Apri il menu principale

Bernardo Quaranta

archeologo e epigrafista italiano
Bernardo Quaranta

Bernardo Quaranta (Napoli, 24 febbraio 1796Napoli, 21 settembre 1867) è stato un archeologo ed epigrafista italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nacque in Napoli il 14 febbraio 1796 dalla nobile famiglia dei Quaranta Baroni di san Severino, laureato in giurisprudenza, scelse tuttavia di dedicarsi completamente all'archeologia e all'ellenistica. Nel 1816 ottenne infatti la cattedra di archeologia e letteratura greca presso la regia Università degli studi di Napoli, che mantenne fino all'Unità d'Italia, allorché ne fu estromesso.

Divenne segretario perpetuo dell'Accademia Ercolanese, di cui dal 1854 fu soprintendente provvisorio.[1]. Fu nominato direttore degli Annali Civili del Regno delle Due Sicilie e del Real Museo Borbonico di Napoli, così come membro della giunta della Pubblica istruzione e della Reale Biblioteca Borbonica. Fu inoltre socio corrispondente delle principali accademie e istituzioni culturali europee come, per citarne alcune, l'Académie des inscriptions et belles-lettres dell'Institut de France, la Société asiatique di Parigi, l'imperial regia Accademia di scienze lettere ed arti di Padova, la Pontificia romana accademia d'archeologia, l'Istituto di corrispondenza archeologica ecc. Venne anche insignito da Pio IX della croce di cavaliere di seconda classe dell'Ordine Piano.[2]

 
Commendatore Bernardo QUARANTA di San Severino (olio su tela XIX sec.) coll.priv.

Autore di numerose opere di epigrafia greca e latina, come su mosaici e pitture di Pompei e sui papiri di Ercolano[3], scrisse anche importanti memorie pubblicate, in particolare, sul periodico del Reale Museo Borbonico, nelle quali registrò puntualmente i rinvenimenti nei siti archeologici più importanti di Terra di Lavoro e della Campania in genere. La sua ampia produzione contemplò anche opere a carattere letterario, poetico e anche medico[4], che tuttavia mai raggiunsero esiti significativi, tanto che la critica, da Francesco De Sanctis a Benedetto Croce, etichettò negativamente l'autore come «onnisciente»[5].

 
Epigrafe commemorativa a Barra

Bernardo Quaranta morì nel quartiere di Barra, a Napoli, il 21 settembre 1867. Il Comune di Barra (all'epoca comune autonomo) gli dedicò, nel 1874, la strada in cui aveva vissuto, "Via Bernardo Quaranta" appunto, ove fu apposta un'epigrafe commemorativa.

Scritti principaliModifica

NoteModifica

  1. ^ Mario Capasso, "Appunti sui papiri ercolanesi", in «Rivista di Studi Pompeiani», n. 2, 1988, p. 133.
  2. ^ Cfr. S. D'Aloe, Diario del soggiorno in Napoli di Sua Santità Pio IX, Tip. delle Scienze, Roma 1850, p. 246.
  3. ^ «Enciclopedia Biografica Universale», vol. XVI, Treccani, Roma 2007, p. 99, ad vocem.
  4. ^ Cfr. tutte le sue opere registrate dal «Sistema Bibliotecario Nazionale»[collegamento interrotto]
  5. ^ B. Croce, Aneddoti di varia letteratura, vol. IV, Laterza, Bari 1954, p. 244.

BibliografiaModifica

  • «Enciclopedia Biografica Universale», vol. XVI, Treccani, Roma 2007.
  • G.M. Rispoli, Bernardo Quaranta, in M. Gigante (a cura di), La cultura classica a Napoli nell'Ottocento, vol. I, t. II, Università degli Studi di Napoli, Napoli 1987, pp. 505–528.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Archivi di Teatro Napoli, Foto di Bernardo Quaranta, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 17 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  • Sito Nobili Napoletani, Bernardo Quaranta, su nobili-napoletani.it. URL consultato il 2-7-2013.
Controllo di autoritàVIAF (EN32130015 · ISNI (EN0000 0001 1827 3814 · SBN IT\ICCU\PALV\025646 · LCCN (ENno2002070865 · GND (DE1055088830 · BNF (FRcb12971352r (data) · BAV ADV11074857 · CERL cnp00946738