Brandeburgo sulla Havel

città della Germania

Brandeburgo sulla Havel (in tedesco Brandenburg an der Havel, in basso tedesco Brannenborg an de Havel) è una città extracircondariale (targa BRB) tedesca di 73 609 abitanti.

Brandeburgo sulla Havel
Città extracircondariale
(DE) Brandenburg an der Havel
Brandeburgo sulla Havel – Stemma
Brandeburgo sulla Havel – Bandiera
Brandeburgo sulla Havel – Veduta
Brandeburgo sulla Havel – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera della Germania Germania
Land Brandeburgo
DistrettoNon presente
CircondarioNon presente
Territorio
Coordinate52°24′50.9″N 12°33′14.7″E / 52.414139°N 12.554083°E52.414139; 12.554083
Altitudine32 m s.l.m.
Superficie229,72 km²
Abitanti73 609[1] (31-12-2022)
Densità320,43 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale14770, 14772, 14774 e 14776
Prefisso03381
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis12 0 51 000
TargaBRB
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Brandeburgo sulla Havel
Brandeburgo sulla Havel
Brandeburgo sulla Havel – Mappa
Brandeburgo sulla Havel – Mappa
Localizzazione della città di Brandeburgo sulla Havel nel Land del Brandeburgo
Sito istituzionale

Nel medioevo diede il nome alla regione circostante, detta Marca di Brandeburgo, e successivamente al Land del Brandeburgo, a cui appartiene (ma è non la capitale).

Anche la notissima Porta di Brandeburgo, a Berlino, prende nome dalla città.

Geografia fisica modifica

Brandeburgo sulla Havel si trova nel Brandeburgo occidentale, a circa 70 km ad ovest di Berlino. La città sorge lungo le sponde del fiume Havel che, proprio quando raggiunge il centro cittadino, si divide in diversi rami formando così alcune isole. Brandeburgo è l'approdo più importante che s'incontra percorrendo il fiume da Potsdam e Havelberg, dove l'Havel sfocia nell'Elba.

Storia modifica

 
Orlando posto all'ingresso del municipio

Il castello di Brandeburgo era in origine una fortezza di una tribù slava e fu conquistato nel 929 dal re Enrico l'Uccellatore a seguito della battaglia di Lenzen.

La città rimase tedesca fino al 983, quando vi fu una ribellione da parte degli abitanti slavi che spazzò via la marca del Nord; per i successivi 170 anni rimase sotto il controllo della tribù slava degli Evelli.

L'ultimo principe slavo, Pribislaw, morì nel 1150 e lasciò le sue terre in eredità al principe tedesco Alberto l'Orso, che fondò la marca del Brandeburgo. La città rimase per secoli divisa in tre differenti zone, ovvero tre isole, divise dalla Havel: la Città vecchia, Città nuova e il Distretto delle cattedrali. Iniziò un periodo di fioritura dei commerci e delle manifatture, nel 1314 entrò nella Lega anseatica, che terminò dopo la Guerra dei Trent'anni, Brandeburgo venne infatti distrutta e per di più la corte lasciò la città per Potsdam, che divenne la nuova capitale della Marca, e rimana la capitale del stato moderno. Nel XIX secolo la città divenne un importante centro industriale dell'Impero tedesco, ma venne pressoché rasa al suolo durante la seconda guerra mondiale. In un sobborgo di Brandeburgo i Nazisti crearono una prigione dove venivano rinchiusi persone con disturbi mentali, che venivano successivamente eliminate. Lì è morto martire anche beato Franz Jägerstätter, che a causa della sua profonda fede cattolica ha rifiutato di combattere per la Germania nazista e giurare la fedeltà a Hitler. Dopo la caduta del Muro di Berlino, la popolazione, in particolar modo quella giovanile, è emigrata dalla città, il cui futuro rimane incerto.

Il 20 settembre 1993 vennero annessi alla città il soppresso comune di Klein Kreutz e la località Mahlenzien del comune di Viesen.[2] Il 24 marzo 2003 seguirono i comuni di Gollwitz e Wust.[3]

Società modifica

Evoluzione demografica modifica

Abitanti[4]

Economia modifica

Architetture modifica

 
Il Duomo di Brandeburgo

Il centro storico della città è la cosiddetta Dominsel (Isola della cattedrale), qui vi sono i monumenti più importanti.

Duomo modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Duomo di Brandeburgo.

Su tutti il Dom St. Peter und Paul (Cattedrale di San Pietro e San Paolo), un imponente basilica romanica in mattoni. Altra chiesa di notevole importanza è la Katharinenkirche (Chiesa di Santa Caterina), in stile Gotico baltico, edificata alla fine del 1300, venne nel corso del tempo ampliata e nel 1585 venne aggiunta la torre campanaria.

Municipio modifica

 
L'Altstädtische Rathaus

Davanti all'Altstädtische Rathaus, il vecchio municipio, un edificio in stile tardo-gotico, vi è una statua in pietra, datata 1474, del paladino Orlando alta 5,35 metri. Delle antiche mura medioevali rimangono alcuni resti e quattro torri, la Steintorturm, la Mühlentorturm, la Rathenower Torturm e la Plauer Torturm.

Cultura modifica

Geografia antropica modifica

Suddivisioni amministrative modifica

Appartengono alla città di Brandeburgo sulla Havel le frazioni (Ortsteil) di Göttin, Gollwitz, Kirchmöser, Klein Kreutz/Saaringen, Mahlenzien, Plaue, Schmerzke e Wust.[5]

Amministrazione modifica

Gemellaggi modifica

Brandeburgo è gemellata con:

Galleria d'immagini modifica

Note modifica

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN128479115 · SBN BVEL000477 · LCCN (ENn50026356 · GND (DE4007956-9 · J9U (ENHE987007554824805171
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Germania