Bell Aircraft

(Reindirizzamento da Bell Aircraft Corporation)
Bell Aircraft Corporation
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione10 luglio 1935
Fondata daLawrence Dale Bell
Chiusura5 luglio 1960 diviene Bell Helicopter e acquisizione da parte di Textron
Sede principaleBuffalo
SettoreIndustria aerospaziale
Note[1][2][3]

La Bell Aircraft Corporation fu una società statunitense attiva nel settore aerospaziale, divenuta famosa per il Bell X-1, il primo velivolo supersonico, e per la progettazione e costruzione di svariati velivoli come elicotteri civili e militari. Bell sviluppò anche il Reaction Control System per il Progetto Mercury, il North American X-15, e la Bell Rocket Belt. La società venne comprata nel 1960 dalla Textron, e tutt'ora è nota come Bell Helicopter.

StoriaModifica

Ancora adolescente, Lawrence Dale Bell vide il suo primo show aeronautico, rimanendone affascinato. Bell iniziò a lavorare nel 1912 assieme al fratello presso la Glenn L. Martin Company. Nel 1920, Bell divenne presidente e direttore della Martin, a Cleveland. Nel 1924 lasciò la società rassegnando le dimissioni a Martin che non lo volle nella proprietà.

Bell lavorò diversi anni al di fuori del settore aeronautico e venne assunto nel 1928 da Reuben H. Fleet alla Consolidated Aircraft, in Buffalo, New York. Volle comunque aprire una sua società e consapevole di non riuscire a competere con Consolidated Aircraft o Curtiss-Wright, di Buffalo, ma nel 1935 la Consolidated Aircraft si spostò a San Diego (California), e Bell fondò la Bell Aircraft Company, il 10 luglio 1935 nella sede della Consolidated al 2050 Elmwood Avenue in North Delaware area di Buffalo.

Bell fu il terzo costruttore della zona dopo che nel 1916 il sito venne costruito per la Curtiss Aeroplane & Motor Company,[4] e durante la prima guerra mondiale venne considerato il sito più grande al mondo per la costruzione di aeromobili.

Bell ricevette il suo primo contratto nel 1937 con il Bell YFM-1 Airacuda, bombardiere a motore Allison Engine Company a elica. Vennero prodotti 13 esemplari fino al 1942.

 
Bell Aircraft Corporation a Wheatfield, NY (Buffalo / Niagara Falls) durante gli anni '40. Unità produttiva del Bell P-39 Airacobra e P-63 Kingcobra.

Bell ebbe maggior successo con il Bell P-39 Airacobra, costruito in 9.588 esemplari.

Venne prodotto anche il velivolo variante P-63 Kingcobra. Vennero costruiti 2.971 P-63 tra il 1943 e il 1945, tanti consegnati all'Unione Sovietica. Vennero costruiti anche i P-47 Thunderbolt e i P-38 Lightning.

Nell'ottobre 1942, Bell costruì il jet P-59 Airacomet il primo jet statunitense. Il motore fu della General Electric.[5]

Durante la seconda guerra mondiale, Bell costruì anche velivoli su licenza come Consolidated B-24 Liberator e Boeing B-29 Superfortress.

Il secondo dopoguerraModifica

Il sito della Bell a Wheatfield, vicino Buffalo proseguì le attività mentre il sito di Marietta divenne della Lockheed Corporation, per la produzione del C-130 Hercules, C-141 Starlifter, e C-5 Galaxy. Bell costruì il Bell XP-77, un piccolo caccia, il Bell XP-83 fu un jet da scorta e il Bell XF-109 fu un VTOL.

Il contributo maggiore della Bell Aircraft all'industria aerospaziale arrivò con il primo velivolo supersonico della storia, il Bell X-1 e il suo successore Bell X-2. Seguirono X-1A, X-1B, X-1C, X-1D, e X-1E.

Bell progettò e costruì diversi velivoli sperimentali per la U.S. Air Force e la National Advisory Committee on Aeronautics (NACA) e successivamente NASA. Il Bell X-2 Starbuster raggiunse Mach 3 (2,100 mph) e 126.000 ft di altitudine nel 1955.

Bell produsse propulsioni a razzo con il contributo di Walter Dornberger, tedesco e comandante del Centro di ricerca militare di Peenemünde e Wendell Moore. Bell sviluppò il missile GAM-63 RASCAL nel 1957. Wendell Moore sviluppò la Bell Rocket Belt. Bell costruì anche il motore per razzo Agena.

La Bell iniziò la produzione di elicotteri nel 1941 con il Bell Model 30,che volò nel 1943. Bell Helicopter divenne divisione della Aircraft nel periodo di acquisizione da parte di Textron Corporation. Il Bell UH-1 Iroquois divenne l'elicottero più famoso durante a guerra del Vietnam.

Lawrence Bell morì nel 1956.

Textron comprò la Bell Aerospace il 5 luglio 1960. Bell progettò e costruì il Reaction Control system per il Progetto Mercury e un sistema simile venne messo anche sul North American X-15. NASA selzionò la Bell per lo sviluppò del LLRV Lunar Landing Research Vehicle. Bell progettò e costruì anche il motore del Apollo LEM Ascent Propulsion System.

ProdottiModifica

AeromobiliModifica

Modello Primo volo Numero esemplari Tipo
Bell YFM-1 Airacuda 1937 13 Twin piston engine heavy fighter
Bell P-39 Airacobra 1938 9.588 Single piston engine fighter
Bell XFL Airabonita 1940 1 Prototype single piston engine naval fighter
Bell P-63 Kingcobra 1942 3.303 Single piston engine fighter
Bell P-76 1942 3 Prototype single piston engine fighter
Bell B-29 Superfortress 1943 668 Four piston engine strategic bomber
Bell 30 1943 3 Prototype single piston engine helicopter
Bell XP-77 1944 2 Prototype single piston engine fighter
Bell XP-83 1945 2 Prototype twin jet engine escort fighter
Bell 47 1945 5.600 Single piston engine helicopter
Bell X-1 1946 7 Experimental single rocket engine airplane
Bell XH-15 1948 3 Prototype single piston engine utility helicopter
Bell X-5 1951 2 Experimental single jet engine airplane
Bell X-2 1952/1955 2 Experimental single rocket engine airplane
Bell HSL 1953 53 Single piston engine anti-submarine helicopter
Bell Model 65 1954 1 Experimental twin jet engine VTOL aircraft
Bell 201 1954 1 Experimental single turboshaft engine helicopter
Bell XV-3 1955 2 Experimental single piston engine VTOL aircraft
Bell 204/205 1956 Single turboshaft engine utility helicopter
Bell X-14 1957 1 Experimental twin jet engine VTOL aircraft
Lunar Landing Research Vehicle 1964 5 Experimental jet/rocket VTOL aircraft
Bell X-22 1966 2 Experimental four turboshaft engine V/STOL aircraft
Bell XP-52 N/A 0 Unbuilt single piston engine fighter
Bell X-16 N/A 0 Unbuilt twin jet engine reconnaissance airplane
Bell D-188A N/A 0 Unbuilt eight jet engine VTOL fighter
Bell Model 50 N/A 0 Unbuilt convertiplane
Bell Model 49 1 Experimental single piston engine helicopter
Bell Rocket Belt Jet pack
Bell 47J Ranger 1956 361 Single piston engine utility helicopter

Veicoli sazialiModifica

MissiliModifica

HovercraftModifica

  • LACV-30 military hovercraft
  • SK-5 military hovercraft built under licence

Société d'Étude et de Développement des Aéroglisseurs MarinsModifica

La Société d'Étude et de Développement des Aéroglisseurs Marins (SEDAM) fu la divisione francese della Bell fondata nel 1965 e che costruì il N500 Naviplane hovercraft,[6] e il N.300 Naviplane e il Naviplane N102. SEDAM venne chiusa nel 1982.[7]

NoteModifica

  1. ^ Bell Aircraft Corporation, su www.bellaircraftmuseum.org, Lawrence D. Bell Aircraft Museum, 20 maggio 2014. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  2. ^ Kent G. Budge, Bell Aircraft Company, in The Pacific War Online Encyclopedia, 2007. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  3. ^ Library of Congress, Bell Aircraft Corporation, in Library of Congress Name Authority File. URL consultato il 1º ottobre 2020.
    «Bell Aircraft Corporation was legally founded 10 July 1935.».
  4. ^ John Percy, "Aviation History on the Niagara Frontier" pub. in Summer 2000 edition of "Western New York Heritage" magazine
  5. ^ Bell XP-59A Airacomet, at airandspace.si.edu Archiviato il August 21, 2012 Data nell'URL non combaciante: 21 agosto 2012 in Internet Archive., Smithsonian National Air & Space Museum, retrieved June 6, 2012
  6. ^ technologie La SEDAM (Société d'Etude et de Développement des Aéroglisseurs Marins) (est une filiale de la Société BERTIN au même titre que la Société de l'Aérotrain. elle était basée à Marignane.../ SEDAM ...is a subsidiary of BERTIN as also was Société de l'Aérotrain. It was based in Marignane...) (see Aérotrain, Jean Bertin) at gil-sun.skyrock.com, accessed 8 March 2018
  7. ^ http://aernav.free.fr/Naviplane/Histo_Navi.html

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN127990170 · LCCN (ENn93041448 · GND (DE4444760-7 · WorldCat Identities (ENlccn-n93041448