Apri il menu principale
Bethlem Royal Hospital
South London and Maudsley NHS Foundation Trust logo.jpg
Bethlem Royal Hospital - geograph.org.uk - 34691.jpg
StatoRegno Unito Regno Unito
LocalitàLondra
IndirizzoBromley
Fondazione1247 come priorato
1330 come ospedale
Posti lettocirca 350
Sito web
Mappa di localizzazione

Coordinate: 51°22′51.24″N 0°01′50.16″W / 51.3809°N 0.0306°W51.3809; -0.0306

Il Bethlem Royal Hospital è un ospedale per la cura delle malattie mentali a Londra, nel Regno Unito e parte del South London and Maudsley NHS Foundation Trust. Anche se non più situato nella sede originale, è riconosciuto come la prima e più antica istituzione specializzata nella cura delle malattie mentali. È stato anche denominato St Mary Bethlehem, Bethlem Hospital, Bethlehem Hospital e Bedlam.

L'ospedale collabora con il King's College di Londra nell'ambito della ricerca psichiatrica. La parola inglese bedlam, che significa "baraonda", "confusione" deriva proprio dall'antico nome dell'ospedale dove un tempo sono stati commessi i peggiori errori nel trattamento delle malattie psichiatriche.

La madre di Charlie Chaplin era una delle persone confinate qui: il futuro attore comico nacque e visse un'infanzia difficile nella vicina Kennington.

Indice

StoriaModifica

1243–1633Modifica

L'ospedale Bethlem Royal Hospital nacque, in precedenza, dal convento di Saint Mary of Bethlehem, nel 1243.

Nel 1403, risulta che l'istituto ospitasse sei uomini con disturbi mentali.

Nel 1547, Enrico VIII cedette il complesso al comune di Londra, che lo destinò all'internamento delle persone malate mentalmente, in cui le condizioni di vita dei malati erano deplorevoli; con il tempo, l'istituto acquisì il soprannome di Bedlam, ad indicare un luogo di confusione e caos.

1634–1791Modifica

Famoso per le condizioni in cui vivevano i malati, fino al XVIII secolo, il Bedlam divenne una delle attrazioni più in voga di Londra, dopo l'Abbazia di Westminster e la Torre di Londra.

1791–1900Modifica

Fino al XIX secolo, il popolo londinese considerava un divertimento assistere agli accessi dei malati internati, tanto che si pagava per vedere lo "spettacolo".[1]

1900 e oggiModifica

Nel 1930, l'ospedale fu spostato nella periferia sudorientale di Londra, tra Eden Park, Beckenham, West Wickham e Shirley. L'edificio fu comprato da Lord Rothermere e il complesso cambiò radicalmente: le ali della facciata lunga più di 200 metri furono demolite, lasciando solo l'edificio centrale, che dal 1936 è sede dell'Imperial War Museum.

CitazioniModifica

L'ospedale di Bedlam è citato nel racconto Tifone di Joseph Conrad, nel romanzo I sette calici dell'eresia, in "Doctor Who, L'inverno dei morti" di James Goss e nelle serie televisive "Penny Dreadful" e "The Frankestein Chronicles" [2].

NoteModifica

  1. ^ Ann Kring et alii, Psicologia clinica, Bologna, Zanichelli, 2013.
  2. ^ serie televisiva "Taboo"

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN141933705 · ISNI (EN0000 0001 2324 5535 · LCCN (ENn84121283 · GND (DE1133104681 · BNF (FRcb133278321 (data) · WorldCat Identities (ENn84-121283
  Portale Londra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Londra