Bill Rexford

pilota automobilistico statunitense
Bill Rexford
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria NASCAR
Palmarès
NASCAR Sprint Cup Series 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
Carriera in NASCAR Sprint Cup Series
Stagioni 1949-1953
Mondiali vinti 1
Miglior risultato finale 1º (1950)
GP disputati 36
GP vinti 1
Pole position 1
17 volte nella top ten
 

Bill Rexford (Conewango Valley, 14 marzo 1927New York, 18 aprile 1994) è stato un pilota automobilistico statunitense, specializzato nelle stock car, fu il vincitore del secondo titolo Grand National (quello che oggi è la NASCAR Sprint Cup Series), nel 1950[1].

BiografiaModifica

Figlio unico di Kermit e Edith Rexford, all'inizio degli anni quaranta lavorò nella concessionaria Chevrolet del padre e iniziò a gareggiare su ovali sterrati presso alcuni circuiti locali[2]. Dopo aver servito per due anni la marina militare statunitense come operatore della torre di controllo ritornò a gareggiare nelle competizioni locali[3].

Alla fine dell'estate del 1949, mentre partecipava a una festa, Rexford venne a sapere che Julian Buesink, rivenditore di auto usate di Jamestown aveva iscritto una sua macchina ad una gara NASCAR sul Langhorne Speedway ed era alla ricerca di un pilota. Rexford si propose come pilota e i due siglarono un accordo[3]. Rexford concluse la sua prima gara quattordicesimo su 45 partecipanti.[2] Conclusa la stagione del 1949 al 12º posto partecipando solo a 3 gare su 8[4], Rexford iniziò la stagione del 1950 insieme al compagno Lloyd Moore sempre supportato da Julian Buesink. Rexford partecipò a 17 dei 19 eventi, registrando una vittoria e un piazzamento medio all'undicesimo posto che gli valsero il titolo dopo che Lee Petty e il campione in carica Red Byron vennero penalizzati per aver gareggiato in gare non organizzate dalla NASCAR.[3][5]

Dopo la vittoria del titolo, Rexford ha gareggiato per altre tre stagioni non classificandosi mai oltre la quinta posizione.[6][7]

Dopo aver lasciato la NASCAR nel 1953, Rexford continuò a gareggiare nel campionato organizzato dall'Automobile Racing Club of America (ARCA) fino al suo ritiro nel 1956.[2][3]

Dopo diversi mesi di malattia, morì il 18 marzo 1994.[2] Ancora oggi è il campione NASCAR più giovane di sempre.[5][8]

PalmarèsModifica

RisultatiModifica

NASCARModifica

Risultati NASCAR Grand National Series
Anno Scuderia # Costruttore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 Pos. Punti
1949 Julian Buesink 59 Ford CLT DAB HBO LAN

14

HAM

5

MAR 12 286
4 HEI

3

NWS
1950 60 Olds DAB

29

LAN

22

MAR

9

CAN

1

VER

6

LAN

8

NWS VER

6

MAR 1959
20 CLT

13

8 DSP

10

80 MCF

5

CLT

19

HBO

4

DSP

14

HAM

6

59 DAR

4

61 Ford WIN

3

62 Olds HBO

26

1951 61 DAB

13

72 130
8 Mercury CLT

21

Perry Smith 23 Studebaker NMO

13

GAR
Julian Buesink 60 Mercury HBO

19

ASF
50 NWS

14

5 MAR

16

60 Olds CAN

21

CLS CLB DSP GAR GRS BAI HEI AWS MCF

6

ALS MSF FMS
1 MOR

22

ABS
George Hartley 52 Olds DAR

71

CLB CCS LAN CLT DSP WIL HBO TPN PGS

14

MAR OAK NWS HMS JSP ATL GAR NMO
1952 Julian Buesink 60 Ford PBS DAB JSP NWS MAR CLB ATL CCS LAN DAR DSP CAN

8

HAY FMS

16

HBO CLT NA 0
Jim B. Copperheat 174 Nash MSF

36

NIF OSW MON MOR PPS MCF AWS DAR CCS LAN DSP WIL HBO MAR NWS ATL PBS
1953 Julian Buesink 60 Chevy PBS DAB HAR NWS CLT RCH CCS LAN CLB HCY MAR PMS RSP LOU FFS LAN

10

TCS WIL MCF

5

PIF MOR ATL RVS LCF DAV HBO AWS PAS HCY DAR CCS LAN BLF WIL NWS MAR ATL NA 0

NoteModifica

  1. ^ Bill Rexford Statistics, racing-reference.info. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  2. ^ a b c d Biografia Bill Rexford, su chautauquasportshalloffame.org. URL consultato il 19 novembre 2019.
  3. ^ a b c d The Post Journal su Bill Rexford, su chautauquasportshalloffame.org, 9 maggio 2009. URL consultato il 19 novembre 2019.
  4. ^ Statistiche Bill Rexford, su racing-reference.info. URL consultato il 19 novembre 2019.
  5. ^ a b Bill Rexford vince il titolo, su legendsofnascar.com. URL consultato il 19 novembre 2019.
  6. ^ Penalizzazioni, su motorsportmagazine.com. URL consultato il 19 novembre 2019.
  7. ^ Statistiche, su fantasyracingcheatsheet.com. URL consultato il 19 novembre 2019.
  8. ^ Vincitori titolo NASCAR Cup sotto i 30 anni, su nascar.com, 21 novembre 2018. URL consultato il 19 novembre 2019.

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Bill Rexford, su racing-reference.info, NASCAR Digital Media LLC.