Boiorix
The defeat of the Cimbri.jpg
La sconfitta dei cimbri, di Alexandre-Gabriel Decamps
Re dei Cimbri
Morte Vercelli, 30 luglio 101 a.C.
Dinastia Cimbri

Boiorix (... – Vercelli, 30 luglio 101 a.C.) fu un re della tribù germanica dei Cimbri.

StoriaModifica

Fu un condottiero che guidò - almeno in parte - la terribile marcia dei Cimbri. Non ci sono noti né i suoi natali, né le sue origini. Alcuni ritengono che non fosse in realtà un cimbro, ma un celta. Il suo stesso nome, infatti, è composto di due richiami importanti: i Boi erano una tribù celtica originariamente stanziata nel Norico, a diretto contatto con i Germani; la desidenza "-rix" è comune a molti condottieri galli (Vercingetorix) e vuol dire "re", "condottiero".[1] È possibile che appartenesse a un gruppo di Boi unitisi alla migrazione dei Cimbri, come potrebbe essere un cimbro famoso per aver vinto un'ignota battaglia sugli stessi Boi.

Il suo più importante successo fu una spettacolare vittoria contro l'esercito romano nella battaglia di Arausio del 105 a.C. Venne in seguito sconfitto e ucciso nella battaglia dei Campi Raudii del 101 a.C.

Così descrive le ultime ore di Boiorix Siegfried Fischer-Fabian:

"Boiorix giunge a cavallo davanti all'accampamento romano e intima di stabilire il giorno ed il luogo della battaglia, perché ormai non resta altro da fare. Mario, vera natura di guerriero, non riesce a capire questo schietto re dei barbari che sfida un esercito di 55.000 uomini come si trattasse di una competizione sportiva, deve semplicemente sorprendere o destare invece ammirazione? Mario decide infine di mandare un legato all'accampamento dei Cimbri, per informarli che i Romani non avevano mai seguito i consigli del nemico quando intendevano ingaggiare battaglia. Ma improvvisamente cambia parere, concede un'eccezione e per il terzo giorno propone come campo di battaglia i Campi Raudi presso Vercellae (l'odierna Vercelli). Ingenuamente Boiorix accetta, senza sospettare che è stato giocato. Il giorno dello scontro ci si accorge che i guerrieri germani devono combattere con un sole accecante negli occhi mentre vengono sferzati in faccia da enormi nuvole di polvere, provocate da un vento locale che soffia in quella stagione dell'anno e la cui direzione Mario naturalmente conosceva. Inoltre la vasta pianura offre buon gioco alla cavalleria romana decisamente superiore... È certo che i Cimbri, almeno in prima linea, erano armati con armi catturate ai nemici e quindi meglio di quanto non lo fossero l'anno prima i Teutoni. I loro cavalieri portavano corazze di ferro ed elmi, avevano lance a due punte e lunghe spade, un'armatura che per il semplice soldato germanico era un sogno. Eppure furono proprio gli uomini a cavallo che, battuti dalla cavalleria romana superiore di numero, piombarono in fuga sui fanti che stavano prendendo posizione. I germani dovettero schierarsi di nuovo, avanzarono, si scontrarono col centro dello schieramento romano e, ripiegando a destra, s'incunearono tra il centro e l'ala sinistra. I romani scambiarono quel ripiegamento per fuga, si diedero all'inseguimento ma trovarono il vuoto. Nacque un caos di polvere pungente, sole accecante e strepito d'armi, accompagnato dal rombo cupo che giungeva dall'accampamento dei carri, dove le donne dei Cimbri tambureggiavano con bastoni sulle pelli bovine che erano distese sopra i tralicci dei carri. Questo 30 luglio del 101 a.C. fu un lungo, sanguinoso giorno: la fine cominciò a delinearsi quando i romani riuscirono con le loro ali ad accerchiare il nemico."[2]

Questo condottiero, Boiorix, che nella sua ingenuità sfidò i legionari di Caio Mario come in una competizione sportiva, sarà molto diverso dai condottieri astuti che i Germani vanteranno nei secoli a venire, a partire da Ariovisto ed Arminio.

NoteModifica

  1. ^ In questi termini, cfr. Valerio Massimo Manfredi, "I Celti in Italia. Storia di un popolo.", 2000, Mondadori, ma soprattutto Siegfried Fischer-Fabian, "I Germani", 1985, Garzanti.
  2. ^ Siegfried Fischer-Fabian, "I Germani", 1985, Garzanti.