Apri il menu principale

Battista Chiavelli

Battista Chiavelli (Fabriano, 1385Fabriano, 26 maggio 1435) è stato un politico italiano, signore di Fabriano.

BiografiaModifica

Era figlio di Tommaso Chiavelli (1360-1435), signore di Fabriano che, in età avanzata, lo affiancò al governo della città.

Sposò Guglielma da Varano, figlia di Rodolfo III da Varano, condottiero e signore di Camerino e di Elisabetta Malatesta, ed ebbero numerosi figli:[1]

  • Gismondo
  • Piergentile
  • Chiavello
  • Guido
  • Rodolfo
  • Gentile
  • Agnese
  • Elisabetta
  • Piccardina
  • Camilla
  • Costanza
  • Margherita
  • Nicoletta

Di carattere dispotico nei confronti del popolo, fu probabilmente la causa che portò, il 26 maggio 1435, all'eccidio della famiglia Chiavelli, avvenuto a Fabriano nella cattedrale di San Venenzio. Assieme a Battista, furono uccisi i suoi figli maschi, il padre e i fratelli. Le figlie femmine e Guglielma vennero liberate e trovarono accoglienza presso la corte di Urbino.

Dopo l'eccidio e un breve periodo di sottomissione a Francesco Sforza (1435-1444), la città venne annessa allo Stato Pontificio.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie