Apri il menu principale

Boletus regius

specie di fungo della famiglia Boletaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Boletus regius
Boletus regius 37212.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae
Genere Boletus
Specie B. regius
Nomenclatura binomiale
Boletus regius
Krombh., 1832
Nomi comuni

Boleto regio

Caratteristiche morfologiche
Boletus regius
Cappello semisferico disegno.png
Cappello semisferico
Pores icon.png
Imenio pori
Free gills icon2.svg
Lamelle libere
Olive spore print icon.png
Sporata oliva
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Virante icona.svg
Carne virante
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile

Boletus regius Krombh., Naturgetreue Abbildungen und Beschreibungen der essbaren, schädlichen und verdächtigen Schwämme (Prague) 2: 3 (1832).

Il Boletus regius è un fungo edule appartenente alla famiglia delle Boletaceae non molto comune ma abbastanza ricercato nelle zone di crescita.

Descrizione della specieModifica

CappelloModifica

5–15 cm di diametro, carnoso, sferico, poi espanso.

Cuticola
liscia, glabra, rosso-bruna, rosso-brillante, rosa o porporina, infine anche giallo-oliva.

PoriModifica

Tondi, appressati, di color giallo-oro, poi olivastri.

TubuliModifica

Quasi liberi al gambo, color giallo-oro, poi olivastri.

GamboModifica

Fino a 4–5 cm di diametro, cilindrico, slargato alla base; color giallo cromo pallido, raramente rosso-carmicino verso il cappello, immutabile al tocco, ornato all'apice di reticolo a maglie sottili concolore al fondo.

CarneModifica

Soda, dura; colore giallino, sotto la cuticola rossastro; raramente virante al taglio; rosata sul fondo del gambo.

  • Odore: poco percettibile, leggermente fruttato
  • sapore: gradevole, dolciastro.

SporeModifica

Fusiformi, bruno-oliva in massa, 12,5-17,5 x 3,5-5 µm.

HabitatModifica

Cresce sotto latifoglie, specialmente faggio, in primavera, estate e autunno.

CommestibilitàModifica

  Commestibilità ottima, si presta alle più svariate preparazioni gastronomiche.

EtimologiaModifica

Dal latino regius, regale, per il suo bellissimo colore rossastro del cappello e giallo-oro dei pori e del gambo.

Specie similiModifica

Confondibile con il Boletus pseudoregius, più slanciato, con la carne che vira più nettamente.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia