Biotopo Foci dell'Avisio

area naturale protetta del Trentino-Alto Adige
Biotopo Foci dell'Avisio
Foci dell'Avisio - Panorama 09.jpg
Tipo di areaBiotopo
Codice WDPA178891
Codice EUAPEUAP0474
StatiItalia Italia
RegioniTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
ProvinceTrento Trento
Superficie a terra100,51 ha
Provvedimenti istitutiviD.G.P. 282, 18.01.94
GestoreProvincia Autonoma di Trento
Mappa biotopo foci Avisio.JPG
Mappa di localizzazione

Coordinate: 46°07′40.44″N 11°04′56.96″E / 46.1279°N 11.08249°E46.1279; 11.08249

Il Biotopo Foci dell'Avisio è un'area naturale protetta del Trentino-Alto Adige istituita nel 1994. Occupa una superficie di 100,51 ha nella Provincia Autonoma di Trento[1].

L'area si sovrappone in parte al sito di interesse comunitario "Foci dell'Avisio" (IT3120053).

StoriaModifica

 
Tabella che indica i confini dell'area

Questa riserva naturale venne istituita come biotopo e rientra nella rete natura 2000, un progetto europeo per la conservazione della biodiversità del proprio territorio. Tale progetto tutela specialmente piante ed animali che sono indicati nelle direttive "habitat" e "uccelli".[2]

La provincia autonoma di Trento promuove tale iniziativa europea mediante la legge provinciale 11 dell'11 maggio 2007, la quale va ad identificare le zone dove risulta maggiormente necessaria tale tutela.[2]

Solo più recentemente l'area naturale si è estesa a nord, arrivando anche alle foci del torrente Noce, anch'essa ricca di biodiversità.[2]

TerritorioModifica

La riserva naturale "foci Avisio" comprende le foci di tale torrente, ma anche una tratta del fiume Adige, essa infatti si sviluppa su di un'area di 14 ettari.[2]

ComuniModifica

 
Un piccolo laghetto facente parte del biotopo

La riserva naturale comprende principalmente il comune di Lavis e quello di Zambana.

FaunaModifica

L'intera riserva naturale viene utilizzata per la sosta invernale ma anche come rifugio per diversi animali, tra cui mammiferi, uccelli, rettili e anfibi, in particolare l'ululone dal ventre giallo e il corriere piccolo, entrambi minacciati dall'estinzione della loro specie. L'avifauna, come del resto in una buona parte dei biotopi del Trentino, è ben rappresentata da specie comuni quali martin pescatore, merlo acquaiolo, piro piro piccolo, airone cenerino e cormorano. Tra le specie poco comuni che sono state avvistate si possono citare: smergo maggiore, gabbiano reale pontico, zigolo minore, zigolo muciatto e airone bianco maggiore.[2]

FloraModifica

Le rive dei due fiumi ospitano alcune aree dove si trova bosco ripariale, meandri e zone umide, dove gli animali possono riprodursi.[2]

NoteModifica

  1. ^ Fonte: Ministero dell'Ambiente. Archiviato il 4 giugno 2015 in Wikiwix.
  2. ^ a b c d e f Notizie tratte dalla tabella esplicativa in loco.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica