercantile Yorkbrook. Questa nave batteva bandiera estone e trasportava armi di contrabbando per il governo repubblicano. Bizkaya la scortò a Bermeo.

Il resto dell'equipaggio fu affrontato dal Canarias e questo attaccò Galdames, uccidendo una donna e 3 bambini passeggeri. La nave mercantile non mise la bandiera bianca e i motori si fermarono.

Il Canarias continuò il suo attacco e colpì il San Sebastián, mettendolo in fuga. Questo bou riuscì a raggiungere in Francia.

Nabarra affrontò il Canarias, finché non fu affondato, combattendo per due ore. Cercarono di lasciare la nave imbarcandosi sulle 20 scialuppe di salvataggio rimaste durante l'affondamento della nave; Il capitano Enrique Moreno e il primo ufficiale Ambrosio Sarasola decisero di non cadere nelle mani dei franchisti e scelsero di rimanere sul Nabarra. Il resto dell'equipaggio composto da 49 marinai fu ucciso in battaglia.

ConseguenzeModifica

L'equipaggio del catrame del Canarias ha salvato i guerrieri sopravvissuti fornendo assistenza sanitaria, nonostante l'ostilità e i maltrattamenti che avrebbero subito. Pochi mesi dopo, lo stesso Franco fu eccitato dal coraggio mostrato dai guerrieri navarresi nei combattimenti, quando furono attaccati il comandante dell'incrociatore Salvador Moreno, futuro ammiraglio, e il capitano Manuel Calderón - a loro fu concessa la cauzione e la grazia contro Franco, a cui è stata concessa la libertà vigilata.

Il Canarias condussero Galdames a Pasaia. Uno dei passeggeri saltò in acqua, ma fu ucciso a colpi di arma da fuoco. I passeggeri e l'equipaggio a bordo furono severamente puniti e alcuni di loro furono fucilati. Uno dei più noti fu Manuel Carrasco Formiguera, rappresentante della Catalogna nel governo basco, che gridò '"Viva la Catalogna libera!" mentre moriva.

I 20 marinai sopravvissuti della Nabarra furono "processati" da un tribunale militare e condannati a morte per "aver aiutato la ribellione". Tuttavia il comandante e il plotone di esecuzione del Canarias si schierarono con Franco, fino a quando questi 20 marinai furono graziati in riconoscimento del coraggio dimostrato nei feroci combattimenti. Nel giro di pochi mesi, il 30 novembre 1938, ne furono graziati ben 20.[1]

Ordine di battagliaModifica

RicorrenzaModifica

Per commemorare questo evento, nel 1978, la prima domenica di marzo, è stata dichiarata "Giornata dei guerrieri navali" dal governo basco in esilio e di solito viene celebrata a Bermeo.

CulturaModifica

In onore di questa battaglia, il club di canottaggio di Urdaibai, presso Bermeo, fu chiamato dal suo allenatore Bou Bizkaia.

LetteraturaModifica

In letteratura, il poeta irlandese Cecil Day Lewis (padre dell'attore Daniel Day-Lewis) scrisse una poesia intitolata Nabarra in onore dei guerrieri che combatterono nella battaglia di Matxitxako. Dice:

«Uomini dei Paesi Baschi

I figli del Golfo di Biscaglia non hanno chiesto

una reputazione mitica in vita.

E poiché l'amava tanto nella

sua umile purezza, preferirebbe morire piuttosto che morire

nel suo cuore triste.»

(Cecil Day-Lewis)

FumettiModifica

Inoltre, Mikel Begoña di Sopelana e Ricardo Sendra dall'Argentina hanno scritto un fumetto intitolato Mar de plomo sulla battaglia navale di Matxitxako. Fu pubblicata anche una versione basca: "BERUNETZKO ITSASOA" ovvero "LA GUERRA DELLA PARTITA" .

NaufragiModifica

Nel 2008, il governo basco ha annunciato di aver trovato l'ubicazione del Nabarra bou.

NoteModifica

  1. ^ (EU) Erkoreka ha preso parte a un tributo alla Marina basca organizzato dalla Matxitxako elkartea, su gogora.euskadi.eus, 06-05-2019. URL consultato il 03-07-2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica