Apri il menu principale

Borghetto (Valeggio sul Mincio)

frazione del comune italiano di Valeggio sul Mincio

Geografia fisicaModifica

Borghetto sorge nella valle del fiume Mincio, ai piedi del ponte visconteo.

Sorge a 1 km a ovest del centro di Valeggio, a breve distanza dal confine con la Lombardia (provincia di Mantova), e a circa 27 km a sud-ovest di Verona.

Nei pressi del centro abitato sorgeva la stazione della ferrovia Mantova-Peschiera. Parte della sede di questa linea è stata reimpiegata per la pista ciclabile che collega Mantova a Peschiera del Garda costeggiando il Mincio per lunghi tratti.

Origini del nomeModifica

Borghetto, la cui conformazione urbana risale al periodo longobardo, deve il suo nome alla lingua del popolo germanico che gettò le basi di un “insediamento fortificato” (questo il significato in longobardo)[2], il primo agglomerato sorto nei pressi del punto di guado del fiume Mincio[3].

StoriaModifica

Storia anticaModifica

Situato nel punto in cui fin dall'antichità (e poi in epoca longobarda) si trovava un guado sul Mincio nell'alto Medio Evo si configurava come un apprestamento minimale, feudo dell'abbazia di San Zeno, con funzione di esazione del pedaggio sul ponte ligneo[4].

Storia medievaleModifica

In epoca scaligera e poi viscontea è stato al centro delle vicende che hanno portato alla costruzione dei vari manufatti che lo circondano (il ponte visconteo, il castello scaligero, il Serraglio). A quest'epoca risale la sua trasformazione in borgo fortificato, con due porte di accesso e una cerchia poligonale di mura con torri circondata dalla fossa Seriola (che attinge acqua dal Mincio)[4].

Nel XVII secolo fu teatro del passaggio dei francesi nell'ambito della Guerra di successione spagnola.

Storia contemporaneaModifica

Il 30 maggio 1796 qui si svolse una battaglia in cui Napoleone sconfisse gli austriaci guidati da Beaulieu (l'area di Borghetto era presidiata da Schottendorf con 7 battaglioni e 15 squadroni); il 6 agosto dello stesso anno fu teatro di un cannoneggiamento francese da parte di Augerau e Serurier[5].

Nel XIX secolo Borghetto si trovò coinvolta in varia misura nelle guerre dell'epoca risorgimentale: il 9 aprile 1848 si ebbe uno scontro tra piemontesi (3ª divisione guidata da Broglia) e austriaci i quali si ritirarono guastando il ponte di legno; il 29 giugno 1859 vi sostò il III corpo francese di Niel; il 23 giugno 1866 si accampò la divisione Sirtori[5]

In seguito alla seconda guerra d'indipendenza Borghetto, trovandosi sulla destra del fiume Mincio, venne assegnata al Regno d'Italia, mentre il capoluogo comunale rimase al Regno Lombardo-Veneto; pertanto Borghetto divenne frazione di Volta[6].

Nel 1954 nelle vicinanze del ponte di legno sul Mincio sono state girate alcune scene del film Senso di Luchino Visconti.

Il borgo ha conosciuto a partire dagli anni novanta del XX secolo un'intensa opera di restauro che ha riqualificato le case a cavallo del Mincio le quali sono state trasformate in locali pubblici.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Oltre al ponte visconteo a Borghetto sono presenti i caratteristici edifici con mulini ad acqua, alcune ruote dei quali sono state rimesse in funzione, e la chiesa parrocchiale dedicata a san Marco Evangelista; l'edificio è affiancato dalla torre campanaria di epoca scaligera che contiene una campana risalente all'anno 1381 (una delle più antiche del veronese)[7].

CulturaModifica

EventiModifica

  • "Festa del Nodo d'Amore": si tiene nel terzo martedì di giugno, con una tavolata da Guinness dei primati sul ponte visconteo dove vengono serviti i Tortellini di Valeggio sul Mincio a più di 4.000 commensali.
Panoramica di Borghetto con il ponte visconteo alle spalle

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

A circa 10 km a nord di Borghetto si trova il casello di Peschiera sull'autostrada A4.

Altra importante arteria è la SS249 che passa per il centro di Valeggio e giunge verso il lago di Garda a nord e il mantovano a sud.

Piste ciclabiliModifica

Galleria d'immaginiModifica

 
Panorama di Borghetto sul Mincio dal ponte visconteo

NoteModifica

  1. ^ I Borghi più Belli d'Italia, su borghitalia.it. URL consultato il 22 gennaio 2012.
  2. ^ La storia, Comune di Valeggio sul Mincio. URL consultato il 10 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  3. ^ Borghetto, un antico villaggio di mulini sul Mincio, Borghi d’Italia. URL consultato il 10 luglio 2014.
  4. ^ a b Castelli Scaligeri, p. 110 ss.
  5. ^ a b Le battaglie nel veronese, p. 20 ss.
  6. ^ Legge 25 luglio 1861, n. 106, art. 1
  7. ^ Il ponte visconteo a Valeggio sul Mincio, contributo di C.Farinelli, p. 25.

BibliografiaModifica

  • Ezio Filippi (a cura di), Il ponte visconteo a Valeggio sul Mincio, Verona, Cierre Edizioni, 1994, ISBN non esistente.
  • Gianni Perbellini, Castelli Scaligeri, Venezia, Rusconi, 1982, ISBN non esistente.
  • Angelo Tragni, Le battaglie nel veronese, a cura di Giorgio Maria Cambiè, Verona, Editoriale Della Scala, 1999, ISBN 9788885099364.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Veneto