Borso d'Este

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nobile nato nel 1605, vedi Borso d'Este (1605-1657).
Borso d'Este
Borso d'Este.jpg
Borso d'Este in un ritratto di Baldassarre d'Este, Pinacoteca del Castello Sforzesco, Milano
Duca di Ferrara, Modena e Reggio
Stemma
In carica 18 maggio 1452 –
20 agosto 1471
Predecessore Se stesso come Marchese di Ferrara, Modena e Reggio
Successore Ercole I
Marchese di Ferrara, Modena e Reggio
In carica 1º ottobre 1450 –
18 maggio 1452
Predecessore Leonello
Successore Se stesso come Duca di Ferrara, Modena e Reggio
Altri titoli Conte di Rovigo
Nascita 1413
Morte 20 agosto 1471
Luogo di sepoltura Cimitero monumentale della Certosa di Ferrara
Dinastia Coat of arms of the House of Este (1239).svg Este
Padre Niccolò III d'Este
Madre Stella de' Tolomei
Religione Cattolicesimo

Borso d'Este (141320 agosto 1471) è stato un figlio illegittimo di Niccolò III d'Este e della sua favorita Stella de' Tolomei, nota anche con il nome di Stella dell'Assassino, ultimo marchese di Ferrara, e primo duca di Ferrara, Modena e Reggio.

Nel 1453 venne nominato conte di Rovigo dall'imperatore Federico III d'Asburgo[1]. Successe al fratello Leonello d'Este il 1º ottobre 1450 come signore di Ferrara.

BiografiaModifica

Duca di Modena e ReggioModifica

Borso il 18 maggio 1452 ricevette il titolo di duca di Modena e Reggio dall'imperatore Federico III d'Asburgo.

L'incontro avvenne durante un ricevimento in occasione del matrimonio tra Bartolomeo Pendaglia e Margherita Costabili che venne festeggiato in una delle più sontuose dimore patrizie estensi di quel periodo, Palazzo Pendaglia.

Politica e vita di corteModifica

La sua politica fu sempre incentrata sul tentativo di espandere lo stato estense e di nobilitare la famiglia d'Este. In questa ottica va vista la sua volontà di ottenere il titolo ducale per i suoi possedimenti. In politica estera fu molto vicino alla Repubblica di Venezia e avverso sia a Francesco Sforza che alla famiglia dei Medici per vecchie ruggini che consistevano nel tentativo di Filippo Maria Visconti, ultimo duca di Milano della famiglia Visconti di far succedere un estense nella città lombarda. Questi dissidi portarono alla vana battaglia della Riccardina che non ebbe né vincitori né vinti.

La corte di Borso fu il centro della Scuola ferrarese di pittura, cui appartennero Francesco del Cossa, Ercole de' Roberti, Cosmè Tura e Antonio Marescotti.

Nella tradizione successiva (come per esempio nell'Orlando furioso dell'Ariosto) Borso venne visto come sovrano magnanimo e illuminato, soprattutto per il fatto di aver consentito al ramo legittimo degli Este (rappresentato da Ercole I d'Este in quanto figlio di Niccolò III e della sua terza moglie Ricciarda di Saluzzo) di tornare al potere; in realtà Borso era piuttosto avaro per quanto riguarda la cultura: celebre è l'episodio in cui Francesco del Cossa, uno degli autori degli affreschi del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia chiese un compenso maggiore per le sue fatiche pittoriche, e sentendoselo negare da Borso se ne andò a Bologna a fondare la sua scuola pittorica. La fama di Borso come committente è legata alla famosa Bibbia, miniata da Taddeo Crivelli, una delle più alte opere di miniatura del Rinascimento italiano.

Ascesa al ducato di Ferrara e morteModifica

Il 14 aprile 1471 papa Paolo II lo nominò primo duca di Ferrara ma la morte lo colse pochi mesi dopo, il 20 agosto 1471.

DiscendenzaModifica

Borso d'Este non si sposò e non ebbe figli. Il successore fu il fratellastro Ercole I d'Este.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Obizzo III d'Este Aldobrandino II d'Este  
 
Alda Rangoni  
Alberto V d'Este  
Lippa Ariosti Jacopo Ariosti  
 
 
Niccolò III d'Este  
Alberto Albaresani  
 
 
Isotta Albaresani  
 
 
 
Borso d'Este  
 
 
 
Giovanni de' Tolomei  
 
 
 
Stella de' Tolomei  
 
 
 
 
 
 
 
 

NoteModifica

  1. ^ C.M.Goldoni, p.87.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN42628884 · ISNI (EN0000 0000 6634 6742 · LCCN (ENn94092560 · GND (DE118513753 · BNF (FRcb13557103g (data) · BAV (EN495/52378 · CERL cnp01369588 · NDL (ENJA00913534 · WorldCat Identities (ENlccn-n94092560