Apri il menu principale
Bombardamenti di Gor'kij
parte del fronte orientale della seconda guerra mondiale
Before being sent to the front.jpg
Data4 novembre 1941 - 23 giugno 1943
LuogoGor'kij, RSFS Russa, Unione Sovietica
EsitoVittoria sovietica
Schieramenti
Comandanti
Germania Theodor Rowehl
Germania Hans-Henning von Böst
URSS Nikolaj Markov
URSS Sidor Sljusarev
URSS Nikolaj Alifanov
Effettivi
≈300 aerei≈250.000 soldati
515 pezzi di artiglieria
47 aerei
17 radari
231 proiettori antiaerei
107 barriere aerostati
Perdite
sconosciutocirca 590 di morti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

I bombardamenti di Gor'kij (ora noto come Nižnij Novgorod) dalla Luftwaffe continuarono dal 1941 al 1943 nel teatro Fronte orientale della seconda guerra mondiale. Lo scopo principale del bombardamento era distruggere il centro industriale della città. Fabbrica Automobili di Gor'kij (GAZ) ha ricevuto il maggior danno. Durante la guerra, i bombardieri nemici effettuarono 43 raid aerei, 26 dei quali erano di notte.[1] 33.934 bombe incendiarie e 1.631 bombe ad alto esplosivo furono lanciate sulla città. I bombardamenti di Gor'kij furono i colpi più distruttivi della Luftwaffe sul retroterra dell'Unione Sovietica durante la guerra.

Indice

SfondoModifica

La distruzione dell'industria di Gor'kij era in operazione Barbarossa fin dall'inizio. Era uno dei maggiori produttori e fornitori di armi per l'Armata Rossa. La Germania pianificò di catturare e occupare la città durante la seconda metà del settembre 1941.[2] La città era il centro principale dell'intera regione del Volga e in essa si concentrava la principale industria e il potere statale sulle regioni. L'occupazione di Gor'kij significava per la Germania il completo controllo sulla regione del Volga. In primo luogo, i tedeschi dovevano distruggere l'industria della difesa della città: Fabbrica Automobili di Gor'kij, Fabbrica di aerei Sokol, Krasnoje Sormovo e Dvigatel' Revoljucii. Dopo l'occupazione della città, doveva essere creato il Distretto Generale di Gor'kij (Generalbezirk Gorki in tedesco) o il Distretto Generale di Nižnij Novgorod (Generalbezirk Nischni Nowgorod in tedesco), incluso nel Reichskommissariat Moskowien. L'impianto per la costruzione di macchine Gor'kij è stato progettato per essere convertito alla produzione di equipaggiamento militare tedesco.[3]

Il 31 ottobre 1941, Iosif Stalin ordinò a GAZ di aumentare la produzione di carri armati T-60.

Il governo della città sapeva che Gor'kij potrebbe essere attaccato in qualsiasi momento dall'aviazione tedesca. Era necessario rafforzare la difesa aerea della città e mascherare le fabbriche. Ma le misure necessarie non sono state portate a termine.

Nikolaj Markov, comandante del distretto di difesa aerea della Brigata di Gor'kij, fu nominato nell'ottobre del 1941. Arrivato a Gor'kij, notò che la difesa della città era troppo debole. In esso c'erano solo circa 50 cannoni antiaerei e pochissimi proiettori. Allo stesso tempo, Gor'kij era densamente costruito con gli oggetti strategici più importanti.

Gli attacchiModifica

Novembre 1941Modifica

 
Mappa tedesca di Gor'kij, che indica gli obiettivi per i bombardamentiA — Aerodromo di Gor'kij-Sormovo
B — Aerodromo di Gor'kij-Fedjakovo
С — Aerodromo di Gor'kij-Avtozavod
D — Magazzino di carburante
E — Magazzino della drogheria
F — Piattaforma ferroviaria
G — Stazione ferroviaria principale
H — Il ponte ferroviario attraverso il Volga
I — Ponte di Okskij (Kanavinskij)
J — Cavalcavia
K — Mulini e fienili
L — Raffineria d'olio
M — Fabbrica di costruzione di aerei
N — Fabbrica della difesa
O — Fabbrica di automobili
P — Fabbrica di diesel
Q — L'officina di laminazione
R — Impianto di macchine utensili
S — Cantiere navale
T — Fabbrica di radiotelefoni
La fiera

I voli di ricognizione su Gor'kij iniziarono nell'autunno del 1941. Gli aerei tedeschi volarono ad alta quota, frenando sopra GAZ. Giovedì 9 ottobre, il primo aereo da ricognizione Junkers Ju 88 è apparso nel cielo sopra la città. All'inizio la Luftwaffe bombardò i sobborghi. Il colpo principale cadde su ascensori e magazzini vicino a Dzeržinsk. Poi seguirono due grandi attacchi aerei su Gor'kij. Sono stati coinvolti 111 aerei del 100 ° squadrone di bombardieri Viking.

 
Gor'kij. Fabbrica Nitel dopo il bombardamento

Il primo raid aereo da martedì 4 novembre a mercoledì 5 è iniziato alle 16:30.[4] Secondo le stime della difesa aerea, circa 150 aeromobili hanno partecipato e 11 aerei sono volati in città. Gli aerei si avvicinarono individualmente e in gruppi di 3-16 ad un intervallo di 15-20 minuti. Oltre alle bombe nella città sparsi volantini provocatori. GAZ, Nitel e la fabbrica di Dvigatel' Revoljucii sono stati colpiti, 55 persone sono morte, 141 sono rimaste ferite. Secondo i dati tedeschi, 15 aerei hanno partecipato a questo bombardamento aereo.[5] Il primo aereo apparve sulla città alla luce del giorno e lasciò cadere le bombe. Poi hanno iniziato a sparare a persone con mitragliatrici che correvano per le strade. Dal colpo diretto nell'edificio principale del Nitel, è morto il regista e una parte della dirigenza. Durante l'attentato notturno, l'impatto principale si è verificato su oggetti secondari, aree urbane residenziali e sul campo nel villaggio di Stachanovskij. Le ordigno incendiario e l'esplosivo ordigno del peso di 70 a 250 kg e ordigni aerea BM-1000 del peso di 871 kg sono state caduto.

Il secondo bombardamento aereo nella notte tra il 5 e il 6 novembre, giovedì. È stato emesso un allarme aereo. Alle 23:34, le linee elettriche dalla centrale elettrica di Balachna alla città sono state danneggiate da un bombardamento. Alcune regioni industriali sono state temporaneamente diseccitate. Alle 01:47 il raid su Gorkij iniziò, gli obiettivi principali erano le fabbriche GAZ, Krasnoje Sormovo, Sokol e gli edifici residenziali. Le batterie antiaeree rendevano l'operazione contraria, quindi il bombardamento era meno preciso. Secondo i dati della difesa aerea, 14 aerei sono volati in città. Nella zona di fabbrica di GAZ, 5 persone sono morte, 21 sono rimaste ferite.

Questi due attacchi distrussero l'ufficio principale della fabbrica automobilistica, l'edificio amministrativo della fabbrica di Dvigatel' Revoljucii, molti laboratori, una centrale elettrica e un'area residenziale del distretto. In diverse zone c'è stato il panico. In diversi luoghi è scoppiato il panico, anche a causa del gran numero di rifugiati dalla capitale in seguito alla Battaglia di Mosca. Le fabbriche interruppero la produzione, solo la produzione dei carri armati T-60 nella fabbrica di automobili fu ulteriormente aumentata.[6] La distruzione di cannoni anti-aerei ha permesso di bombardare aerei tedeschi da bassa quota. Un totale di 127 persone sono morte, 176 sono state gravemente ferite e altre 195 sono rimaste leggermente ferite, con dati che variano da fonte a fonte. Una gran parte delle vittime erano profughi di Mosca, che erano alloggiati nel distretto cittadino di Avtozavodskij (attorno alla fabbrica di automobili). Nessun aereo tedesco è stato abbattuto.

L'8 novembre 1941, il distretto di difesa aerea della Brigata di Gor'kij fu rinforzato dalla 58ª e 281ª Divisione di artiglieria aeronautica separata, dalla 142ª zona dell'aviazione da combattimento e dalla quarantacinquesima cintura di ricerca dei flak. Lo stesso giorno alle 3:20 ha volato un aereo da ricognizione Junkers Ju 88 D a Gor'kij.

Dal 12 al 18 novembre 1941, i tedeschi lanciarono una serie di attacchi per distruggere il ponte sull'Oka, che non ebbe successo.

Il bombardamenti del 1942Modifica

La notte di febbraio, martedì 3 al mercoledì 4, un solo aereo, ha spento i motori e, cadendo, ha schiantato lo scudo antiaereo e lanciato 3 bombe sulla fabbrica GAZ. Officini di ruote e motori sono state danneggiate. 17 lavoratori morirono, 41 furono feriti. Per la prima volta gli agenti tedeschi che hanno invaso Gor'kij sono stati visti in questo attacco. Hanno fatto il segno e hanno lanciato i segnali rossi e bianchi da terra.

Nelle notti del 5, 7 e 24 febbraio, furono fatti 3 tentativi per attaccare Gor'kij. La difesa aerea sovietica è riuscita a penetrare solo uno su dodici aerei nello spazio aereo della città, sono state sganciate 5 bombe nella fabbrica GAZ e nel villaggio di Stachanovskij, nel secondo e terzo raid non ci sono state scoperte. Secondo i dati tedeschi, il 5 e il 6 febbraio è stato effettuato un raid in un solo aereo.

In totale, a seguito degli attentati del febbraio 1942, 20 persone sono morte e 48 persone sono rimaste ferite. Il danno inflitto alle strutture industriali era insignificante.

Alla fine di maggio sono stati effettuati cinque voli di ricognizione sulla città.

Sabato 30 maggio e mercoledì 10 giugno sono stati effettuati due raid aerei senza successo a Gor'kij, Bor e Dzeržinsk. Secondo le stime della difesa aerea, circa 20 aerei. Per la difesa degli oggetti più importanti, iniziarono a essere usati palloni di sbarramento e cannoni antiaerei delle cannoniere della Flottiglia Militare del Volga. Secondo i dati tedeschi, i raid sono stati commessi nella notte del 30 maggio.

Dal 30 maggio al 1 giugno e il 10 giugno, un singolo velivolo ad alta quota ha fatto cadere circa 50 bombe nei quartieri residenziali e nella base di riparazione n. 97, dove sono stati assemblati i serbatoi che sono stati fabbricati come parte dell'azione Lend-Lease.

Gli aerei da ricognizione Junkers Ju 88 e Dornier Do 215 hanno sorvolato la città a varie altitudini dal 1 ° al 5 giugno. Il 23 giugno, il Junkers Ju 88 ha cercato di colpire la fabbrica di aerei Sokol da un'altitudine elevata, ma le bombe sono cadute nel parco di Sormovskij.

Nella notte tra il 24 e il 25 giugno, un gruppo di aerei ha sganciato bombe nei pressi del villaggio di Strighino, alla periferia di Gor'kij. Un altro aereo ha lanciato due bombe da 500 kg sopra la fabbrica di aerei Sokol, una delle quali non è esplosa.

Il 27 luglio, Pëtr Shavurin, il vice comandante della squadriglia del 722 ° reggimento di caccia, catturò nel suo MiG-3 un aereo da ricognizione Junkers Ju 88 e lo distrusse sbalzandolo in aria. I due velivoli andarono nei villaggi di Kozlovka, Sannica e Tumbotino. Il MiG-3 era l'unico modello di un cacciatore di altezze nell'arsenale della difesa aerea in quel momento, ma l'armamento del velivolo era così debole che Shavurin non aveva altra scelta che sacrificare il suo aereo attraverso le speronate. Il relitti dell'aereo tedesco fu raccolto e esposto sulla piazza Sovietica vicino al monumento in onore di Valerij Čkalov.

Durante la notte tra il 5 e il 6 novembre, un gruppo di aerei tedeschi fece un tentativo infruttuoso di bombardare la raffineria di petrolio. Nove esplosivo bombe e diverse bombe incendiario sono state fatte cadere nella fabbrica di automobili. Di conseguenza, il locale caldaia è stato gravemente danneggiato, quattro lavoratori sono morti e la fabbrica non ha funzionato affatto per tre giorni e quindi ha potuto produrre solo per altre tre settimane con capacità limitata. La maggior parte delle bombe incendiarie cadde sulla fabbrica di costruzione di macchine, diverse bombe leggere esplose vicino alla stazione centrale di Gor'kij-Moskovskij.

Giugno 1943Modifica

 
Fotografia aerea di Gor'kij con indicazione di bersagli per il bombardamento. Centro strategico "Cremlino":
A — Ponte rinforzato (pontile) (5 supporti, distanza tra i supporti ~ 120 m, lunghezza 740 m, larghezza 21 m);
B - Il Cremlino (1 - Casa dei Soviet, 2 - Scuola militare, 3 - Arsenale);
С - La fiera (1 - l'edificio principale della fiera, 2 - il scambio);
Il mulino è circondato da una linea continua bianca.

Dopo un periodo di riposo di sette mesi, Gor'kij subì nel giugno del 1943 una serie di massicci attacchi notturni da parte della Luftwaffe, il cui obiettivo principale era di nuovo la fabbrica di automobili. I raid aerei sono stati effettuati in preparazione all'operazione Citadelle (estate / autunno 1943), in cui sono stati effettuati attacchi dinamitardi sui centri industriali della regione del Volga - Gor'kij, Jaroslavl' e Saratov. Fu uno dei più grandi attacchi aerei nell'entroterra sovietico durante l'intera guerra.[7]

Aviazione tedescaModifica

Erano bombardieri bicilindrici dei Squadriglia di combattimento 27 e 55, che si ergevano dagli aeroporti vicino a Orël e Brjansk, scavalcavano la Zona di Difesa Aerea di Mosca e volavano da Dzeržinsk, Bogorodsk e Arzamas a Gor'kij. Per rimanere il più inosservati possibile, gli attacchi sono stati fatti di notte al buio tra le 0:00 e le 2:00. Per prima cosa, i bombardieri accesero gli obiettivi con bombe incandescenti e poi attaccarono posizioni antiaeree. Le tattiche sono cambiate ogni volta. Esplosivi esplosivi e bombe incendiarie di vario calibro fino a 2000 kg e liquido antincendio furono lanciati su Gor'kij. I risultati di ogni attacco sono stati rilevati da aerei da ricognizione che hanno sorvolato la città alle 17:00 del giorno successivo a 7 km.

 
Il bombardamento dei officine della fabbrica di automobili durante un raid aereo nella notte tra il 4 giugno e il 5 giugno 1943

Per la notte del 5 giugno è iniziata deliberatamente un'informazione falsa sulla preparazione di un attacco delle forze aeree a Mosca, e poi ha attaccato sorprendentemente Gor'kij. Secondo i dati della difesa aerea,[8] hanno partecipato circa 45 velivoli dei modelli Heinkel He 111, Junkers Ju 88 e Focke-Wulf Fw 200. Gli aerei volarono da Vladimir via Kovrov e da Kulebaki via Arzamas a Gor'kij. Gli attentati sono iniziati alle 0:45, circa 20 aerei hanno fatto la svolta alla città. Un totale di 289 bombe sono state sganciate, 260 delle quali sono state fatte cadere nella fabbrica di automobili, mettendo il officina principale, officina di foglie primaverili e fabbri № 3 fuori servizio. Diverse case e un ospedale furono distrutti. Settanta persone sono morte nel distretto di Avtozavodskij e in fabbrica e altre 210 sono rimaste ferite. Nel tentativo di raggiungere la parte settentrionale della città a Krasnoje Sormovo, alla fabbrica di aerei Sokol e alla fabbrica di macchinari, furono persi cinque aerei tedeschi.[9] Secondo i dati tedeschi, un totale di 168 Heinkel He 111 e Junkers Ju 88 hanno partecipato all'attacco, di cui 149 hanno attaccato Gor'kij.[10]

Nel secondo raid aereo nella notte tra il 5 e il 6 giugno, hanno partecipato 80 stime di difesa aerea Heinkel He 111. I bombardamenti durarono dalle 0:31 alle 2:08 e furono condotti da sei gruppi di diverse altezze e direzioni. Soprattutto i lati occidentale e settentrionale della fabbrica di automobili sono stati attaccati. La linea di alimentazione principale è stata distrutta e la rete di approvvigionamento idrico è stata gravemente danneggiata. L'officina di montaggio, l'officina principale, una sezione di industrie vicine, un magazzino di gomma, un certo numero di camion di rimorchio, un magazzino di locomotiva, un'officina di telaio e la mensa di dieta hanno bruciato completamente. Circa 100 bombe sono state fatte cadere sulla fabbrica. Anche l'area residenziale e l'ospedale della tubercolosi sono stati gravemente colpiti. Nel villaggio di Monastyrka sono state distrutte circa 60-80 case. Secondo le informazioni tedesche, nell'attacco sono stati coinvolti 128 aerei, di cui due sono stati persi. Allo stesso tempo, alcuni degli aerei avevano ricevuto l'ordine di bombardare Stalinogorsk.

La notte del 7 giugno, il più grande attacco ebbe luogo, in cui 157 Heinkel He 111 e Junkers Ju 88 e, secondo dati tedeschi, 154 aerei che contenevano ancora il bombardamento di Stalinogorsk.

La maggior parte delle bombe cadde sulle parti centrali e sud-occidentali della città (fabbrica di automobili, Sotsgorod, Myza). L'officina delle ruote della fabbrica automobilistica è completamente bruciata, così come il corpo della punzonatrice, l'officina di pressatura e l'officina meccanica. Il deposito locomotive è stato danneggiato. In totale, 170 bombe sono state gettate nella pianta. 38 persone sono morte e 83 sono rimaste ferite. I micro-distretti di Sotsgorod, Amerikanskij e Monastyrka sono stati gravemente danneggiati. Anche la centrale telefonica, il consiglio distrettuale, il policlinico, il club, la sottostazione, la stazione di polizia e il garage del comitato distrettuale del PCUS sono stati danneggiati. Diverse case sul viale di Molotov (l'odierna viale d'Ottobre) sono state distrutte. Nel distretto di Avtozavodskij, 73 persone sono morte e 149 altre sono rimaste ferite. La difesa aerea sovietica abbatté quattro aerei tedeschi e altri due furono distrutti dai caccia sovietici.

Il 7 giugno, la prevista distruzione completa della fabbrica di automobili di Gor'kij è stata annunciata alla radio tedesca.

Nel quarto attacco dal 7 all'8 giugno, hanno partecipato circa 50-60 aerei. Tre di loro sono stati distrutti nello stabilimento. Dopo i dati della difesa aerea, nove esplosivi e sette bombe incendiarie sono stati lanciati, colpendo il laboratorio di fonderia e l'area residenziale. Sei aerei sono stati abbattuti. Secondo i dati tedeschi, a Gor'kij sono state sganciate 39 tonnellate di bombe.

Dopo quattro incursioni aeree nella centrale, sono state gettate in totale 993 bombe. Secondo il servizio medico morì durante questo periodo 233 persone, di cui 24 persone morirono solo più tardi negli ospedali le loro ferite, dove dovevano essere trattati altri 465.

Nel quinto attacco dell'11 giugno, a seconda della fonte, hanno partecipato circa 50-110 aeromobili. Con il pesante bombardamento dei flak, gli attacchi tedeschi erano chiaramente più scoordinati quella notte. Le bombe sono cadute da un'altezza tra i 4000 ei 5500 m, dove la fabbrica di automobili, la centrale termica, l'assunzione di acqua, il porto, le zone residenziali dei distretti della città di Leninskij e Vorošilovskij, nonché i villaggi Ljachovo, Monastyrka, Ščerbinka e Myza sono stati attaccati

Al sesto attacco dal 13 al 14 giugno, hanno partecipato circa 50-80 aeromobili. La parte orientale della fabbrica di automobili è stata attaccata. Secondo i dati tedeschi, gli aerei volavano in piccoli gruppi da Rjazan' via Murom e Pavlovo a Gor'kij. I bombardamenti hanno danneggiato la stazione di presa dell'acqua del distretto di Leninskij. 16 bombe ad alta esplosività e 20 bombe incendiarie pesanti sono state sganciate nella fabbrica di Dvigatel' Revoljucii, distruggendo diversi edifici e parte del tetto del principale laboratorio di macchine utensili. Anche il cantiere è stato attaccato. Il comandante dello squadrone Hans-Henning von Böst supervisionò personalmente le azioni dei piloti tedeschi volando sopra la città. In questo attacco, la fabbrica della costruzione di macchine, la fabbrica di aerei Sokol, la fabbrica di Krasnoje Sormovo ei ponti sull'Oka e sul Volga non furono bombardati.

La notte del 22 giugno, il settimo ed ultimo raid aereo su Gor'kij ebbe luogo, esattamente due anni dopo l'inizio della guerra tedesco-sovietica. Pertanto, questo attacco era previsto. Secondo la difesa aerea, 75 aerei hanno partecipato all'attacco, 40 dei quali hanno fatto breccia nella città. Sul territorio della fabbrica di automobili sono stati eliminati 31 fattori di flare, 15 bombe esplosive, 80 bombe combinate e circa 300 bombe incendiarie. Ciò ha danneggiato la fonderia, l'edificio del radiatore di rinforzo e la fabbrica di Novaja Sosna. Inoltre, c'erano quattro fuochi nel quartiere residenziale. Secondo i dati tedeschi, l'intera Città Bassa, la fabbrica di macchinari di Vorobjov, la pianta di concentrati di cibo e i quartieri residenziali sono stati attaccati. Diverse linee elettriche sono state danneggiate, ma i tentativi falliti di distruggere il ponte Okskij (ora Kanavinskij Bridge) e il ponte Borskij. Il comandante dello squadrone Hans-Henning von Böst ha partecipato di nuovo. Durante l'attentato, 88 persone sono morte e 180 ferite.

Alla fine, un totale di 645 missioni furono eseguite da aerei tedeschi, in cui 1631 bombe ad alto rischio esplosivo e 3390 furono lanciate sulla città. Questo ha ucciso 254 civili e 28 soldati della difesa aerea. Altri oltre 500 civili e 27 soldati sono rimasti feriti. Nella fabbrica, 52 edifici sono stati distrutti e un gran numero di attrezzature è stato distrutto. Forti incendi sono sorti a causa del caldo. Gli incendi furono rapidamente diffusi a causa del mascheramento in legno della fabbrica di automobili. Una parte significativa della fabbrica è stata distrutta o bruciata. Solo una piccola parte della produzione potrebbe essere prodotta; fino a quando la maggior parte delle macchine non funzionava, tutti i lavoratori venivano utilizzati per la riparazione. La Luftwaffe non ha potuto continuare il suo successo dopo la distruzione della fabbrica automobilistica. Incursioni successive hanno attaccato le proprietà industriali secondarie e le aree residenziali che erano meno protette. Le aziende industriali nella parte settentrionale della città non avevano quasi bombardamenti.

Conseguenze dei bombardamentiModifica

Il bombardamento del più grande centro industriale del paese ha portato a una reazione immediata del potere supremo dell'Unione Sovietica. Il 5 giugno Stalin ha personalmente creato una decisione del Comitato di difesa dello Stato № 3524 "Informazioni sulla difesa aerea di Gor'kij". Per discutere le ragioni del mancato adempimento dei doveri, fu nominata una commissione, composta dal capo del Commissariato del popolo per gli affari interni Lavrentij Berija, il capo del Comitato per la sicurezza dello Stato Vsevolod Merkulov, il segretario di il Comitato centrale del PCUS (b) Aleksandr Ščerbakov, il presidente del Consiglio comunale di Mosca Vasilij Pronin e il comandante della difesa aerea dell'URSS Michail Gromadin. Dopo aver indagato sulla commissione, il comandante della difesa aerea regionale Alexej Osipov è stato retrocesso e il direttore della fabbrica di automobili Alexandr Lifšic è stato licenziato. L'8 giugno, 100 cannoni per la difesa aerea di piccolo e medio calibro, 250 mitragliatrici di grosso calibro, 100 proiettori e 75 palloncini di sbarramento sono stati assegnati per rafforzare la difesa aerea della zona industriale di Gorky. Il restauro dell'impianto automobilistico è stato avviato quasi immediatamente su iniziativa dell'ingegnere Andrej Lipgart. Subito dopo il primo raid aereo, l'archivio di progettazione della fabbrica è stato evacuato, la benzina è stata rimossa dall'area e i sistemi di mimetizzazione che sono stati esposti a carichi di fuoco sono stati smantellati.

Semën Ginsburg, commissario della costruzione popolare, si recò a Gor'kij per iniziare immediatamente le riparazioni.

Difesa aerea della cittàModifica

 
La difesa di Gor'kij

Nell'ottobre del 1941 il colonnello Sidor Sljusarev arrivò nell'aeroporto di Sejma per ricevere tre nuovi reggimenti di combattenti LaGG-3. Qui è rimasto di stanza per un po' ', cercando di calmare la situazione turbolenta della città.[5]

Dopo il raid aereo di novembre su Gor'kij, il colonnello fu ordinato da Stalin di lasciare immediatamente Sejma per difendere il distretto di Gor'kij, come disse il comandante in capo. Sljusarev si diresse verso Gor'kij, nonostante neve e gelo. Più tardi disse:

In primo luogo, il colonnello Sljussarew ordinò la creazione di pattuglie giorno e notte a Gor'kij. Immediatamente dopo questa decisione, tornò a Sejma, dove si trovarono otto reggimenti aerei. Ordinò loro di distribuirsi negli aeroporti della sottozona.

A dicembre, il comitato organizzatore ha deciso di creare diversi grandi rifugi antiaerei nella Città Alta. Il 15 febbraio 1942, fu deciso di creare cinque strutture del genere:

  1. Il Cremlino - Ivanovskij discesa sotto il giardino del Minin,
  2. L'argine di Ždanov (oggi argine Alto-Volga) - Davanti all'istituto industriale di Gor'kij,
  3. Počtovyj discesa per via di Majakovskij (oggi via Rožhdestvenskaja),
  4. La stazione ferroviaria di Kazanskij,
  5. La gola alla fine di via Vorobjov (oggi via Malaja Pokrovskaja).

Sono stati costruiti da 2300 persone. I cittadini della città hanno scavato fossati e costruito le difese dopo l'offensiva tedesca a Mosca. In seguito, tuttavia, non risultarono necessari perché il 5 dicembre 1941 l'Armata Rossa lanciò una controffensiva.

Azioni di difesa aereaModifica

La difesa aerea della città aveva 433 pistole di calibro medio e 82 pistole a proiettile piccolo, 13 cannoni radar pistola SON-2, due cannoni radar RUS-2 pegmatite, 231 proiettori, 107 palloncini antisommossa e 47 combattenti con base a Strighino, Pravdinsk e Dzeržinsk aeroporti.

Nonostante il considerevole numero di forze di difesa aerea e le loro attrezzature, che dovrebbero impedire l'attentato, questo non ha avuto successo. Poiché i bombardamenti non hanno avuto luogo a lungo e l'offensiva dell'Armata Rossa ha avuto successo, la vigilanza è diminuita. C'erano molte deficienze nell'organizzazione della difesa. Il distretto de la citta di Avtozavodskij è stato difeso dal 784 ° reggimento di artiglieria antiaerea, composto principalmente da donne che si erano recentemente arruolate nell'esercito. Uno dei radar di pegmatite aveva una grande "zona morta" nell'area bersaglio a causa delle alte rive dell'Oka. Anche i dipartimenti di stazioni di polizia erano impreparati, l'artiglieria antiaerea veniva sparata senza una precisa designazione dell'obiettivo e la cooperazione con i proiettori non era sufficientemente praticata. Squadre di difesa aerea nelle cantine degli edifici sono state distrutte, le comunicazioni telefoniche via cavo sono state spesso interrotte da esplosioni di bombe. I piloti dell'aereo sovietico non avevano esperienza di combattimento notturno e cercarono di iniziare a bombardare un bombardiere con munizioni complete. La maggior parte delle forze di difesa aerea difendevano anche l'area industriale settentrionale della città, che comprendeva la fabbrica di aerei Sokol, la fabbrica di Krasnoje Sormovo e la fabbrica di macchinari, che erano di grande importanza strategica.

Dopo il primo bombardamento, sono state implementate misure urgentemente necessarie, vale a dire l'introduzione di ulteriori cannoni anti-aerei e munizioni nel distretto di Avtozavodskij. Nuovi sistemi di comunicazione e guida hanno migliorato lo schema del fuoco di sbarramento. Sulla corsia di entrata degli attaccanti sono state create due difese. A una distanza di due-tre e da sei a sette chilometri dalla fabbrica di automobili, le mitragliatrici venivano montate sui tetti delle officine per aerei a bassa quota. La difesa dei prossimi attacchi aerei era più organizzata. Un totale di 14 aerei sono stati abbattuti.

Camouflage di Gor'kijModifica

Oltre a migliorare la difesa aerea della città, il governo dell'Unione Sovietica ha deciso di costruire una serie di "oggetti falsi" a Gor'kij. L'archivio di Nižnij Novgorod contiene la decisione del Comitato di difesa della città di Gor'kij "sulla costruzione di oggetti falsi nelle imprese industriali di Gor'kij" del 1 agosto 1942.

Di conseguenza, nel villaggio di Mordvincevo, vicino a Fedjakovo, fu costruito un enorme pseudosistema fatto di vetro e compensato di fabbrica di automobili. Di notte, la fabbrica sbagliata era accesa e spenta dopo gli avvertimenti di attacco, che in realtà hanno portato gli aerei tedeschi a bombardare i falsi.[11]

Anche la fabbrica di Dvigatel' Revoljucii era camuffata, con il modello di Mosca che dipingeva le strade e la fabbrica stessa, che continuava a produrre nonostante distruzione pesante, con edifici, in modo da sembrare dall'aria come se ci fosse solo una lunga menzogna di Molitovka, strategicamente poco importante del villaggio.

Sul ponte Okskij è stata utilizzata un'altra opzione di occultamento. Per questo, le barche navigavano sull'acqua, stese accanto al ponte tutto il tempo. All'annuncio dell'allarme aereo, hanno rilasciato la nebbia che ha reso impossibile vedere il ponte dall'alto.

Riparazione della cittaModifica

Riparazione della fabbrica di automobiliModifica

I lavori di riparazione iniziarono durante il bombardamento e continuarono ad un ritmo crescente. Sono state coinvolte le brigate di costruzione e di montaggio di Mosca, Urali, Siberia e Asia centrale. Il numero totale di dipendenti ha raggiunto circa 35.000. Per il supporto della propaganda, il quotidiano Pravda ha iniziato a lavorare il 7 giugno nella fabbrica. In primo luogo, è stata riparata l'officina delle ruote, che ha richiesto quattro mesi. La data ufficiale per la riapertura della fabbrica automobilistica di Gor'kij era il 28 ottobre 1943. In quel giorno, un rapporto firmato da circa 27.000 lavoratori fu inviato a Iosif Stalin.

NoteModifica

  1. ^ (RU) Игорь Александрович Кирьянов, История города Горького, Волго-Вятское книжное изд-во, 1971. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  2. ^ (RU) Горьковчане в годы Великой Отече, su school-97.ucoz.ru. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  3. ^ (RU) Бомбардировки Горького, su video.volga-tv.ru.
  4. ^ (RU) Как нас бомбили | Централизованная библиотечная система Автозаводского района г. Нижнего Новгорода, su lib-avt.ru. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  5. ^ a b Zefirov, Michail V. e Baženov, N. N., Svastika nad Volgoj : Ljuftvaffe protiv stalinskoj PVO, Izdat. Ast, 2007, ISBN 5170419139, OCLC 237142630. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  6. ^ (RU) «Мы у станков стоим, как у орудий». Часть 1 | Централизованная библиотечная система Автозаводского района г. Нижнего Новгорода, su lib-avt.ru. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  7. ^ (RU) «Война и нас покрыла своим крылом» | Централизованная библиотечная система Автозаводского района г. Нижнего Новгорода, su lib-avt.ru. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  8. ^ (RU) Выпуск 3. Горький в 1943 г., su www.opentextnn.ru. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  9. ^ (RU) Нижегородский музей, «Сто дней и ночей...» (По материалам фондов музея истории ОАО «ГАЗ») (PDF), ISBN 9785971345251.
  10. ^ Баженов Николай, Дегтев Дмитрий, Зефиров Михаил, Свастика над Волгой. Люфтваффе против сталинской ПВО, su www.e-reading.club. URL consultato il 24 ottobre 2018.
  11. ^ (RU) Нижегородская Энциклопедия — Энциклопедия Нижнего Новгорода, su www.nnov.ec. URL consultato il 24 ottobre 2018.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica