Bertoldo I di Neuchâtel

nobile svizzero
Bertoldo I di Neuchâtel
Conte di Neuchâtel
Wappen Neuenburg.svg
In carica 1225 –
1259
Investitura 1225
Predecessore Ulrico III di Neuchâtel
Successore Rodolfo III di Neuchâtel
Co-reggente di Neuchâtel
In carica 1196 –
1218
Investitura 1196
con Ulrico III
Predecessore Rodolfo II di Neuchâtel
Successore Rodolfo III di Neuchâtel
Altri titoli Barone di Hasenburg
Conte di Fenis
Nascita Neuchâtel, ?
Morte Neuchâtel, 1259
Dinastia Neuchâtel
Padre Rodolfo II di Neuchâtel
Madre Contessa
Consorte Richensa di Frobourg
Nicole
Religione cattolicesimo

Bertoldo I di Neuchâtel, conte di Neuchâtel (Neuchâtel, ... – Neuchâtel, 1259), è stato un nobile svizzero. Fu coreggente con lo zio Ulrico III sino al 9 aprile 1218 quando decise di dividere le terre paterne con suo zio che divenne conte di Neuchâtel. Dalla morte di suo zio Ulrico III nel 1225, Bertoldo ottenne nuovamente la contea di Neuchâtel.

BiografiaModifica

 
Rilievi grafici della tomba di Bertoldo I di Neuchâtel e di Richensa di Frobourg

Bertoldo I era figlio di Rodolfo II di Neuchâtel e di sua moglie Contessa. Trovandosi molto giovane alla morte del padre, egli venne lasciato sotto la tutela di suo zio Ulrico III di Neuchâtel, conte di Fenis, Aarberg e Nidau, che divenne contemporaneamente anche il suo mentore. È sotto il suo tutorato, infatti, che nel 1214, viene approvato un accordo tra Ulrico III, Bertoldo I ed il vescovo di Losanna secondo il quale la contea avrebbe mantenuto la propria indipendenza da domini religiosi circostanti.

Alla morte di suo zio Ulrico III, Bertoldo I si trovò ad essere unico signore di Neuchâtel e dovette cedere parte dei propri territori alla linea di suo zio, comprendenti Fenis e la signoria di Valangin. Con questo atto di donazione avvenne la suddivisione tra i "theutonica dominia" della linea di Ulrico e quelle della "gallica dominia" di Bertoldo. Dal 1253 Bertoldo I avviò la fondazione della città di Neureux o Nugerol, oggi scomparsa, che era posta tra Le Landeron e La Neuveville.

Durante il regno di Bertoldo I abbiamo la descrizione per la prima volta di una società costituita su tre stati, religiosi, borghesi e nobili; è sempre Bertoldo I a dare concessione per l'istituzione di un "maestro dei borghesi" che abbia le facoltà di magistrato e di un consiglio comunale con il potere di polizia e giustizia di prima istanza.

Matrimonio e figliModifica

Bertoldo I sposò Richensa[1], figlia di Ermanno II di Frobourg. Si risposò poi con Nicole[2] · [3]. Dal primo matrimonio ebbe:

NoteModifica

  1. ^ Documento del 26 marzo 1203 : "Bertoldus comes et dominus Novicastri (Bertoldo conte e signore di Neuchâtel)" dona la proprietà della chiesa di San Maurizio a Nugerol col consenso della "conjuge sua Richenza (sua moglie Richensa)", altro documento del 1225 qualifica Richensa come "uxoris mee sororis comitum de Froburg (mia moglie, sorella del conte di Frobourg)" (Médiéval Généalogie [1])
  2. ^ Documento del 29 agosto 1231 : "Berchtoldus dominus Novicastri (Bertoldo signore di Neuchâtel)" cede le proprietà situate a "Tesson" col consenso dei "filii mei (miei figli) Rodolfus (Rodolfo), Hermannus (Ermanno), Heinricus (Enrico) e di mia moglie Nicola (mia moglie Nicole)" (Médiéval Généalogie [2])
  3. ^ Monuments de l'histoire de Neuchatel, Volume 2, Matile, page 1216
  4. ^ a b c Documento del 20 ottobre 1224 "Bertoldus dominus Novi Castri (Bertoldo signore di Neuchâtel)" vende i beni al vescovo di Losanna col consenso di "uxor mea (mia moglie) Riguencia (Richensa) et filii mei Rodulfus (Rodolfo) et Hermannus (Ermanno) et Willermus (Guglielmo)" (Médiéval Généalogie [3])
  5. ^ Documento del 22 febbraio 1228 : "B. dominus Novi Castri (Bertoldo signore di neuchâtel)" rinuncia ai propri diritti in favore dell'abbazia di San Giovanni col consenso di "filiorum nostrorum (miei figli) Rodulfi (Rodolfo), Hermanni (Ermanno) et Henrici (Enrico)" (Médiéval Généalogie [4])

BibliografiaModifica

  • Paul Vuille, Notes sur les premiers seigneurs de Neuchâtel, Musée neuchâtelois, 1979 online, p. 109 - 122
  • Léon Montandon, Hypothèses nouvelles sur les origines de la maison de Neuchâtel, Musée neuchâtelois, 1925 online, p. 177 - 187
  • Jonas Boyve, Annales historiques du Comté de Neuchâtel et Valangin depuis Jules-César jusqu'en 1722, E. Mathey, 1854 online, p. 145 - 160

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie