Apri il menu principale

Benedetto XIV Cento

squadra di pallacanestro italiana
Benedetto XIV Cento
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body redsides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts redsides.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body basketballwhiteborder.png
Kit body basketball.png
Kit shorts whitesides.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Bianco e Rosso
Dati societari
Città Cento
Nazione Italia Italia
Confederazione FIBA Europe
Federazione FIP
Campionato Serie B
Fondazione 1964
Scioglimento 2007
Rifondazione 2011
Presidente Gianni Fava
Allenatore Matteo Mecacci
Impianto PalaSavena
(2,700 posti)
Sito web www.benedettoxiv.it

La Benedetto XIV Cento è una squadra di pallacanestro della città di Cento, che partecipa al campionato di Serie B.

StoriaModifica

Fondata nel 1964 da alcuni giovani con passioni e principi comuni presso l'Oratorio di San Biagio, nel nome del papa a cui si deve l'elevazione di Cento a città, la Benedetto XIV è l'unica formazione locale partecipante a un campionato nazionale, nonché vero e proprio patrimonio culturale e storico di Cento e frazioni.

Protagonista di nove campionati consecutivi di Serie B d'Eccellenza tra il 1998-1999 e il 2006-2007, dopo aver perso quattro finali per la promozione in Legadue contro Scafati, Bergamo, Ferrara e Castelletto Ticino, cede il diritto sportivo alla partecipazione al campionato di competenza al Modena, al termine della stagione sportiva 2006/07.

Nell'estate del 2011, alcuni imprenditori e tifosi locali riportano un campionato nazionale a Cento tramite istanza di scissione con quel Castel Guelfo il cui Presidente è l'ex dirigente biancorosso Carlo Malaguti.

La società, rinominata ASD Benedetto XIV 2011 e sponsorizzata dalla Tramec Riduttori, vince il campionato di Divisione Nazionale C al primo tentativo, dopo aver chiuso al primo posto in classifica la stagione regolare e aver regolato Arser Bologna, Orva Lugo e Bakery Cortemaggiore nei play-off. Il 18 giugno 2012, a meno di un mese dal terremoto che semina il panico in città, danneggia parte del centro storico e provoca la morte di alcune persone, la Benedetto XIV consegue la promozione in Divisione Nazionale B. Nel corso di quella stessa stagione sportiva, Capitan Rorato e soci partecipano inoltre alle final eight di Coppa Italia che chiudono al secondo posto, dopo aver piegato la resistenza di Jadran Trieste e aver inflitto la prima sconfitta stagionale a Monticelli, prima di arrendersi in finale a Trapani, che chiuderà la stagione imbattuta.

L'anno successivo, dopo un avvio difficoltoso, la Benedetto XIV riesce a classificarsi in quarta posizione ed accedere ai play-off, venendo eliminata in semifinale da Ravenna che aveva chiuso la regular season al primo posto.

Nel 2013-14 partecipa nuovamente al campionato Divisione Nazionale B, classificandosi in 7ª posizione e sconfiggendo ai playoff la Fortitudo Bologna: al termine di questa stagione si chiude il rapporto con il coach Gabriele Giuliani e viene ingaggiato Marco Albanesi come nuovo allenatore dei biancorossi.

Nel 2014-15 si qualifica per la Final Four di Coppa Italia (sconfiggendo nelle eliminatorie la Mens Sana Siena) ma esce in semifinale. Vince il girone B della Serie B, ma ai quarti viene sconfitta da Lecco.

Per la stagione successiva viene confermato in panchina Marco Albanesi, poi esonerato l'8 novembre dopo una sconfitta casalinga contro Forlì. In sua sostituzione subentra Lanfranco "Lupo" Giordani, artefice nella stagione 2012-13 della promozione del Ravenna. La Benedetto XIV si classifica al 4º posto. Dopo aver superato Piombino nei quarti di finale dei playoff e la Bakery Piacenza, vincitrice della stagione regolare, in semifinale; cede a Forlì nella finale.

Nel 2016-17 viene confermato in panchina Lanfranco "Lupo" Giordani, che si dimette il 30 gennaio dopo una sconfitta a Padova. Giunge a sostituirlo Giovanni Benedetto, reggino, con due promozioni in bacheca (Latina 2009, Trapani 2011). La Benedetto XIV si classifica al 4º posto nel girone B. Nei playoff elimina Valsesia (5° nel girone A) nei quarti di finale e Moncalieri (1° nel girone A) in semifinale. Viene poi sconfitta in finale da Bergamo Basket 2014.

Nel 2017-18 viene confermato in panchina Giovanni Benedetto. La Benedetto XIV si classifica al 1º posto nel girone B. Nei playoff elimina San Giorgio su Legnano (8° nel girone A) nei quarti di finale, Montecatini (4° nel girone A) in semifinale e la Fiorentina Basket (2° nel girone A) in finale, vincendo tutte le serie senza subire sconfitte. Nelle Final Four di Montecatini sconfigge San Severo ed il 9 giugno 2018 approda per la prima volta nella storia in serie A2.

L'anno seguente retrocede al termine di una stagione iniziata con ambiziosi obiettivi ma proseguita tra errori e sconfitte, e conclusa con il precoce ritorno in B, nonostante l'avvicendamento di allenatore (Bechi per Benedetto) e direttore sportivo (Belletti per Pulidori).

CronistoriaModifica

Cronistoria della Benedetto XIV Cento
  • 1964 · Fondazione del Benedetto XIV Cento.

  • 1996-1997 · 3ª in Serie B2, 2ª nella seconda fase, perde lo spareggio promozione.
  • 1997-1998 · 1ª in Serie B2, 2ª nella seconda fase, vince lo spareggio promozione,   promosso in Serie B d'Eccellenza.
  • 1998-1999 · 7ª nel girone B di Serie B d'Eccellenza, quarti di finale dei play-off promozione.
  • 1999-2000 · 8ª nel girone B di Serie B d'Eccellenza, finale dei play-off promozione.

  • 2000-2001 · 3ª nel girone B di Serie B d'Eccellenza, finale dei play-off promozione, perde la finalina promozione.
Quarti di finale di Coppa Italia LNP.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia LNP.
Semifinali di Coppa Italia LNP.

  • 2011 · Rifondazione della società,   ammesso alla Divisione Nazionale C.
  • 2011-2012 · 1ª nel girone D di Divisione Nazionale C, partecipa ai play-off promozione,   promosso in Divisione Nazionale B.
Finale di Coppa Italia LNP di Divisione Nazionale C
  • 2012-2013 · 4ª nel girone B di Divisione Nazionale B, semifinali dei play-off promozione.
  • 2013-2014 · 7ª nel girone A di Divisione Nazionale B, semifinali dei play-off promozione.
  • 2014-2015 · 1ª nel girone B di Serie B, quarti di finale dei play-off promozione.
Semifinali di Coppa Italia LNP di Serie B.
  • 2015-2016 · 4ª nel girone A di Serie B, finale dei play-off promozione.
  • 2016-2017 · 4ª nel girone B di Serie B, finale dei play-off promozione.
  • 2017-2018 · 1ª nel girone B di Serie B.
Finale di Coppa Italia LNP di Serie B, 1° nel playoff promozione, Partecipa e vince nelle Final Four,   promosso in Serie A2.
  • 2018-2019 · 15ª nel girone Est di Serie A2, retrocede dopo aver perso la serie play-out con Legnano.  retrocesso in Serie B.

Impianto di giocoModifica

In attesa del completamento dei lavori di ristrutturazione del Pala Benedetto [1], la cui capienza sarà di 2.000 spettatori, le partite casalinghe dei bianco/rossi si giocano al PalaSavena di San Lazzaro di Savena, la cui capienza è di 2.700 spettatori.

Roster 2019-2020Modifica

Aggiornato al 23 agosto 2019.

Naz. Ruolo Sportivo Anno Alt. Peso
3    AC Karim Idrissou 2000 198 87
4   P Giacomo Manzi 2000 188
7   P Matteo Vannini 2001 192 85
8   G Matteo Fallucca 1993 196 92
9   P Francesco Roncarati 2001 180 75
11   A Alex Ranuzzi 1986 195 89
13    GA Nicolas Morici 1994 191 90
15   GA Niccolò Venturoli 2000 196 72
17   C Emanuele Rossi 1982 206 105  
18   AC Alessandro Paesano 1993 200 100
20   PG Ennio Leonzio 1994 191 78
23   P Donato Vitale 1998 185 78
24    P Yankiel Moreno 1990 187 82

SocietàModifica

OrganigrammaModifica

Presidente: Gianni Fava

Vice Presidente: Leo Girotti

Direttore Sportivo: Ivan Belletti

Medico: Gianfranco Salvi

Team Manager: Tommaso Bergamini

Staff tecnicoModifica

Allenatore: Matteo Mecacci

Assistente: Andrea Cotti

Preparatore Atletico: Paolo Zonca

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
A2 1 2018-2019 2018-2019
B1 / Serie B 16 1994-1995 2019-2020
B2 / DNB 8 1990-1991 2013-2014
C1 / DNC 7 1982-1983 2011-2012

NoteModifica

  1. ^ Palasport, via libera all’ampliamento, su estense.com, 23 febbraio 2018.

Collegamenti esterniModifica