Boom Clap

singolo di Charli XCX del 2014
Boom Clap
Boom Clap.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaCharli XCX
Tipo albumSingolo
Pubblicazione17 giugno 2014
Durata2:49
Album di provenienzaSucker
GenerePop
EtichettaAtlantic, Asylum
ProduttorePatrik Berger, Stefan Gräslund
FormatiCD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroNuova Zelanda Nuova Zelanda[1]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platinoAustralia Australia (2)[2]
(vendite: 140 000+)
Canada Canada (2)[3]
(vendite: 160 000+)
Italia Italia[4]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[5]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[6]
(vendite: 3 000 000+)
Svezia Svezia[7]
(vendite: 40 000+)
Charli XCX - cronologia
Singolo precedente
(2014)
Singolo successivo
(2014)
Logo
Logo del disco Boom Clap

Boom Clap è un singolo di Charli XCX, il primo estratto dal suo terzo album Sucker, pubblicato il 17 giugno 2014.[8]

Video musicaleModifica

Il video ufficiale del singolo, diretto dal regista Sing J. Lee, vede alternarsi scene dove Charli XCX canta il brano in diverse zone della città di Amsterdam ad altre estratte dal film Colpa delle stelle[9]. Le scene ad Amsterdam sono state girate il 2 giugno 2014[9].

TracceModifica

Testi e musiche di Charli XCX, Fredrik Berger, Patrik Berger e Stefan Gräslund.

Download digitale
  1. Boom Clap – 2:49
Download digitale - Remixes
  1. Boom Clap (Aeroplane Remix) – 5:14
  2. Boom Clap (ASTR Remix) – 3:19
  3. Boom Clap (Surkin Remix) – 3:40
  4. Boom Clap (Elk Road Remix) – 3:40
  5. Boom Clap (Cahill Remix) – 5:28
CD (Germania)
  1. Boom Clap – 2:50
  2. Boom Clap (Aeroplane Remix) – 5:15

ClassificheModifica

Classifiche di fine annoModifica

Classifica (2014) Posizione
Italia[16] 46

Uso nei mediaModifica

Il brano è stato inserito nella colonna sonora del film del 2014 agosto Colpa delle Stelle.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Official Top 40 Singles Chart - 08 September 2014, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 19 settembre 2014.
  2. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2015 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 12 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2020).
  3. ^ (EN) Boom Clap – Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 19 settembre 2014.
  4. ^ Boom Clap (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) Boom Clap, British Phonographic Industry. URL consultato il 20 novembre 2020.
  6. ^ (EN) Charli XCX - Boom Clap – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  7. ^ (SV) Charli XCX – Sverigetopplistan, Sverigetopplistan. URL consultato il 29 maggio 2021.
  8. ^ (EN) Top 40/M Future Releases, All Access. URL consultato il 18 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2014).
  9. ^ a b (EN) Charli XCX Travels To Amsterdam for 'Boom Clap' Video: Watch, Billboard, 2 giugno 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  10. ^ a b c d e f g h i j k l (NL) Charli XCX - Boom Clap, Ultratop. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  11. ^ (EN) Charli XCX - Chart history (Billboard Canadian Hot 100), Billboard. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  12. ^ (EN) DISCOGRAPHY - CHARLI XCX, su irish-charts.com. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  13. ^ (EN) Chiarli XCX, The Official Lebanese Top 20. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  14. ^ (EN) Boom Clap - Full Official Chart History, Official Charts Company. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  15. ^ (EN) Charli XCX - Chart history (Hot 100), Billboard. URL consultato il 2 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2019).
  16. ^ CLASSIFICHE ANNUALI 2014 "TOP OF THE MUSIC" FIMI-GfK: UN ANNO DI MUSICA ITALIANA, su fimi.it. URL consultato il 19 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2015).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica