Apri il menu principale

Bruno Conti

dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Bruno Conti" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Bruno Conti (disambigua).
Bruno Conti
Bruno Conti - AS Roma 1979-80.jpg
Conti alla Roma nella stagione 1979-1980
Nazionalità Italia Italia
Altezza 169 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex ala)
Ritirato 1991 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? non conosciuta N.A.G.C. Nettuno
1972-1973 Anzio
1973-1974 Roma
Squadre di club1
1973-1975 Roma 4 (0)
1975-1976 Genoa 36 (3)
1976-1978 Roma 46 (4)
1978-1979 Genoa 32 (1)
1979-1991 Roma 254 (33)
Nazionale
1980-1986 Italia Italia 47 (5)
Carriera da allenatore
1991-1992 Roma Esordienti
1992-1993 Roma Giovanissimi
2005 Roma Interim
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Spagna 1982
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Bruno Conti (Nettuno, 13 marzo 1955) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, dirigente del settore giovanile della Roma.

Campione del mondo con la Nazionale italiana nel 1982, ha legato il suo nome a quello della Roma, con la quale ha vinto lo scudetto nel 1982-1983. Terminata la carriera calcistica, ha intrapreso la carriera dirigenziale entrando nei quadri della società giallorossa, della quale ha ricoperto per alcuni mesi anche il ruolo di allenatore.

BiografiaModifica

 
Conti e il figlio Daniele nel 1991

Prima di fare il calciatore a livello professionistico, fu anche un giocatore di baseball, del quale, in gioventù fu considerato una delle promesse più fulgide. Particolare non trascurabile, dato che è nativo di Nettuno, definita la "città del baseball" in quanto sede del club più titolato in Italia. Con la formazione nettunese ha anche fatto un'apparizione nella massima serie, nell'annata 1969.[1]

Ha due figli anch'essi calciatori professionisti, Daniele ed Andrea.

A lui è stato simpaticamente dedicato un libro, che poi è anche la sua prima biografia, dal titolo Essere Bruno Conti, scritta da Gabriella Greison. Nel 2011 ha inoltre scritto la prefazione del libro di Giuseppe Carlotti Unico Grande Amore. Storie di romanisti in trasferta.

Caratteristiche tecnicheModifica

Conti era un giocatore tecnicamente dotato, abile nel saltare l'uomo e servire assist ai compagni di squadra.[2] Molto rapido, giocava nel ruolo di ala destra,[2] pur essendo mancino.[3][4]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

 
Conti in azione col Genoa nella stagione 1978-1979

Con la Roma disputò quasi tutta la sua carriera (eccetto due campionati con il Genoa in Serie B), tra il 1973 e il 1991. La sua maglia era la n. 7. Difese i colori giallorossi per sedici campionati, segnando 35 reti. Insieme a Falcao, Agostino Di Bartolomei, Carlo Ancelotti e Roberto Pruzzo, ha fatto parte del nucleo storico della squadra che nel 1982-1983 conquistò lo scudetto e nel 1983-1984 raggiunse la finale di Coppa dei Campioni; in quest'ultima partita disputata proprio allo stadio Olimpico il 30 maggio 1984, e decisa ai tiri di rigore a favore degli inglesi del Liverpool, Conti sbagliò il secondo tiro dal dischetto.

Sempre con la casacca giallorossa ha vinto cinque Coppe Italia (1979-1980, 1980-1981, 1983-1984, 1985-1986, 1990-1991).

Nella sua ultima stagione, 1990-1991, giocò una sola sfida, l'andata degli ottavi di finale della Coppa UEFA 1990-1991, il 28 novembre 1990, in cui entrò in campo all'80'; nel resto dell'annata non giocò più alcun incontro, ritirandosi al termine della stessa.[5] Alla sua partita di addio all'Olimpico, il 23 maggio 1991, ci furono oltre 80 000 paganti, più di quelli della finale di Coppa UEFA disputatasi nello stesso impianto, il giorno prima, tra Roma e Inter.

 
Conti in azione in maglia giallorossa nel 1986-1987

Da tutti i tifosi giallorossi è ricordato come Sindaco de Roma.[6]

Il 20 settembre 2012 è stato tra i primi 11 giocatori ad essere inserito nella hall of fame ufficiale della Roma.[7]

NazionaleModifica

Esordì nella Nazionale azzurra di Enzo Bearzot nel 1980 e vi giocò per 47 volte, segnando 5 reti. È considerato il "figlioccio" di Franco Causio, in quanto in Nazionale ha raccolto la pesante eredità del Barone, titolare negli azzurri per ben nove anni.

Campione del mondo a Spagna 1982, risultò decisivo nella vittoria azzurra, tanto che risultò essere uno dei migliori giocatori della manifestazione, guadagnandosi inoltre il soprannome di "MaraZico", da Maradona e Zico, i quali in quel mondiale erano i due giocatori più popolari. Segnò anche un gol, nel girone di qualificazione contro il Perù, con un tiro da fuori area di destro, malgrado fosse mancino. Nella finale contro la Germania Ovest, dopo la sua ammonizione per un fallo su Karlheinz Förster al 25', subì il fallo del rigore poi fallito da Antonio Cabrini, partecipò all'azione del momentaneo 2-0 di Marco Tardelli e creò le condizioni per la terza rete azzurra recuperando palla sulla linea di centrocampo e lanciando Alessandro Altobelli verso la rete. In virtù di queste prestazioni Pelé lo definì il miglior giocatore del mondiale.[8]

Allenatore e dirigenteModifica

Si è ritirato dal mondo del calcio professionistico nel 1991. Nell'immediato è nominato allenatore delle squadre giovanili della Roma, cui segue nel 1994 il ruolo di responsabile del settore giovanile della stessa. Dal 14 marzo al 30 giugno 2005, dopo le dimissioni del tecnico Luigi Delneri ha guidato ad interim la prima squadra giallorossa, portandola in finale di Coppa Italia e garantendole l'accesso alla Coppa UEFA. Al termine della stagione sportiva 2004-2005, torna nei ranghi dirigenziali del club capitolino in qualità di responsabile dell'area tecnica della prima squadra e del settore giovanile, concentrandosi in seguito totalmente su quest'ultimo incarico che ricopre fino all'aprile del 2016, quando gli subentra Massimo Tarantino; contestualmente gli viene affidato il ruolo di ambasciatore del club giallorosso.[9]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1973-1974   Roma A 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
1974-1975 A 3 0 CI 3 0 - - - - - - 6 0
1975-1976   Genoa B 36 3 CI 6 0 - - - - - - 42 3
1976-1977   Roma A 29 2 CI 0 0 - - - - - - 29 2
1977-1978 A 17 2 CI 4 0 - - - - - - 21 2
1978-1979   Genoa B 32 1 CI 4 1 - - - - - - 36 2
Totale Genoa 68 4 10 1 - - - - 78 5
1979-1980   Roma A 28 3 CI 9 1 - - - - - - 37 4
1980-1981 A 27 5 CI 6 0 CdC 4 0 TdC 0 0 37 5
1981-1982 A 26 8 CI 1 0 CdC 2 0 - - - 29 8
1982-1983 A 26 3 CI 7 0 CU 6 0 - - - 39 3
1983-1984 A 27 7 CI 7 2 CC 9 1 - - - 43 10
1984-1985 A 22 1 CI 1 0 CdC 5 0 - - - 28 1
1985-1986 A 24 2 CI 7 0 - - - - - - 31 2
1986-1987 A 23 1 CI 5 1 CdC 0 0 - - - 28 2
1987-1988 A 16 0 CI 6 0 - - - - - - 22 0
1988-1989 A 14 1 CI 7 3 CU 6 2 - - - 27 6
1989-1990 A 21 2 CI 1 0 - - - - - - 22 2
1990-1991 A 0 0 CI 0 0 CU 1 0 - - - 1 0
Totale Roma 304 37 64 7 34 3 0 0 402 47
Totale carriera 372 41 74 8 34 3 0 0 480 52

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
11-10-1980 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 1982 -   66’
1-11-1980 Roma Italia   2 – 0   Danimarca Qual. Mondiali 1982 -
15-11-1980 Torino Italia   2 – 0   Jugoslavia Qual. Mondiali 1982 1
6-12-1980 Atene Grecia   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 1982 -
3-1-1981 Montevideo Uruguay   2 – 0   Italia Mundialito -
6-1-1981 Montevideo Paesi Bassi   1 – 1   Italia Mundialito -
25-2-1981 Roma Italia   0 – 3   Europa Amichevole -
3-6-1981 Copenaghen Danimarca   3 – 1   Italia Qual. Mondiali 1982 -
23-9-1981 Bologna Italia   3 – 2   Bulgaria Amichevole -
17-10-1981 Belgrado Jugoslavia   1 – 1   Italia Qual. Mondiali 1982 -
14-11-1981 Torino Italia   1 – 1   Grecia Qual. Mondiali 1982 1
23-2-1982 Parigi Francia   2 – 0   Italia Amichevole -
14-4-1982 Lipsia Germania Est   1 – 0   Italia Amichevole -
14-6-1982 Vigo Italia   0 – 0   Polonia Mondiali 1982 - 1º turno -
18-6-1982 Vigo Italia   1 – 1   Perù Mondiali 1982 - 1º turno 1
23-6-1982 Vigo Italia   1 – 1   Camerun Mondiali 1982 - 1º turno -
29-6-1982 Barcellona Italia   2 – 1   Argentina Mondiali 1982 - 2º turno -
5-7-1982 Barcellona Italia   3 – 2   Brasile Mondiali 1982 - 2º turno -
8-7-1982 Barcellona Italia   2 – 0   Polonia Mondiali 1982 - Semifinale -
11-7-1982 Madrid Italia   3 – 1   Germania Ovest Mondiali 1982 - Finale - 3º titolo mondiale
27-10-1982 Roma Italia   0 – 1   Svizzera Amichevole -
13-11-1982 Milano Italia   2 – 2   Cecoslovacchia Qual. Euro 1984 -
4-12-1982 Firenze Italia   0 – 0   Romania Qual. Euro 1984 -
16-4-1983 Bucarest Romania   1 – 0   Italia Qual. Euro 1984 -
29-5-1983 Göteborg Svezia   2 – 0   Italia Qual. Euro 1984 -
5-10-1983 Bari Italia   3 – 0   Grecia Amichevole -
15-10-1983 Napoli Italia   0 – 3   Svezia Qual. Euro 1984 -
22-12-1983 Perugia Italia   3 – 1   Cipro Qual. Euro 1984 -
4-2-1984 Roma Italia   5 – 0   Messico Amichevole 1
3-3-1984 Istanbul Turchia   1 – 2   Italia Amichevole -
7-4-1984 Verona Italia   1 – 1   Cecoslovacchia Amichevole -
22-5-1984 Zurigo Germania Ovest   1 – 0   Italia Amichevole -
26-9-1984 Milano Italia   1 – 0   Svezia Amichevole -
3-11-1984 Losanna Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -
8-12-1984 Pescara Italia   2 – 0   Polonia Amichevole -
5-2-1985 Dublino Irlanda   1 – 2   Italia Amichevole -
13-3-1985 Atene Grecia   0 – 0   Italia Amichevole -
3-4-1985 Ascoli Piceno Italia   2 – 0   Portogallo Amichevole 1
2-6-1985 Città del Messico Messico   1 – 1   Italia Amichevole -
6-6-1985 Città del Messico Italia   2 – 1   Inghilterra Amichevole -
25-9-1985 Lecce Italia   1 – 2   Norvegia Amichevole -
5-2-1986 Avellino Italia   1 – 2   Germania Ovest Amichevole -
11-5-1986 Napoli Italia   2 – 0   Cina Amichevole -
31-5-1986 Città del Messico Italia   1 – 1   Bulgaria Mondiali 1986 - 1º turno -
5-6-1986 Puebla Italia   1 – 1   Argentina Mondiali 1986 - 1º turno -
10-6-1986 Puebla Italia   3 – 2   Corea del Sud Mondiali 1986 - 1º turno -
17-6-1986 Città del Messico Francia   2 – 0   Italia Mondiali 1986 - Ottavi di finale -
Totale Presenze (53º posto) 47 Reti 5

Statistiche da allenatoreModifica

Statistiche aggiornate al 30 giugno 2005.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
mar.-giu. 2005   Roma A 10 1 4 5 CI 4 1 1 2 - - - - - - - - - - 14 2 5 7 14,29
Totale carriera 10 1 4 5 4 1 1 2 - - - - - - - - 14 2 5 7 14,29

PalmarèsModifica

 
Conti, accanto al presidente Sandro Pertini, bacia la Coppa del Mondo vinta dall'Italia ai Mondiali 1982.

GiocatoreModifica

ClubModifica

Competizioni giovaniliModifica
Roma: 1972-1973, 1973-1974
Roma: 1973-1974
Competizioni nazionaliModifica
Genoa: 1975-1976
Roma: 1982-1983
Roma: 1979-1980, 1980-1981, 1983-1984, 1985-1986, 1990-1991

NazionaleModifica

Spagna 1982

IndividualeModifica

1982
2017

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ FIBS Schede vita baseball, su schedevita.fibs.it. URL consultato l'11 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2012).
  2. ^ a b Bartoletti
  3. ^ Maurizio Crosetti, L'addio a Sivori, in la Repubblica, 19 febbraio 2005.
  4. ^ (Esclusiva) Bruno Conti: Quella volta che un allenatore al Nettuno mi lasciò sospeso alla traversa..., su vivoazzurro.it, 22 luglio 2014.
  5. ^ F. Baranello, 28 novembre 1990 - 25 anni fa le ultime veroniche di Bruno Conti, su laroma24.it, 28 novembre 2015.
  6. ^ Bruno Conti: "Quando Eto'o venne a Roma", su corrieregiallorosso.com, 13 marzo 2012.
  7. ^ Hall of Fame: gli undici eletti della Classe 2012, su asroma.it, 20 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012).
  8. ^ Essere Bruno Conti, su gazzetta.it, 17 febbraio 2011.
  9. ^ Chiara Zucchelli, Roma, Bruno Conti rinnova ma lascia il settore giovanile: tocca a Tarantino, su gazzetta.it, 12 aprile 2016.
  10. ^ Gli azzurri del mundial '82 premiati al CONI con il Collare d'oro al Merito Sportivo, su figc.it, 19 dicembre 2017. URL consultato il 21 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2017).

BibliografiaModifica

  • Marino Bartoletti, CONTI, Bruno, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica