Apri il menu principale

Bel-Air (metropolitana di Parigi)

stazione della Metropolitana di Parigi
Metro-M.svg Bel-Air
Bel-Air métro Q02.jpg
Stazione della metropolitana di Parigi
Gestore RATP
Inaugurazione 1º marzo 1909
Stato in uso
Linea linea 6
Localizzazione Parigi
Mappa di localizzazione: Parigi
Bel-Air
Bel-Air
Metropolitane del mondo

Coordinate: 48°50′24.52″N 2°24′22.48″E / 48.840145°N 2.406245°E48.840145; 2.406245

Bel-Air è una stazione della Metropolitana di Parigi sulla linea 6, sita nel XII arrondissement di Parigi.[1]

StoriaModifica

La stazione di Bel Air entrò in funzione il 1º marzo 1909 in concomitanza con l'apertura del tratto della linea 6 compreso tra Place d'Italie e Nation.[2] Essa prese il nome dall'omonimo quartiere del XII arrondissement che a sua volta lo avrebbe tratto, toponimo frequente nell'area parigina, da una tenuta del XVII secolo che si sviluppava in quell'area.[3] La stazione venne chiusa nel 1939, all'inizio della seconda guerra mondiale, e non fu riaperta che il 7 gennaio 1963.[4] A partire dal luglio 1974 dopo lavori di ammodernamento dell'intera linea durati due anni,[5] la stazione è servita da convogli su pneumatici.[6] Nel 2013 è stata sottoposta ad un restauro conservativo da parte della RATP.[7]

La stazioneModifica

La stazione si trova al margine occidentale del quartiere di Bel-Air, nei pressi del confine con quello di Picpus; è l'unica in superficie della linea 6 sulla rive droite, nonostante la metropolitana in quel tratto sia sotterranea, poiché sorge sul viadotto che scavalca la sottostante linea ferroviaria per Vincennes, dismessa nel 1969 e convertita nella Coulée verte René-Dumont,[8] in quel tratto in trincea:[9] i treni, infatti, risalgono per raggiungere la stazione e ridiscendono alla fine della stessa.

La stazione è situata tra le due corsie di boulevard de Picpus del quale però non segue la pendenza, tanto che l'estremità settentrionale della stazione risulta leggermente più alta rispetto a quella opposta; gli accessi sono tre, rispettivamente sul boulevard de Picpus, rue de Sahel e rue Dagorno. Le banchine, lunghe 75 metri e coperte con pensiline, sono delimitate da alti muri che esternamente presentano l'originaria decorazione bicroma in mattoni rossi con inserti in ceramica turchese con la lettera "M" bianca inserita entro un cerchio del medesimo colore. I binari sono due, passanti.

Nel 2011 i passeggeri che hanno transitato dalla stazione sono stati 2 369 793 , risultando per frequentazione essere la duecentoventicinquesima su 301 stazioni;[10] nel 2013 il loro numero è sceso a 2 319 026  e la stazione di Bel-Air è passata alla duecentotrentesima posizione su 302.[11]

InterscambiModifica

NoteModifica

  1. ^ (FR) Station de métro Bel-Air, su metroparis.paris. URL consultato il 21 settembre 2019.
  2. ^ J. Robert, pp. 67, 70.
  3. ^ G. Roland, p. 62.
  4. ^ B. Hardy, p. 38.
  5. ^ B. Sirand-Pugnet, p. 159.
  6. ^ J. Tricoire, p. 211.
  7. ^ (FR) Métro Bel-Air : Et si on en profitait ..., su belairsud.blogspirit.com. URL consultato il 21 settembre 2019.
  8. ^ (FR) Coulée verte René-Dumont (ex-Promenade Plantée), su paris.fr. URL consultato il 21 settembre 2019.
  9. ^ (FR) La station Bel-Air nous a encore fait rêver ..., su belairsud.blogspirit.com. URL consultato il 21 settembre 2019.
  10. ^ (FR) Trafic annuel entrant par station (2011), su data.ratp.fr. URL consultato il 21 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2014).
  11. ^ (FR) Les données, su data.ratp.fr. URL consultato il 21 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2013).

BibliografiaModifica

  • (FR) Jean Robert, Notre Métro, Parigi, Jean Robert, 1983, ISBN non esistente.
  • (FR) Bernard Sirand-Pugnet, De la grand-mère à Météor: 45 ans d'évolution de la technologie des voies au métro de Paris, Bernardswiller, I.D., ISBN 2912252008.
  • (EN) Brian Hardy, Manuale della metropolitana di Parigi, Harrow Weald, Capital Transport Publishing, 1999, ISBN 1-85414-212-7.
  • (FR) Jean Tricoire, Un siècle de métro en 14 lignes. De Bienvenüe à Météor, Parigi, La Vie du Rail, 2004, ISBN 2-902808-87-9.
  • (FR) Gérard Roland, Stations de métro d'Abbesses à Wagram, Clermont-Ferrand, Christine Bonneton, 2011, ISBN 2-86253-382-7ISBN non valido (aiuto).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica