Bruno Fonzi

scrittore e traduttore italiano

Bruno Fonzi (Macerata, 27 gennaio 1914Milano, 5 giugno 1976) è stato uno scrittore e traduttore italiano, collaboratore di case editrici.

BiografiaModifica

Figlio di Giuseppe e Maria Teresa Brancati, d'origine l'uno abruzzese e l'altra marchigiana, si trasferì con la famiglia a Torino nel 1926. Laureatosi in economia e commercio volle poi muoversi a Roma, dove collaborò con l'Istituto Luce e divenne amico, tra gli altri, di Giacomo Debenedetti, Giorgio Bassani, Libero Bigiaretti, Alberto Moravia, Niccolò Gallo, Ennio Flaiano ed Elsa Morante. Collaborò con "Il Mondo", di Mario Pannunzio (dal 1953 al 1960) e con "Il Caffè" di Giambattista Vicari. Tradusse dall'inizio e per tutta la vita molte opere dall'inglese e dal francese, sia in libri sia per rappresentazioni teatrali.

Nel 1949 sposò Ada Fosco[1], da cui ebbe due figlie. Poi si stabilì nuovamente a Torino (ma l'estate si recava spesso a Bordighera), dove collaborò con l'Einaudi. Altre sue traduzioni sono apparse per Mondadori, Frassinelli, Longanesi, Adelphi e Rizzoli. Negli ultimi anni passò come consulente editoriale alla Garzanti.

OpereModifica

NarrativaModifica

  • Serata di baldoria (1941), all'interno di Meridiano di Roma (rivista)
  • L'uomo a zero (1958; ritratto di Primo Levi[2])
  • Un duello sotto il fascismo (1961), (Einaudi), racconti
  • Il maligno (1964; Premio Chianciano; n. ed. 1993), (Einaudi), romanzo
  • Tennis (1973), (Einaudi), romanzo
  • I pianti della Liberazione (1974), (Einaudi)
  • Equivoci e malintesi (1975), (Einaudi), racconti 1942-74

TraduzioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Nata nel 1927, è una studiosa di linguistica.
  2. ^ Ora leggibile in "Riga", n. 13, pp. 115-118.

BibliografiaModifica

  • Bruno Fonzi. Le insidie dell'intelligenza, a cura di Gualtiero De Santi, Montefeltro, Urbino 1990
  • Fabio Ciceroni e Valerio Volpini (a cura di), Le Marche tra parole e immagini. Autori marchigiani del '900, Milano, Federico Motta Editore / Banca delle Marche, 1996.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN207612671 · ISNI (EN0000 0000 8355 1510 · SBN IT\ICCU\CFIV\050422 · LCCN (ENnr95045880 · GND (DE119408414 · NLA (EN35226667 · WorldCat Identities (ENlccn-nr95045880