Apri il menu principale

Bobbio Film Festival

festival cinematografico italiano
Bobbio Film Festival
LuogoBobbio
Anni1995 - oggi
Fondato daMarco Bellocchio
Datedal 27 luglio al 10 agosto 2019
GenereCinema
OrganizzazioneMarco Bellocchio (direttore artistico)

Pier Giorgio Bellocchio (supervisione)

Paola Pedrazzini (direzione)
Sito ufficiale

Il Bobbio Film Festival è una manifestazione cinematografica che si tiene nello storico borgo di Bobbio, cittadina nel cuore della Val Trebbia e comune della provincia di Piacenza in Emilia-Romagna.

La manifestazione nacque nel 1995 come laboratorio cinematografico "Farecinema - incontro con gli autori" di Marco Bellocchio, con corsi di regia e una rassegna serale di film aperta al pubblico; la proiezione era seguita da un dibattito con registi, attori ed autori. La rassegna, cresciuta negli anni a seguire, è divenuta nel 2005 un festival cinematografico, prendendo il nome di "Bobbio Film Festival".

Il festival è organizzato dalla Fondazione "Fare Cinema" e dal comune di Bobbio. Sede del festival il chiostro dell'abbazia di San Colombano.

Premio principale il "Gobbo d'oro", che premia il miglior film in concorso.

StoriaModifica

 
"Bobbio Film Festival" dal porticato dell'abbazia di San Colombano

1995-2000Modifica

Nel 1995 si diede vita al progetto di formazione "Farecinema – incontro con gli autori" da un'idea di Marco Bellocchio che ha voluto creare nella sua città Bobbio, storico borgo sui colli piacentini dove il regista è nato e dove ha girato I pugni in tasca trentanni prima nel 1965, un laboratorio per insegnare il mestiere della regia cinematografica ai giovani.

Da allora infatti per due settimane d'estate all'anno Marco Bellocchio si ritira a Bobbio e in full immersion scrive e realizza un cortometraggio facendosi affiancare dai ragazzi, i corsisti provenienti da tutte le regioni italiane, che hanno l'opportunità di percorrere tutte le fasi creative di una produzione cinematografica (l'ideazione, la sceneggiatura, la regia, la scenografia, la fotografia, la recitazione, le riprese, il suono e il montaggio). Ritenendo essenziale per i corsisti l'incontro con i grandi professionisti che fanno il cinema, durante le due settimane di laboratorio di regia Marco Bellocchio invita a Bobbio i più grandi registi (e attori, scenografi, produttori…) perché presentino i loro film in una rassegna serale e soprattutto incontrino il pubblico di studenti e si confrontino con loro.

Infatti già dalla prima edizione del 1995, contemporaneamente al laboratorio di "Farecinema", è nata una rassegna serale di film sempre di due settimane, aperta al pubblico e con il format dei cineforum al termine delle proiezioni. L'elemento caratterizzante della rassegna cinematografica è soprattutto legato al momento del dopo-proiezione, quando Marco Bellocchio, talvolta insieme a un critico cinematografico, incontra il regista e gli attori del film in un dialogo aperto con il pubblico che può rivolgere domande a chi sta sul palco.

Tra il 1995 e il 2000 hanno partecipato alla rassegna cinematografica, tra gli altri: Mimmo Calopresti, cui è stata dedicata una retrospettiva (con i film La seconda volta, La parola amore esiste e Preferisco il rumore del mare), Marco Müller, allora direttore artistico del Festival di Locarno e poi direttore del Festival cinematografico di Venezia e del Festival cinematografico di Roma, il critico cinematografico Enrico Ghezzi (Rai 3), gli scenografi Marco Dentici e Vincenzo Cerami, il produttore Mario Orfini, il musicista e compositore Carlo Crivelli, gli sceneggiatori Stefano Rulli, Domenico Starnone, Gloria Malatesta e Claudia Sbarigia (per Compagna di viaggio) e giovani autori e attori come Fulvio Ottaviano (per Cresceranno i carciofi a Mimongo), Andrea Di Stefano, il trio Eugenio Cappuccio-Massimo Gaudioso-Fabio Nunziata (per Il caricatore), l'iraniano Barak Karimi, Gianfranco Rosi, i Manetti Brothers (per Torino Boys), Francesca Pirani e Daniela Ceselli (per L’appartamento), Elda Alvigini, Piergiorgio Gay, Roberto San Pietro e Sandra Ceccarelli (per Tre storie), Giampaolo Conti, Paolo Briguglia e Jacqueline Lustig, Edoardo Winspeare.

2001-2004Modifica

Nel 2001, dal 16 al 28 luglio, in collaborazione l'allora produttore-direttore di "Fabrica Cinema", Marco Müller, sono intervenuti per presentare i propri lavori il regista cinese Zhang Yuan (Diciassette anni), il bosniaco Danis Tanović (No Man’s Land) e l'iraniana Samira Makhmalbaf (Lavagne); inoltre si è avuta la partecipazione del giovane regista Edoardo Winspeare con le opere Pizzicata e Sangue vivo.

