Botic van de Zandschulp

tennista olandese

Botic van de Zandschulp (Veenendaal, 4 ottobre 1995) è un tennista olandese.

Botic van de Zandschulp
Botic van de Zandschulp all'Open di Francia 2021
Nazionalità Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 191 cm
Peso 85 kg
Tennis
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 70-58 (54.69%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 22° (29 agosto 2022)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 3T (2022)
Bandiera della Francia Roland Garros 3T (2022)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 4T (2022)
Bandiera degli Stati Uniti US Open QF (2021)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 21-23 (47.73%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 60° (22 maggio 2023)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 2T (2022)
Bandiera della Francia Roland Garros 1T (2022)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 1T (2022)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 1T (2023)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate all'11 settembre 2023

Destrimane e interprete del rovescio a due mani, ha vinto un torneo del circuito maggiore in doppio. Nei tornei del Grande Slam vanta come miglior risultato i quarti di finale raggiunti in singolare agli US Open 2021, mentre negli altri tornei del circuito maggiore ha disputato in singolare una finale all'Open di Monaco di Baviera 2022. I suoi migliori ranking ATP sono stati il 22º posto in singolare nell'agosto 2022 e il 60° in doppio nel maggio 2023.

Carriera modifica

2011-2016, inizi da professionista e primi titoli ITF modifica

Nel 2011 fa la sua prima apparizione tra i professionisti in un torneo ITF olandese e la seconda avviene tre anni dopo; in quel periodo gioca nei tornei ITF juniores senza ottenere risultati di rilievo.[1] Comincia a giocare con continuità tra i professionisti nel 2016 e ad agosto alza il primo trofeo vincendo la finale di doppio al torneo ITF Futures Belgium F8. Quello stesso mese vince i primi tornei ITF in singolare al Netherlands F6 e al Netherlands F7. A settembre entra per la prima volta nel tabellone principale di un torneo Challenger e viene eliminato al primo turno. Prima di fine anno vince un altro torneo ITF in singolare e uno in doppio.

2017-2020, primi tornei Challenger e top 200 del ranking modifica

Nel 2017 non vince alcun torneo in singolare e perde le tre finali ITF disputate. A febbraio fa la sua prima esperienza nel circuito maggiore alle qualificazioni del Rotterdam Open, supera al primo turno Andrey Rublev e viene eliminato da Pierre-Hugues Herbert. A luglio vince i primi incontri in singolare nel circuito Challenger. Quell'anno conquista sei titoli ITF in doppio e ad agosto si aggiudica il primo titolo Challenger al torneo di Alphen aan den Rijn in coppia con Boy Westerhof. Nel 2018 perde le due finali ITF giocate in singolare e vince quattro tornei ITF in doppio.

Torna a imporsi in un torneo ITF in singolare nel gennaio 2019, nel corso della stagione ne vince altri due in singolare e quattro in doppio e a settembre abbandona i tornei ITF dopo averne vinti 6 in singolare e 16 in doppio. Il mese successivo vince ad Amburgo il primo torneo Challenger in singolare in carriera sconfiggendo in finale Bernabé Zapata Miralles con il punteggio di 6–3, 5–7, 6–1, la settimana dopo entra per la prima volta nella top 200 del ranking di singolare. A novembre viene chiamato a esordire nella squadra olandese di Coppa Davis in occasione della sfida persa 2-1 con il Kazakistan, e viene sconfitto in due set da Mikhail Kukushkin.[2]

Nel 2020 è impegnato soprattutto nei Challenger e perde le due finali raggiunte in singolare a Coblenza e a Ismaning. Gioca inoltre per la prima volta nelle qualificazioni di tornei del Grande Slam agli Australian Open, dove perde all'esordio, e al Roland Garros, dove supera Paolo Lorenzi e viene eliminato al secondo turno da Liam Broady. A novembre porta il best ranking alla 152ª posizione e chiude la stagione alla 156ª. I migliori risultati in doppio nel 2020 sono due semifinali raggiunte nei tornei Challenger.

2021, esordio nel circuito maggiore, quarti di finale agli US Open e top 100 modifica

L'esordio stagionale nel 2021 avviene a febbraio e coincide con l'esordio nel circuito maggiore, grazie alla buona classifica viene ammesso al tabellone principale dell'ATP 250 di Melbourne e vince il suo primo incontro di categoria battendo la wild-card locale Tristan Schoolkate, elimina quindi Kamil Majchrzak e il nº 40 del ranking Reilly Opelka ed esce di scena nei quarti di finale per mano di Karen Khachanov. Supera per la prima volta le qualificazioni in un torneo del Grande Slam agli Australian Open e viene sconfitto al primo turno da Carlos Alcaraz. Torna a mettersi in evidenza al Roland Garros, dove supera le qualificazioni, al primo turno sconfigge al quinto set il nº 20 del mondo Hubert Hurkacz e viene quindi eliminato da Alejandro Davidovich Fokina. Esce al secondo turno anche a Wimbledon, sconfitto dal nº 9 del mondo Matteo Berrettini che raggiungerà la finale. Nel periodo successivo raggiunge una finale e tre semifinali nei tornei Challenger.

Raggiunge i quarti di finale agli US Open partendo dalle qualificazioni, terzo giocatore a riuscirci nella storia del torneo.[3] Dopo aver eliminato in cinque set Carlos Taberner, al secondo turno supera al quarto set il nº 11 del mondo Casper Ruud e ha quindi la meglio su Facundo Bagnis. Accede ai quarti battendo al quinto set il nº 14 ATP Diego Schwartzman e viene eliminato dal nº 2 del mondo Daniil Medvedev, che si impone al quarto set e vincerà il titolo. A fine torneo van de Zandschulp guadagna 55 posizioni nel ranking e raggiunge la 62ª, nuovo best ranking ed esordio nella top 100. Subito dopo vince il suo primo incontro in Coppa Davis sconfiggendo Francisco Llanes nella sfida vinta 4-0 con l'Uruguay. A ottobre disputa a San Pietroburgo la sua prima semifinale ATP, elimina tra gli altri Sebastian Korda e il nº 6 del mondo Andrey Rublev, primo top 10 battuto in carriera, e viene sconfitto da Marin Cilic. All'ultimo impegno stagionale, viene eliminato nei quarti di finale a Stoccolma da Felix Auger-Aliassime, mentre in coppia con Emil Ruusuvuori raggiunge la semifinale nel torneo di doppio. Chiude il 2021 con il nuovo best ranking al 57º posto mondiale.

2022, prima finale ATP e top 30 in singolare, primo titolo ATP in doppio modifica

Eliminato nei quarti di finale all'esordio stagionale all'ATP 250 di Melbourne, subisce un'altra sconfitta contro Medvedev al terzo turno degli Australian Open. Non supera il secondo turno a Rotterdam e a Doha, torneo nel quale si spinge fino in semifinale in doppio assieme a Mackenzie McDonald. A Indian Wells vince il suo primo incontro in un Masters 1000 battendo Tennys Sandgren, al secondo turno si prende la rivincita sul nº 9 del mondo Auger-Aliassime e viene quindi sconfitto da Miomir Kecmanovic. Inizia la stagione sulla terra battuta raggiungendo i quarti di finale a Marrakech. Il 1º maggio disputa la sua prima finale ATP a Monaco di Baviera, elimina tra gli altri il nº 7 del mondo Casper Ruud e in semifinale Kecmanovic, ed è costretto al ritiro durante il match con Holger Rune. Esce al secondo turno sia a Madrid – dove batte Pablo Carreño Busta e perde da David Goffin – che a Roma, dove supera Korda e cede al terzo set a Ruud. Al terzo turno del Roland Garros raccoglie solo nove giochi contro Rafael Nadal. Raggiunge al Queen's la sua prima semifinale ATP sull'erba, elimina tra gli altri Grigor Dimitrov e viene sconfitto da Matteo Berrettini. A Wimbledon raggiunge il quarto turno e viene eliminato in tre set da Nadal, a fine torneo porta il best ranking alla 24ª posizione.

Inizia la trasferta americana con la sconfitta contro Frances Tiafoe al terzo turno a Washington. Viene eliminato al secondo turno nei Masters di Montréal e Cincinnati rispettivamente da Cameron Norrie e Daniil Medvedev. Raggiunge la semifinale a Winston-Salem con i successi sui top 60 Tallon Griekspoor, Jaume Munar e Benjamin Bonzi, e raccoglie solo 4 giochi contro Adrian Mannarino; a fine torneo porta il best ranking alla 22ª posizione. Retrocede subito alla 35ª con l'eliminazione al secondo turno degli US Open per mano di Corentin Moutet. Vince i tre incontri disputati nella fase a gruppi delle finali di Coppa Davis battendo Alexander Bublik, il nº 9 del mondo Cameron Norrie e il nº 12 Taylor Fritz, portando nei quarti di finale i Paesi Bassi. Non supera il secondo turno nei tornei di Nur-Sultan e Tel Aviv. A ottobre vince il primo titolo ATP in carriera nel torneo di doppio ad Anversa, dove gioca con Tallon Griekspoor e sconfiggono in finale Rohan Bopanna / Matwe Middelkoop in tre set. Viene eliminato in semifinale al torneo di doppio a Basilea assieme a Maxime Cressy e porta il best ranking di doppio al 111º posto. Perde il singolare nei quarti di Coppa Davis contro Alex de Minaur e l'Australia elimina i Paesi Bassi.

2023, finale in doppio al Masters di Roma modifica

Apre la stagione perdendo la semifinale a Pune contro Benjamin Bonzi. Non va oltre il secondo turno agli Australian Open e nei due tornei successivi, mentre viene sconfitto in finale insieme a Constant Lestienne da Rohan Bopanna / Matthew Ebden al torneo di doppio a Doha. Esce nei quarti a Dubai dopo aver eliminato al primo turno il n° 14 ATP Karen Khachanov. Al terzo turno del Miami Open vince in rimonta contro il nº 4 del mondo Casper Ruud ed esce al turno successivo per mano di Emil Ruusuvuori. Elimina il nº 10 del mondo in semifinale a Monaco di Baviera e perde la finale al tie break del set decisivo contro Holger Rune. Esce al turno di esordio a Madrid, a Roma e all'Open di Francia. Nel torneo di doppio a Roma disputa con Robin Haase la sua prima finale in un Masters 1000, eliminano tra gli altri i numeri 1 del mondo Wesley Koolhof / Neal Skupski e cedono in due set contro Jan Zielinski / Hugo Nys; a fine torneo sale alla 60ª posizione mondiale.

Nel periodo successivo non ottiene risultati significativi e a settembre scende alla 68ª posizione in singolare, la peggiore da ottobre 2021.

Statistiche modifica

Singolare modifica

Finali perse (2) modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (2)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 1º maggio 2022   Internazionali di Tennis di Baviera, Monaco di Baviera Terra rossa   Holger Rune 4–3 rit.
2. 23 aprile 2023   Internazionali di Tennis di Baviera, Monaco di Baviera (2) Terra rossa   Holger Rune 4–6, 6–1, 6(3)–7

Doppio modifica

Vittorie (1) modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 23 ottobre 2022   European Open, Anversa Cemento (i)   Tallon Griekspoor   Rohan Bopanna
  Matwé Middelkoop
3–6, 6–3, [10–5]

Finali perse (2) modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (1)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 24 febbraio 2023   Qatar Open, Doha Cemento   Constant Lestienne   Rohan Bopanna
  Matthew Ebden
7–6(5), 4–6, [6–10]
2. 21 maggio 2023   Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa   Robin Haase   Hugo Nys
  Jan Zieliński
5–7, 1–6

Tornei minori modifica

Singolare modifica

Vittorie (7) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
Futures (6)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 28 agosto 2016   Netherlands F6, Rotterdam Terra rossa   Boy Westerhof 6–2, 6–4
2. 4 settembre 2016   Netherlands F7, Schoonhoven Terra rossa   Jesse Huta Galung walkover
3. 13 novembre 2016   Estonia F4, Pärnu Cemento (i)   Vladimir Ivanov 6–2, 6–4
4. 27 gennaio 2019   M25 Nussloch, Nußloch Sintetico (i)   Peter Heller 6–2, 6–2
5. 7 aprile 2019   M25 Bolton, Bolton Cemento (i)   Igor Sijsling 7–6(2), 6(6)–7, 7–5
6. 12 maggio 2019   M25 Prijedor, Prijedor Terra rossa   Vlad Andrei Dancu 6–4, 6–4
7. 27 ottobre 2019   Tennis Challenger Hamburg, Amburgo Cemento (i)   Bernabé Zapata Miralles 6–3, 5–7, 6–1
Finali perse (12) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (3)
Futures (9)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 27 novembre 2016   Czech Republic F10, Milovice Cemento (i)   Marek Jaloviec 4–6, 1–6
2. 5 marzo 2017   France F4, Lilla Cemento (i)   Mikael Ymer 2–6, 3–6
3. 9 luglio 2017   Netherlands F3, Middelburg Terra rossa   Thiemo de Bakker 3–6, 4–6
4. 9 luglio 2017   Netherlands F5, Oldenzaal Terra rossa   Scott Griekspoor 4–6, 1–6
5. 11 marzo 2018   France F4, Tolosa Cemento (i)   Igor Sijsling 3–6, ritirato
6. 1º luglio 2018   Netherlands F1, Alkmaar Terra rossa   Clement Geens 6–3, 6(2)–7, 1–6
7. 10 febbraio 2019   M15 Kaarst, Kaarst Sintetico (i)   Igor Sijsling 1–6, 4–6
8. 19 maggio 2019   M25 Doboj, Doboj Terra rossa   Christopher O'Connell 4–6, 6(1)–7
9. 29 settembre 2019   M25 Stockholm, Stoccolma Cemento (i)   Kacper Żuk 6–4, 4–6, 3–6
10. 23 febbraio 2020   Koblenz Open, Coblenza Cemento (i)   Tomáš Macháč 3–6, 6–4, 3–6
11. 25 ottobre 2020   Ismaning Challenger, Ismaning Sintetico (i)   Marc-Andrea Hüsler 7–6(3), 6(2)–7, 5–7
12. 18 luglio 2021   Dutch Open, Amersfoort Terra rossa   Tallon Griekspoor 1–6, 6–3, 1–6

Doppio modifica

Vittorie (17) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
Futures (16)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 10 settembre 2017   TEAN International, Alphen Terra rossa   Boy Westerhof   Alexander Lazov
  Volodymyr Uzhylovsky
7–6(6), 7–5

Risultati in progressione modifica

Legenda
 V   F  SF QF #T RR Q#  A  Z# PO  O   F-A  SF-B ND

(V) Torneo vinto; raggiunto (F) finale, (SF) semifinale, (QF) quarti di finale, (#T) turni 4, 3, 2, 1; (RR) round - robin; (Q#) Turno di qualificazione; (A) assente dal torneo; (Z#) Zona gruppo Coppa Davis/Fed Cup (con indicazione numero); (PO) play-off Coppa Davis o Fed Cup; vinto un (O) oro, (F-A) argento o (SF-B) bronzo ai Giochi Olimpici; (ND) torneo non disputato.


Singolare modifica

Aggiornato al 20 maggio 2022.

Tornei 2019 2020 2021 2022 2023 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open A Q1 1T 3T 2T 3–3
  Open di Francia A Q2 2T 3T 1T 3–3
  Wimbledon A ND 2T 4T 2T 5–3
  US Open A A QF 2T 2T 6–3
Vittorie-Sconfitte 0-0 0-0 6-4 8-4 3-4 17–12
Rappresentative nazionali
  Giochi Olimpici Non disputati A Non disputati 0–0
  Coppa Davis RR A PO QF 5–2
ATP Cup ND A A A ND 0–0
Vittorie-Sconfitte 0-1 0-0 1-0 4-1 5–2
ATP Tour Masters 1000
  Indian Wells A ND 1T 3T 2T 2–3
  Miami A ND A 1T 4T 2–2
  Monte Carlo A ND A 1T 2T 1-2
  Madrid A ND A 2T 2T 1–2
  Roma A A A 2T 2T 1–2
  Montréal/Toronto A ND A 2T A 1–1
  Cincinnati A A A 2T A 1–1
  Shanghai A Non disputato 0–0
  Parigi A A A 1T 0–1
Vittorie-Sconfitte 0-0 0-0 0-1 6-8 3-5 9-14
Statistiche Carriera
2019 2020 2021 2022 2023 Totale
Tornei giocati 0 0 10 28 38
Titoli 0 0 0 0 0 0
Finali 0 0 0 1 1 2
Totale V-S 0-1 0–0 16–10 38–29 54–40
Ranking fine anno 198 156 57 35

Vittorie contro giocatori top 10 modifica

Anno 2021 2022 2023 Totale
Vittorie 1 3 2 6
# Giocatore Rank Evento Superficie Turno Punteggio
2021
1.   Andrej Rublëv 6   St. Petersburg Open, San Pietroburgo Cemento (i) QF 6–3, 6–4
2022
2.   Félix Auger-Aliassime 9   Indian Wells Masters, Indian Wells Cemento 2T 7–6(4), 6(4)–7, 6–3
3.   Casper Ruud 7   BMW Open, Monaco di Baviera Terra rossa QF 7–5, 6–1
4.   Cameron Norrie 8   Coppa Davis, Glasgow Cemento (i) RR 6–4, 6–2
2023
5.   Casper Ruud 4   Miami Open, Miami Cemento 3T 3–6, 6–4, 6–4
6.   Taylor Fritz 10   BMW Open, Monaco di Baviera Terra rossa SF 6–4, 7–6(2)

Note modifica

  1. ^ (EN) Botic Van De Zandschulp Juniors Singles Overview, su itftennis.com. URL consultato il 16 gennaio 2024.
  2. ^ (EN) Botic Van De Zandschulp, su daviscup.com. URL consultato il 16 gennaio 2024.
  3. ^ (EN) By the Numbers: Botic van de Zandschulp’s big breakthrough at the 2021 US Open, su usopen.org. URL consultato il 16 gennaio 2024.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica