Apri il menu principale
Benedetto De Luca
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Ceneda
Vescovo di Treviso
 
Nato30 settembre 1684 a Venezia
Ordinato presbitero8 settembre 1713
Nominato vescovo19 dicembre 1725
Consacrato vescovo23 dicembre 1725
Decedutogiugno 1750
 

Benedetto De Luca (Venezia, 30 settembre 1684Treviso, giugno 1750) è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Proveniva da una casata di recentissima nobiltà: i De Luca erano una famiglia di droghieri entrata nel ceto patrizio nel 1654, grazie a un'offerta di centomila ducati da impegnare nella guerra di Candia.

Eletto vescovo di Ceneda il 19 dicembre 1725, fu consacrato vescovo da papa Benedetto XIII il successivo 23 dicembre.

Durante il suo episcopato si dimostrò poco tollerante nei confronti della comunità ebraica di Ceneda: nel 1725 obbligò gli israeliti a concentrarsi nel ghetto, il che suscitò anche le proteste dei cristiani che abitavano nella zona, costretti a vendere le loro case; nel 1727 emanò un decreto che vietava agli ebrei di assumere servitori cristiani, se non mediante una licenza valida un mese[1].

L'11 aprile 1737 chiese al segretario di Stato Vaticano di essere trasferito alla più prestigiosa diocesi di Padova, quale riconoscimento per il suo zelo nelle missioni sacre per la riforma dei costumi e dei sacramenti[2]. Fu invece inviato a Treviso, dove rimase dal 22 giugno 1739 alla morte.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ Giovanni e Silvia Tomasi, Ebrei nel Veneto orientale. Conegliano, Ceneda e insediamenti minori, Firenze, Giuntina, 2012, p. 43.
  2. ^ Giuseppe Orlandi, La mission rédemptoriste au XVIIIe siècle, in Théologie Historique, vol. 77 - Alphonse de Liguori pasteur et docteur, Paris, Beauchesne éditeur, 1987, p. 67.
Controllo di autoritàVIAF (EN296746968 · ISNI (EN0000 0004 0192 3616 · GND (DE1031412808 · CERL cnp01940293