Apri il menu principale

Bernardino Gagliardi (Città di Castello, 1609Perugia, 1660) è stato un pittore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Si formò inizialmente con il pittore e architetto Rinaldo Rinaldi a Città di Castello. Si trasferì a Roma nel 1636 e continuò la sua formazione nello studio di Avanzino Nucci, suo concittadino. Una certa influenza sulla sua formazione la ebbe la pittura di Guido Reni che ebbe modo di studiare[1].

A Roma lavorò per la decorazione di diverse chiese[2]. Il Papa Urbano VII lo fece cavaliere dell'Ordine di San Maurizio. Il Gagliardi divenne membro della prestigiosa Accademia di San Luca, di cui fu anche principe per l'anno 1655.

A volte nei documenti è presente col nome di Bernardo Gagliardi. Non sembra avere nessuna parentela con Filippo Gagliardi, altro pittore dell'epoca, con cui viene a volte confuso.

In seguito ritornò a Città di Castello, dove eseguì dei dipinti per il Duomo, per la chiesa di San Giovanni Decollato e per il seminario locale.

Lavorò in varie città dell'Italia centrale, tra Toscana e Umbria. Per la chiesa del Santuario della Madonna del Carmine al Combarbio, vicino Arezzo, dipinse una Assunzione[3], che ispirò Marco Benefial per i suoi affreschi nel presbiterio del Duomo[4].

Aprì una scuola d'arte a Perugia dove visse nell'ultima fase della sua vita.

OpereModifica

A RomaModifica

Altre opereModifica

  • Affreschi del chiostro di San Francesco a Trevi, Umbria
  • Deposizione, Seminario di Città di Castello
  • Assunzione, Santuario della Madonna del Carmine al Combarbio, Anghiari

NoteModifica

  1. ^ Enciclopedia Treccani Biografia di Bernardino Gagliardi su Treccani online.
  2. ^ info.roma.it Bernardino Gagliardi su info.roma.it.
  3. ^ Questo affresco fu danneggiato dal terremoto del 1789.
  4. ^ Museo del Duomo a Città di Castello.

BibliografiaModifica

  • Rosati Silvia, Bernardino Gagliardi pittore: 1609-1660, EFFE Fabrizio Fabbri Editore, 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89119102 · ISNI (EN0000 0001 1944 9332 · LCCN (ENno2017122235 · GND (DE1011511347 · ULAN (EN500078928