Beatragus hunteri

specie di animale della famiglia Bovidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Damalisco di Hunter
Hirola2.jpg
Beatragus hunteri
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Alcelaphinae
Genere Beatragus
Specie B. hunteri
Nomenclatura binomiale
Beatragus hunteri
Sclater, 1889
Sinonimi

''Damaliscus hunteri
Damaliscus lunatus hunteri

Nomi comuni

Hirola

Il damalisco di Hunter (Beatragus hunteri Sclater, 1889) è un'antilope africana, presente in una regione ristretta fra il fiume Tana (Kenya) e il fiume Juba in Somalia, e nel Parco di Tsavo Est (Kenya). In inglese si chiama Hunter's hartbeest o hirola; in swahili nyamera.

DescrizioneModifica

Il damalisco di Hunter è molto simile al damalisco comune o topi. Ha un'altezza al garrese di circa 1 m e un peso compreso fra 70 e 110 kg. Ha un manto fulvo omogeneo, con toni più scuri sulle zampe. Sul muso, una linea di pelo bianco unisce i due occhi. La coda (più lunga di quella del topi) è bianca, con la punta nera. Sia maschio che femmina hanno corna sottili e puntute, incurvate verso l'alto e verso l'esterno; quelle del maschio sono più spesse e più lunghe, e possono arrivare a 70 cm di lunghezza.

Habitat e alimentazioneModifica

Il damalisco di Hunter vive in aree di savana, sia erbosa che semiarida e arbustiva, e si nutre di erba corta. Possono passare lunghi periodi senza bere.

ComportamentoModifica

I damalischi di Hunter sono animali gregari. Le famiglie, costituite da un maschio e un certo numero di femmine con i piccoli, arrivano in genere fino a 15-20 individui; a seconda del periodo dell'anno, le famiglie si uniscono a formare branchi anche di centinaia. Durante i periodi passati in branco, le famiglie talvolta si scambiano dei membri, cosa che contribuisce ad arricchire la varietà genetica delle famiglie.

PredatoriModifica

Gli adulti sono predati soprattutto da leoni e ghepardi. I piccoli sono esposti anche agli attacchi delle iene e delle aquile. Nell'area di diffusione dei damalischi, inoltre, il bracconaggio è piuttosto diffuso e costituisce un'importante causa di morte per questi animali.

Stato di conservazioneModifica

La popolazione di damalischi di Hunter era considerata in pericolo già nel 1963. Da allora, ha subito due periodi di contrazione. Nel periodo 1976-1978, la popolazione è scesa da 14.000 a 2.000 individui, per causa tuttora ignote. Nel 1995, probabilmente a causa di un incremento del bracconaggio, la popolazione è ulteriormente scesa fino a 300 individui. Oggi i damalischi di Hunter sono una delle specie più rare e più prossime all'estinzione del pianeta. Il Kenya sta portando avanti alcuni progetti di conservazione, difendendo una piccola popolazione (meno di un centinaio di capi) nel parco di Tsavo Est.

La Zoological Society of London, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione, considera Beatragus hunteri una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione.

ClassificazioneModifica

Il damalisco di Hunter viene talvolta classificato come sottospecie del Damaliscus lunatus, e denominato Damaliscus lunatus hunteri.

Nel 1999 è stato proposto di considerarlo l'unico membro di un genere distinto Beatragus, e quindi riclassificarlo come Beatragus hunteri.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Beatragus hunteri, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Beatragus hunteri, in EDGE (Evolutionary Distinct and Globally Endangered), Zoological Society of London.
Controllo di autoritàLCCN (ENsh2001004416
  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi