Apri il menu principale

Beffa di Satana

film del 1915 diretto da Telemaco Ruggeri
Beffa di Satana
Paese di produzioneItalia
Anno1915
Durata1500 m (55 min circa)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33:1
film muto
Generedrammatico
RegiaTelemaco Ruggeri
SoggettoEmiliano Bonetti, Giuseppe Monleone
Casa di produzioneFilm Artistica Gloria
Interpreti e personaggi

Beffa di Satana è un film muto italiano del 1915 diretto da Telemaco Ruggeri.

TramaModifica

L'ingegnere Stellio Duodo si ritira in montagna per concentrarsi nello sviluppo del progetto del "telefonoscopio", un rivoluzionario apparecchio che permette di trasmettere a distanza audio ed immagini in movimento (la futura televisione). Un giorno giunge nella località, con una comitiva, la bella Frasquita, che seduce l'ingenuo ingegnere che per lei lascia la fedele fidanzata. Frasquita però ruba i progetti dell'invenzione, rivelandosi una complice dell'ingegnere Mayer, storico rivale di Duodo, che scioccato dall'inganno e colto da profondo sconforto perde improvvisamente la memoria.

Tempo dopo, sentendo parlare della novità della "telefonoscopia", inizia ad avere ricordi confusi riguardo al progetto. Quando Mayer presenta al pubblico l'apparecchio spacciandolo per una propria invenzione, Duodo riacquista di colpo la memoria ed urla la verità dal microfono del telefonoscopio, aggredisce Frasquita strangolandola e, disperato e stremato, crolla sul cadavere della donna.

CriticaModifica

«È un pezzo che seguitiamo con questi furti di invenzioni [...] il metteur en scène, signor Telemaco Ruggeri, ha fatto del suo meglio per mettere assieme i varii e svariati clichés di questo soggetto, e mercé l’ottima scelta di parecchi punti pittoreschi e assai appropriati, è riuscito a rendere il lavoro, se non interessante, almeno dilettevole.[1]»

(Pier Da Castello, "La Vita Cinematografica")

Giudicato dalla critica del tempo, stanca di melodrammi basati su furti di invenzioni avveniristiche ed improbabili, come un prodotto godibile ma che nulla di nuovo apporta al genere; ebbe comunque buon successo in Italia ed in Francia (distribuito con i titoli "Le persiflage de Satan" e "Mauvais Genie") anche grazie alla presenza di Lydia Quaranta nel ruolo dell'ammaliante e malvagia Frasquita, assurta a diva l'anno precedente con il celebre Cabiria di Giovanni Pastrone.

«Protagonisti la signorina Lydia Quaranta e il sig. Dante Cappelli. Dramma di per sé del massimo interesse per spunto nuovo, originalissimo, svolgentesi in pittoreschi paesaggi con vedute di cascate d’acque meravigliose. Ricchissima messa in scena. Ebbe già all’estero il più lusinghiero successo.[2]»

(“L’Albo della Cinematografia”, a. I, nn. 2-3, 1915)

NoteModifica

  1. ^ Pier Da Castello, Beffa di Satana, in La Vita Cinematografica, 7 febbraio 1916.
  2. ^ Beffa di Satana, in L’Albo della Cinematografia,, 1915.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema