Apri il menu principale

Bernardino Gatti

pittore italiano
Bernardino Gatti detto il Sojaro, Crocifissione e Santi (Parma, Cattedrale)

Bernardino Gatti detto il Sojaro (Pavia, 1495/1496Cremona, 22 febbraio 1576) è stato un pittore italiano.

Allievo, anche se il fatto non è documentato, del Correggio, fu attivo a Pavia, Parma e Cremona.

BiografiaModifica

Oscuri sono gli anni della sua formazione; le prime opere, oltre ai citati influssi del Correggio, tradiscono anche la conoscenza delle opere cremonesi del Pordenone e delle pitture mantovane di Giulio Romano. Tutte queste componenti stilistiche appaiono evidenti già nelle opere degli esordi, come nei dipinti della controfacciata del Duomo di Cremona (1529) e la pala del Duomo di Pavia. Di seguito l'artista fu a Vigevano, come pittore di corte di Francesco II Sforza, poi nuovamente a Piacenza, dove firmò la tela con San Giorgio e il drago, gli episodi della Vita della Vergine e i quattro monumentali Evangelisti della Basilica di Santa Maria di Campagna (1543; lì e a Cremona il Sojaro aveva significativamente affiancato il Pordenone) e di seguito, tra il 1548 e il 1561, ancora a Cremona (Ascensione e Annunciazione per la chiesa di San Sigismondo e Adorazione dei pastori per la chiesa di san Pietro al Po), dove divenne il secondo maestro di Sofonisba Anguissola e delle sue sorelle (dopo Bernardino Campi).

 
Madonna del Rosario, 1531, Duomo di Pavia

Di seguito il Sojaro ebbe modo di confrontarsi con l'opera di Correggio quando fu chiamato a Parma (dove soggiornò tra il 1561 e il 1572) per dipingere nel Duomo e per affrescare la cupola di Santa Maria della Steccata. La sua ultima opera fu la monumentale Assunzione (1572) per il Duomo di Cremona.

OpereModifica

BibliografiaModifica

  • F. Voltini in "I Campi. Cultura artistica cremonese del '500", catalogo della mostra [Cremona 1985] a cura di M. Gregori, Milano 1985
  • J. Biscontin, Antique candelabra in frescoes by Bernardino Gatti and a drawing by Giulio Romano, in "Journal of the Warburg and Courtauld Institutes", 57.1994, pp. 264–269
  • F. Paliaga, Due dipinti di Vincenzo Campi e l'Assunta di Bernardino Gatti detto Il Soiaro nel duomo di Cremona, in "Bollettino storico cremonese", 2.1995, pp. 159–171
  • M. Tanzi, I Campi, Milano 2005.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • B. Gatti, Pietà (Louvre), su insecula.com. URL consultato il 14 gennaio 2007 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).
Controllo di autoritàVIAF (EN19954382 · ISNI (EN0000 0003 9911 5993 · GND (DE124190847 · BNF (FRcb14974531b (data) · ULAN (EN500032192 · CERL cnp00579411 · WorldCat Identities (EN19954382