Nel 2002 la rassegna, dal 15 al 27 luglio, è stata in parte improntata sul tema politico, con filmati di Roberto Giannarelli (Tuttigiorni), Francesca Comencini, Mauro Berardi e Luca Bigazzi (Carlo Giuliani, ragazzo), Citto Maselli (La primavera del 2002, film collettivo). Marco Müller ha presentato il film dell'iraniano Babak Payami, Il voto è segreto, premio speciale per la regia al Festival di Venezia dell'anno precedente; il regista Emanuele Crialese e l'attrice Valeria Golino hanno presentato Respiro, mentre lo stesso Marco Bellocchio, insieme agli attori Sergio Castellitto e Toni Bertorelli, ha presentato il suo nuovo film, L'ora di religione. Per la rassegna "i corti di Farecinema" sono stati presentati i cortometraggi: Sorelle (parte 1999), L'affresco (2000), Il maestro di coro (2001) e Quando respiri (2002), con Gianni Schicchi Gabrieli, Lucia Tartaglia, Paolo Kessisoglu, Alessia Mazzenga, Benedetta Sartori e l'attore e regista bulgaro Hristo Jivkov (protagonista del film Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi).

La rassegna 2003, svoltasi dal 9 al 20 settembre, ha previsto un ciclo di 10 proiezioni serali; hanno partecipato, oltre a Marco Bellocchio, che presentava il suo nuovo film Buongiorno, notte, più una retrospettiva sul film Salto nel vuoto assieme allo sceneggiatore Vincenzo Cerami, i registi Franco Battiato con Perdutoamor, Edoardo Winspeare con Il miracolo, Riccardo Milani con Il posto dell'anima, Daniele Ciprì e Franco Maresco con Il ritorno di Cagliostro, il produttore Marco Müller che ha presentato i film Fango di Derviş Zaim e L'angelo della spalla destra di Jamshed Usmonov e il montatore Roberto Perpignani con una lezione di cinema sul montaggio ed il film La strategia del ragno di Bernardo Bertolucci. Per la rassegna "i corti di Farecinema" è stato presentato A un millimetro dal cuore di Iole Natoli e a seguire vari filmati realizzati dagli allievi dei corsi di regia Farecinema.

L'edizione del 2004 si è svolta in 13 serate, dal 19 al 31 luglio. Hanno partecipato i registi Alina Marazzi con Un'ora sola ti vorrei, Maurizio Fiume con E io ti seguo, Francesco Patierno con Pater familias, Mario Martone con L'odore del sangue, gli attori Maya Sansa e Andrea Di Stefano per Il vestito da sposa di Fiorella Infascelli, Alessandro Valori, Piergiorgio Bellocchio e Pietro Taricone con Radio West, Andrea e Antonio Frazzi con Certi bambini, Saverio Costanzo (premiato poche settimane dopo con il "Pardo d'oro" al Festival di Locarno per il film Private) e il produttore Mario Gianani con Sala rossa ed una retrospettiva, Michelangelo Frammartino con Il dono, Paolo Sorrentino e il produttore Nicola Giuliano con Le conseguenze dell'amore, Matteo Garrone con Primo amore ed a cui è stata dedicata inoltre una retrospettiva con la proiezione di: Estate romana e L'imbalsamatore assieme al fotografo Oreste Pipolo con la proiezione del documentario Oreste Pipolo fotografo di matrimoni sempre di Matteo Garrone, ed infine il regista statunitense Abel Ferrara con Il nostro Natale.

Festival dal 2005Modifica

Nel 2005 la rassegna "Farecinema" diventa ufficialmente un festival, prendendo il nome di "Bobbio Film Festival" e Marco Bellocchio istituisce il premio "Gobbo d'oro" per il film giudicato il migliore tra quelli proposti, con riferimento al simbolo di Bobbio, il medievale ponte Gobbo, il premio è una statuetta realizzata ogni anno dallo scultore Paolo Perotti. Dal 2012 la statua del premio "Gobbo d'oro" è stata modificata e realizzata ogni anno in diverse colorazioni per i diversi premi dallo scultore Luigi Scaglioni, ispirandosi ad un bozzetto dello stesso Bellocchio per il film Rigoletto a Mantova e fondendovi alla base sempre il ponte Gobbo simbolo di Bobbio.

Parallelamente il laboratorio cinematografico "Farecinema" diventa la scuola di cinema "Fare Cinema - Corso di alta formazione in regia cinematografica" sempre diretto da Marco Bellocchio[1], con laboratori di regia e recitazione, oltre agli studi teorici e pratici. Ogni anno la scuola realizza dei cortometraggi e la città di Bobbio e i suoi dintorni diventano anche un set cinematografico, con la possibilità di partecipazione per comparse e figuranti, anche presi dalla strada.

Nel 2010 esce il lungometraggio Sorelle Mai, film nato dalle edizioni dei laboratori estivi a Bobbio e dal montaggio dei cortometraggi realizzati dal 1999 al 2008, questo film è molto legato a I pugni in tasca, non solo è stato girato nella stessa casa di Bobbio, ma alcuni temi affrontati sono comuni in entrambi i lavori. Il film viene presentato alla Mostra del Cinema di Venezia del 2010,

Nel 2010 Marco Bellocchio, insieme al figlio Pier Giorgio Bellocchio ed a Paola Pedrazzini, costituiscono l'"Associazione Marco Bellocchio" che dà impulso e nuova linfa a "Fare Cinema" conferendo al progetto maggiore struttura e sistematicità, affiancando al corso di alta formazione cinematografica il "Seminario residenziale di critica cinematografica"[2] e dei percorsi di stages con le scuole (superiori e università). Vi è inoltre la creazione delle pagine social sempre attive di informazioni per gli interessati ed al canale "Youtube BobbioFilmFestival"[3] gestito in collaborazione con l'università IULM di Milano in cui vengono archiviate gli incontri con i registi ed attori, le serate del dopo-festival con il dibattito assieme al pubblico con i registi, attori, critici cinematografici e studenti di cinema e la serata con la cerimonia di premiazione finale.

Nel 2016 il ministro dei Beni Culturali annuncia in una conferenza stampa a Bobbio, insieme a Marco Bellocchio e Paola Pedrazzini, l'imminente costituzione del Centro permanente di Alta Formazione Cinematografica “Fare Cinema”, che inizia ad elaborare il progetto di una scuola permanente di alta formazione e specializzazione cinematografica con sede a Bobbio.

A fine 2017 viene ufficialmente costituita a Roma la Fondazione "Fare Cinema"[4], che vede tra i primi soci fondatori l'associazione Marco Bellocchio e l'Istituto Luce. La Fondazione ha sede amministrativa a Piacenza. I corsi di alta formazione e specializzazione cinematografica si tengono a Bobbio all'interno dell'Auditorium comunale di Santa Chiara.

Fare CinemaModifica

La Fondazione "Fare Cinema" si occupa dell'organizzazione e gestione dei vari corsi di alta formazione e specializzazione cinematografica[5]:

  • Corso di alta formazione in Scrittura e Regia cinematografica “Dall'idea al set”
  • Corso di alta formazione in Produzione cinematografica
  • Corso di alta specializzazione in Sceneggiatura
  • "Fare Cinema - Corso di alta specializzazione in Regia cinematografica"
  • "Seminario residenziale di Critica cinematografica"

VincitoriModifica

 
Il Gobbo d'oro, premio al miglior film del "Bobbio Film Festival", scultura realizzata dal 2012 ogni anno dallo scultore Luigi Scaglioni

Premi del Bobbio Film Festival[6]

Premio "Gobbo d'oro" al Miglior FilmModifica

Il Gobbo d'oro", assegnato dallo staff di "Fare Cinema" e dal 2010 dai partecipanti al "Seminario residenziale di critica cinematografica", al miglior film in concorso:

 
Allestimento nel chiostro del "Bobbio Film Festival"

Premio del PubblicoModifica

Assegnato dagli spettatori abbonati alla rassegna, che votano i film in concorso:

Premio Migliore RegiaModifica

Assegnato dal 2007 al film con la migliore regia:

Premio Migliore AttoreModifica

Assegnato dal 2010 dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano al miglior attore:

Premio Migliore AttriceModifica

Assegnato dal 2005 al 2009 dal Comune di Bobbio come film migliore rivelazione e dal 2010 alla miglior attrice:

- Miglior rivelazione:

- Alla miglior attrice:

Premio speciale del quotidiano Libertà - Miglior Opera PrimaModifica

Assegnato dal quotidiano Libertà come premio speciale, dal 2015 viene dato come premio alla miglior opera prima o al regista o attore che si è distinto in un film in concorso.

Nel 2014 venne istituito il primo premio alla miglior opera prima, poi confluito dall'anno dopo nel premio Libertà:

Premio speciale "Camera di Commercio di Piacenza"Modifica

Premio "Beppe Ciavatta" - Miglior Regista o Giovane Artista EsordienteModifica

Istituito a partire dal 2011 dalla famiglia di Beppe Ciavatta, premia il miglior regista o giovane artista esordiente in concorso.[7]

OrganizzazioneModifica

La Fondazione "Fare Cinema" e l'associazione "Marco Bellocchio" si occupano della direzione artistica e dell'organizzazione del festival, progettando la rassegna cinematografica, i corsi di alta formazione cinematografica Fare Cinema e Seminario residenziale di critica cinematografica, invitando gli artisti e curando la comunicazione del festival. Direttore artistico è il regista Marco Bellocchio, con la supervisione di Pier Giorgio Bellocchio e la direzione di Paola Pedrazzini.

Il comune di Bobbio organizza e gestisce la logistica del festival e il servizio di biglietteria e prevendita.

Contribuiscono economicamente al festival il Ministero per i Beni e le attività Culturali, la regione Emilia Romagna, la Fondazione di Piacenza e Vigevano e la camera di commercio di Piacenza.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Mauro Molinaroli, Bobbio è il mondo - Vent'anni di cinema, vent'anni di vita, Ed. Studio E Tre, Piacenza, agosto 2016

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale, su bobbiofilmfestival.it.  
  • Fondazione Fare Cinema: [1]
  • Bobbio Film Festival - canale Youtube: [2]
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema