Apri il menu principale

Bernadette Schild

sciatrice alpina austriaca
Bernadette Schild
Bernadette Schild Austrian Championships 2008.jpg
Bernadette Schild ai Campionati austriaci del 2008
Nazionalità Austria Austria
Altezza 164[senza fonte] cm
Peso 55[senza fonte] kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Slalom speciale
Squadra SK Dienten
Palmarès
Mondiali juniores 1 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate all'11 giugno 2019

Bernadette Schild (Zell am See, 2 gennaio 1990) è una sciatrice alpina austriaca specialista dello slalom speciale.

È sorella minore di Marlies, a sua volta sciatrice alpina di alto livello[1].

BiografiaModifica

Stagioni 2005-2008Modifica

Nata a Zell am See[2] e originaria di Saalfelden, dopo le prime gare FIS del 2005 Bernadette Schild ha conquistato i primi successi internazionali al Festival olimpico della gioventù europea del 2007: in quell'occasione si è aggiudicata infatti due medaglie, l'argento nello slalom gigante e il bronzo nello slalom speciale.

Il 24 novembre successivo ha esordito in Coppa Europa nello slalom gigante di Levi (32º) e ha colto il primo successo di rilievo il 28 febbraio 2008, quando ai Mondiali juniores di Formigal ha vinto la medaglia d'oro nello slalom speciale precedendo al traguardo la svizzera Célina Hangl e la francese Nastasia Noens. Grazie a questo risultato il 14 marzo ha esordito in Coppa del Mondo durante le finali di Bormio in slalom speciale, senza concludere la prova.

Stagioni 2009-2019Modifica

Il 29 dicembre 2008 ha conquistato I primi punti in Coppa del Mondo, quando è arrivata 24ª nello slalom speciale di Semmering, e nel marzo del 2009 ha conquistato un'altra medaglia ai Mondiali juniores disputati a Garmisch-Partenkirchen, l'argento nello slalom speciale vinto dalla svizzera Denise Feierabend. Nella stagione 2009-2010 in Coppa Europa, dopo aver ottenuto fra l'altro il primo podio (il 20 novembre a Funäsdalen in slalom speciale, 3ª) e la prima vittoria (il 29 gennaio a Courchevel in slalom gigante), ha vinto la classifica di slalom speciale del circuito continentale.

Nella stagione 2012-2013 ha esordito ai Campionati mondiali, classificandosi 12ª nello slalom speciale nella rassegna iridata di Schladming, e alle finali di Lenzerheide ha ottenuto il suo primo podio in Coppa del Mondo, giungendo 2ª nello slalom speciale vinto dalla statunitense Mikaela Shiffrin. Ha partecipato ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014, sua prima presenza olimpica, senza concludere la prova di slalom speciale. Ai Mondiali di Sankt Moritz 2017 si è classificata 17ª nello slalom gigante e 10ª nello slalom speciale. Ai XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018 si è classificata 24ª nello slalom gigante e 7ª nello slalom speciale; l'anno dopo ai Mondiali di Åre è stata 9ª nello slalom speciale e non ha completato lo slalom gigante.

PalmarèsModifica

Mondiali junioresModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 14ª nel 2018
  • 7 podi:
    • 2 secondi posti
    • 5 terzi posti

Coppa EuropaModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 5ª nel 2010
  • Vincitrice della classifica di slalom speciale nel 2010
  • 9 podi:
    • 2 vittorie
    • 4 secondi posti
    • 3 terzi posti

Coppa Europa - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
29 gennaio 2010 Courchevel   Francia GS
14 gennaio 2011 Zinal   Svizzera GS

Legenda:
GS = slalom gigante

Australia New Zealand CupModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 13ª nel 2017
  • 2 podi:
    • 1 vittoria
    • 1 terzo posto

Australia New Zealand Cup - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
30 agosto 2016 Coronet Peak   Nuova Zelanda GS

Legenda:
GS = slalom gigante

Campionati austriaciModifica

Campionati austriaci junioresModifica

  • 8 medaglie[3]:
    • 3 ori (slalom gigante, slalom speciale, combinata nel 2008)
    • 2 argenti (discesa libera, slalom gigante nel 2007)
    • 3 bronzi (discesa libera, combinata nel 2006; supergigante nel 2007)

NoteModifica

  1. ^ (EN) Athletes, su schildskiracing.com. URL consultato il 2 aprile 2016.
  2. ^ (DE) "Über mich" sul sito personale, su bernadetteschild.com. URL consultato il 2 aprile 2016.
  3. ^ a b (DE) Bernadette Schild, su oesv.at - ÖSV-Siegertafel, Federazione sciistica dell'Austria (Österreichischer Skiverband). URL consultato il 3 aprile 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica