Apri il menu principale
Beata Bolesława Lament
Bolesława Lament mal. Zbigniew Kotyłło.jpg
 
Nascita3 luglio 1862
Morte29 gennaio 1946
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione5 giugno 1991 da papa Giovanni Paolo II

Bolesława Lament (Łowicz, 3 luglio 1862Białystok, 29 gennaio 1946) è stata una religiosa polacca, fondatrice delle Suore Missionarie della Sacra Famiglia. È stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II nel 1991.

BiografiaModifica

Figlia di artigiani, conseguì il diploma magistrale e nel 1884 si trasferì a Varsavia dove fu insegnante presso la scuola clandestina delle Suore Francescane della Famiglia di Maria. Dopo aver cercato di entrare tra le visitandine, consigliata dal suo direttore spirituale continuò a dedicarsi all'apostolato attivo e prestò servizio presso una delle case di accoglienza per senzatetto aperte da Onorato da Biała.

Con l'aiuto di Onorato, nel 1905 organizzò una fraternità di terziarie francescane e si stabilì a Mahilëŭ, dove aprì un laboratorio di sartoria e prese a insegnare il catechismo ai bambini; presto l'opera della Lament si trasferì a San Pietroburgo e le sue suore iniziarono a operare in orfanotrofi e scuole parrocchiali.

Dopo lo scoppio della rivoluzione russa, nel 1922 la fraternità della Lament si trasferì a Chełmno: nel 1924 il sodalizio venne eretto in congregazione religiosa e le suore presero il nome di Missionarie della Sacra Famiglia.

Il cultoModifica

La fase romana del suo processo di canonizzazione iniziò nel 1989: dichiarata venerabile il 22 gennaio 1991, è stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II il 5 giugno successivo.

La sua memoria liturgica ricorre il 29 gennaio.

BibliografiaModifica

  • Guido Pettinati, I Santi canonizzati del giorno, vol. I, Segno, Udine 1991, pp. 374–379.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89147190 · ISNI (EN0000 0001 0923 1006 · GND (DE1035527774 · WorldCat Identities (EN89147190