Bianca Berlinguer

giornalista e conduttrice televisiva italiana

Bianca Berlinguer, all'anagrafe Biancamaria Berlinguer,[1] (Roma, 9 dicembre 1959), è una giornalista e conduttrice televisiva italiana, dal 1º ottobre 2009 all'8 agosto 2016 direttrice del TG3. Nel settembre 2023 passa a Mediaset.

Bianca Berlinguer

Biografia

modifica

Figlia di Enrico Berlinguer e di Letizia Laurenti, dopo essersi diplomata al liceo classico e laureata in Lettere presso l'Università di Roma "La Sapienza",[2] intraprende l'attività di giornalista: dopo un periodo di praticantato presso Radiocorriere TV,[3] inizia a lavorare ne Il Messaggero agli inizi degli anni Ottanta e contemporaneamente lavora a Mixer (1985) come redattrice, entrando poi in pianta stabile nella redazione del TG3. Della principale edizione serale di questo telegiornale è stata conduttrice ininterrottamente dal 1991[4] al 5 agosto 2016. Ha presentato inoltre Primo piano, rubrica di approfondimento della stessa testata giornalistica su Rai 3.

Nel gennaio del 2008 è stata coinvolta in una polemica dichiarazione del presidente emerito della Repubblica, Francesco Cossiga.[5][6] Rispondendo a un intervistatore, quest'ultimo ha dichiarato di averla raccomandata insieme ad altri giornalisti (Giuseppe Fiori e Federica Sciarelli) per ottenere una posizione di maggior rilievo all'interno della Rai. La Berlinguer ha smentito queste dichiarazioni del senatore, senza intraprendere azioni legali nei suoi confronti.[7]

 
Bianca Berlinguer con il padre Enrico, la madre e i fratelli minori a Roma, 1972

Il 1º ottobre 2009 viene nominata direttrice del TG3.[8] Si insedia il 12 ottobre. Il 24 settembre 2010 ha vinto a Roma la prima edizione del Premio di giornalismo L'isola che c'è, riconoscimento assegnato a 10 giornalisti sardi, della carta stampata o della Rai, che lavorano a Roma. Il 24 settembre 2011 ha vinto il Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo, sezione giornalismo. Da direttrice continua a condurre (dopo un intervallo di qualche mese) l'edizione serale del TG3, nonché l'approfondimento notturno Linea Notte.

Conduce e dirige per l'ultima volta il TG3 il 5 agosto 2016, venendo sostituita, con molte polemiche soprattutto rivolte al governo Renzi, da Luca Mazzà.

Dal 7 novembre 2016 al 27 giugno 2023 ha condotto #cartabianca su Rai 3.

Il 3 ottobre 2019 pubblica il suo primo libro Storia di Marcella che fu Marcello, le memorie dell'attivista e politica Marcella Di Folco che le ha affidato in un lungo dialogo prima di morire.

Il 3 luglio 2023 si dimette da ogni incarico nella Rai dopo 34 anni di servizio per passare a Mediaset[9][10] per condurre un nuovo programma su Rete 4 dal titolo È sempre Cartabianca, in onda dal 5 settembre dello stesso anno.[11][12]

Dall'8 gennaio 2024 conduce il nuovo programma di Rete 4 dal titolo Prima di domani, in onda dal lunedì al venerdì nella fascia dell'access prime time.[13]

Vita privata

modifica

Prima dei quattro figli dello storico segretario del Partito Comunista Italiano Enrico Berlinguer e di Letizia Laurenti (gli altri fratelli sono Maria Stella, Marco e Laura, giornalista di TGcom24 nonché la compagna di Luca Telese), è stata sposata col collega Stefano Marroni. Da molti anni il suo compagno è Luigi Manconi, con cui ha avuto l'unica figlia Giulia nel 1998.[14][15][16][17]

Programmi televisivi

modifica

Onorificenze

modifica
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 9 dicembre 2014[18]
  1. ^ Pronuncia Berlinguèr, Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Berlinguer", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2010, ISBN 978-88-397-1478-7.
  2. ^ Palinsesti Rai tra conferme e uscite, su Lineadiretta24, 27 giugno 2017. URL consultato il 27 giugno 2017.
  3. ^ Intervista Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. di Pierluigi Diaco a Bianca Berlinguer nella puntata di Uno Mattina del 3 settembre 2010 in cui la giornalista smentisce di aver mai lavorato alla Gazzetta di Mantova, pur essendo a conoscenza del fatto che questa voce inesatta giri da tempo.
  4. ^ Tg3 storia: 1991 Bianca Berlinguer prima conduzione, su rai.tv. URL consultato il 6 novembre 2019 (archiviato il 12 ottobre 2016).
  5. ^ Vige un legame di parentela tra Francesco Cossiga e suo padre poiché erano figli di cugine.
  6. ^ Gian Antonio Stella, mio cugino Berlinguer: Cossiga racconta un leader, su archiviostorico.corriere.it, Corriere della Sera, 10 giugno 1994. URL consultato il 6 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  7. ^ Articolo da agenziaradicale.com, su agenziaradicale.com. URL consultato il 30 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  8. ^ Paolo Conti, Tg3, via libera al cambio La Berlinguer direttrice, su corriere.it, Corriere della Sera, 1º ottobre 2009. URL consultato il 5 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2009).
  9. ^ Bianca Berlinguer si dimette dalla Rai dopo 34 anni: Lascio Cartabianca e ogni incarico, su Open, 3 luglio 2023. URL consultato il 3 luglio 2023.
  10. ^ Bianca Berlinguer si dimette dalla Rai, su Agi.
  11. ^ È sempre Cartabianca, Bianca Berlinguer dal 5 settembre 2023 su Rete 4, su Mediaset Infinity, 1º settembre 2023. URL consultato il 1º settembre 2023.
  12. ^ Bianca Berlinguer, svelato il nome del suo nuovo programma in onda dal 5 settembre 2023 su Rete 4, su Spettacolo Fanpage, 31 agosto 2023. URL consultato il 31 agosto 2023.
  13. ^ Prima di domani Berlinguer su Rete 4, su Agenzia ANSA, 5 gennaio 2024. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  14. ^ Bianca Berlinguer, chi sono il marito e i figli della giornalista italiana?, su lettoquotidiano.it. URL consultato il 21/04/20.
  15. ^ Bianca Berlinguer è il nuovo direttore del Tg3, su ilsole24ore.com, Il Sole 24 Ore, 1º ottobre 2009. URL consultato il 25 settembre 2018 (archiviato il 25 luglio 2018).
  16. ^ Luigi Manconi, marito di Bianca Berlinguer: la notizia inaspettata, su youmovies.it.
  17. ^ Bianca Berlinguer perché salta il matrimonio con Luigi Manconi, su dilei.it.
  18. ^ [1]

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90107330 · SBN CAGV022203 · WorldCat Identities (ENviaf-90107330