Apri il menu principale

Borhyaena

genere di animale della famiglia Borhyaenidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Borhyaena
Borhyaena tuberata.JPG
Cranio di Borhyaena tuberata
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Ordine Sparassodonta
Famiglia Borhyaenidae
Genere Borhyaena

La boriena (gen. Borhyaena) è un mammifero marsupiale estinto appartenente agli sparassodonti, fossile del Miocene inferiore (circa 18 - 16 milioni di anni fa) del Sudamerica.

Indice

DescrizioneModifica

La ricostruzione più nota di questo animale lo mostra come qualcosa di simile a un orso dalla coda lunga, di grandi dimensioni e dalla corporatura massiccia. In realtà, le stime del peso di Borhyaena (Argot 2003) indicano un animale di circa 19-29 kg, l'equivalente di una piccola iena o di un lupo, o di un grande tilacino. Tuttavia il robusto cranio, con le sue ampie arcate zigomatiche, indica una massa sproporzionatamente elevata di muscolatura del cranio e del collo; pertanto, le stime di massa per l'intero animale sulla base delle sole proporzioni del cranio (e assumendo proporzioni del corpo simili a quelli dei mammiferi carnivori esistenti) hanno dato a Borhyaena una massa di circa 74 kg (Van Valkenburgh 1985, 1987). La possente muscolatura del collo suggerisce una capacità di trasportare carichi pesanti.

Una mano parzialmente o completamente digitigrada, brevi artigli smussati, arti anteriori limitati a un movimento parasagittale e dotati di una ridotta muscolatura distale indicano che Borhyaena era un animale terricolo e corridore. Tuttavia, le sue membra non erano così allungate come quelle dei predatori corridori attuali. In precedenza descritto come plantigrado, ciò che è noto della morfologia della caviglia e degli arti anteriori dimostrerebbero che Borhyaena era più probabilmente digitigrado anche negli arti posteriori (Argot 2003).

 
Ricostruzione antiquata di Borhyaena tuberata

ClassificazioneModifica

Borhyaena venne descritto inizialmente nel 1887 da Florentino Ameghino, sulla base di resti fossili ritrovati in Patagonia in terreni del Miocene inferiore. La specie tipo, e anche la più conosciuta, è Borhyaena tuberata, rinvenuta in seguito anche in Cile (Marshall, 1990). Un'altra specie, B. macrodonta, venne descritta inizialmente nel 1902 da Ameghino in un genere a sé stante, Pseudoborhyaena, e solo in seguito venne attribuita al genere Borhyaena (Marshall, 1978).

Borhyaena è il genere eponimo della famiglia dei borienidi, un gruppo di mammiferi metateri (probabilmente marsupiali) che si svilupparono nel corso del Cenozoico in Sudamerica, quando il continente era rimasto isolato dal Nordamerica. Borhyaena, per le caratteristiche della dentatura, ricorda i creodonti, un gruppo di carnivori dei continenti settentrionali, con i quali tuttavia non è imparentato. Altri borienidi sono Nemolestes, Australohyaena, Fredszalaya ed Eutemnodus.

PaleoecologiaModifica

Borhyaena, benché fosse un animale digitigrado e probabilmente più veloce degli altri predatori del suo habitat, non doveva essere un eccellente corridore (a causa degli arti più brevi rispetto a quelli degli attuali mammiferi predatori corridori). Ciò, tuttavia, non doveva essere un problema: quasi tutte le potenziali prede di Borhyaena (che includevano xenartri, astrapoteri, notoungulati e grandi roditori) non erano corridori: nella fauna del Miocene inferiore patagonico, solo i litopterni proteroteridi e macrauchenidi possono essere considerati corridori (Argot 2004).

BibliografiaModifica

  • F. Ameghino. 1894. Enumeration Synoptique des especes de mammiferes fossiles des formations Eocenes de Patagonie. Boletin de la Academia Nacional de Ciencias en Cordoba (Republica Argentina) 13:259-452
  • Marshall, L. G. 1977. Cladistic analysis of borhyaneoid, dasyuroid, didelphoid, and thylacinid (Marsupialia: Mammalia) affinity. Systematic Zoology 26, 410-425.
  • Marshall, L. G. . 1978. Evolution of the Borhyaenidae, extinct South American predaceous marsupials. University of California Publications in Geological Sciences 117, 1-89.
  • Van Valkenburgh, B. 1985. Locomotor diversity within past and present guilds of large predatory mammals. Paleobiology 11, 406-428.
  • Van Valkenburgh, B. 1987. Skeletal indicators of locomotor behaviour in living and extinct carnivores. Journal of Vertebrate Paleontology 7, 162-182.
  • L. G. Marshall. 1990. Fossil Marsupialia from the type Friasian Land Mammal Age (Miocene), Alto Rio Cisnes, Aisen, Chile. Revista Geológica de Chile 17(1):19-55
  • Argot, C. 2003. Functional adaptations of the postcranial skeleton of two Miocene borhyaenoids (Mammalia, Metatheria), Borhyaena and Prothylacinus, from South America. Palaeontology 46, 1213-1267.
  • Argot, C. 2004. Evolution of South American mammalian predators (Borhyaenoidea): anatomical and palaeobiological implications. Zoological Journal of the Linnean Society 140, 487-521.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi