Belle arti

arte sviluppata per scopi estetici

Con l'espressione belle arti si indica ogni forma d'arte sviluppata principalmente con scopi estetici e concettualmente distinti dalla utilità. Tale forma d'arte è solitamente espressa nella produzione di manufatti artistici utilizzando forme di arte visiva, arti figurative e forme di arte scenica o arte teatrale. Tradizionalmente le principali belle arti sono considerate sette:[1]

  1. Architettura
  2. Musica
  3. Pittura
  4. Scultura
  5. Poesia
  6. Danza
  7. Recitazione (comprendente cinema e teatro)

Le scuole, gli istituti e le altre organizzazioni sono solite utilizzare il termine belle per indicare la prospettiva tradizionale relativa alle forme d'arte, di norma implicando un'associazione con i termini di arte classica ed arte accademica.

In particolare per belle arti si intende un lavoro per produrre un'opera che sia la sintesi e la sinergia di tecnica e qualità. Entrambi gli elementi di tecnica e qualità devono essere conformi a standard professionali ed artistici, gli elementi si compensano con la creatività individuale.

Si contrappongono all'arte commerciale in quanto rivendicano l'unicità dell'arte.[2]

NoteModifica

  1. ^ Rosilda Sergi, Lista belle arti: ecco perché sono considerate tali e quali sono, su puntocuneo.it, 2018.
  2. ^ (EN) What is the Difference between Commercial and Fine Art?, su thebalance.com. URL consultato il 23 novembre 2017.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte